AEROPONICA: coltivazione senza substrato

Coltura aeroponica, cos’è?

L’ aeroponica (aero- coltura) è un nuovo tipo di coltivazione in serra, che avviene in assenza di substrato.

Questo significa che le radici delle piante non sono immerse in alcun terreno ma bensì sospese in aria.

Questa ad oggi risulta essere una tecnica futuristica della coltivazione, ma che può dare una soluzione adeguata , in un ambiente odierno così inquinato e spesso non più adatto alla coltura.

Tecnica di coltivazione aeroponica

Coltivazione aeroponica

coltivazione aeroponica: sospensione delle radici

La tecnica di coltivazione dell’ aeroponica è molto avanzata: le piante vengono coltivate sospese, sorrette da appositi pannelli forat i(solitamente in polistirolo espanso) all’interno di canalette in pvc (materiale riciclabile, robusto e igienico), ne esistono diversi tipi e forme a seconda della coltura (per floricoltura, rampicanti, orto coltura etc..).

In questo modo le radici delle piante sono esposte all’aria e non sono a contatto di alcun substrato e di sostanze inquinanti.

Le sostanze nutritive vengono direttamente nebulizzate sul sistema radicale. Anche i tubi sono in pvc e non sono a rischio di usura. Le sostanze nutritive vengono pompate dalle vasche alle radici attraverso degli spruzzatori direzionali.

coltivazione aeroponica

Schema di coltivazione aeroponica

Il tempo di crescita e sviluppo delle piante è il medesimo di quelle coltivate in terra, ma con il grosso vantaggio di non avere interruzioni ( per stagioni o periodi di riposo della terra), avendo così una maggiore resa produttiva.

Come per le colture idroponiche anche qui il drenaggio avviene attraverso delle canalette, che permettono di riutilizzare le soluzioni nutritive, raccogliendole e usandole nuovamente grazie alla pendenza data al sistema strutturale.

Con questo tipo di coltivazione sarà più facile poter utilizzare al massimo gli spazi della serra e dei sistemi di soluzione nutritiva, regolandone i parametri.

Nei sistemi di produzione non indoor, il sistema di controllo è computerizzato in modo tale da poter controllare tutti i parametri sia relativi all’ambiente che alla coltura.

Quali sono i vantaggi/svantaggi di questo tipo di coltivazione?

coltura aeroponica

Tipologia di sistema aeroponico

Attualmente la coltura aeroponica in Italia come nel resto d’Europa è ancora in via di sviluppo, i paesi che già la utilizzano sono il Canada, l’Australia e alcuni paesi degli Stati Uniti.

Sicuramente uno dei lati positivi di questo tipo di coltura è che si rivolge a casi singoli, specifici e non è possibile standardizzarne l’utilizzo.

Attraverso lo sviluppo di coltivazioni aeroponiche in terreni aridi o rocciosi, l’ aeroponica potrà essere utilizzata nei prossimi decenni, nella soluzione del problema della fame nel mondo; l’obiettivo primario futuro sarebbero i paesi come L’Africa.

Questo tipo di sistema permetterebbe, in assenza di substrato, di poter coltivare varietà vegetali, indipendentemente dal luogo.

Sicuramente sul piano pratico, ci sono ancora diversi svantaggi che rallentano lo sviluppo su territorio di questo tipo di coltura.

serra per coltura aeroponica

Serra per coltura aeroponica

Il primo riguarda l’elevato costo degli impianti e dei sistemi computerizzati, che per altro presentano ancora dei sistemi di gestione e controllo ancora troppo complicati per l’agricoltore “medio”.

Legato a questo problema entra anche quello dell’ancora elevato consumo di energia e della scarsa adattabilità dei sistemi di coltura alle varietà vegetali (sono tecniche specifiche ancora in via di sviluppo).

Ad ogni modo si auspica che questo sistema di coltivazione possa negli anni presentare innovazioni sempre più vantaggiose e positive atte ad affrontare problemi non solo di resa produttiva, ma soprattutto di miglioramento di vita, specie per quei paesi che per condizioni climatiche-ambientali e di sviluppo, sono ad oggi, sottosviluppate.

Piante officinali, piante medicinali e piante aromatiche
L’origine del nome è latina; deriva dalla parola “officina”, che si riferisce ai laboratori farmaceutici dove si lavoravano le erbe per creare compost...
Il giardino in piena estate: bordature, aiuole fiorite, laghetto
Con il mese di Luglio si entra nel pieno della stagione estiva. Il caldo afoso caratterizza questo periodo: bordature e aiuole fiorite hanno bisogno d...
Il radicchio rosso. Seminalo adesso nell'orto
Il radicchio rosso è una tipologia di insalata tipica del periodo autunnale, se seminata adesso sarà pronta per essere raccolta e consumata nel mese d...
Curare le piante in vaso, prevenire i danni peggiori
Anche per le piante in vaso l’estate risulta un periodo difficile da sostenere, in particolare il mese di agosto, quando normalmente si raggiungono le...
La cura del prato: cosa fare prima dell’arrivo del freddo
Se si vuole un bel prato nella stagione primaverile è necessario curarlo a partire dall’autunno. Esistono due strade principali: la prima consiste nel...
Tutto sul porro: dalla semina alla raccolta
Il porro è un ortaggio appartenente alla famiglia delle Liliacee, stretto parente sia del giglio che della cipolla, ha da sempre un posto d’onore all’...
Coltivare in inverno nell'orto: la bietola
La bietola, Beta Vulgaris, è un ortaggio molto antico. Appartiene alla famiglia delle Chenopodiaceae ed è molto utilizzata in cucina per insalate e pe...
Le piante Composite, dal giardino alla tavola
Le composite (dette anche asteracee) sono la famiglia di piante da fiore più numerosa, con oltre 20.000 specie: circa il 10% di tutte le specie da fio...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.