L’AGAVE ATTENUATA: una pianta grassa che viene dal Messico

L’Agave è una pianta molto amata, soprattutto nei luoghi di mare, dove spicca per la sua inconfutabile eleganza.

L’Agave Attenuata è scientificamente denominata “agauòs, che in graco vuol dire “splendido”. E’ una pianta originaria del Messico, come molte piante grasse e cactacee.

Inflorescenza dell'Agave Attenuata

In natura come vegetazione spontanea è difficile trovarla, tanto da essere considerata una pianta rara.

In realtà, oggigiorno, viene coltivata artificialmente e la sua specie in questo modo non corre alcun pericolo di estinzione.

L’Agave Attenuata è giunta dagli altipiani del Messico alle nostre coste nel 1834, grazie all’esploratore italiano Galeotti.

Ed è proprio lui che dobbiamo ringraziare se oggi piacevolmente possiamo osservare giardini e bordure paradisiache che solo piante come l’Agave possono donare.

Caratteristiche dell’AGAVE ATTENUATA

L’Agave Attenuata è una pianta grassa carnosa e ricca d’acqua. Come si può ben capire ama particolarmente le alte temperature mentre non apprezza per nulla le basse temperature invernali, soprattutto delle zone nordiche.

La particolarità principale di questa pianta, e la sua foglia, priva di spine difensive.

Al contrario di molte altre piante grasse che hanno spine difensive più o meno lunghe e pungenti, l’Agave Attenuata è amata proprio per questa caratteristica che la rende inerme, sinuosa ed elegante.

Oltre a questo, la pianta ha un’ulteriore caratteristica, in età adulta sviluppa un “caule”, cioè un fusto resistente che la eleva fino ad un metro e mezzo di altezza.

Le sue foglie sono eusiformi e arrivano ad una lunghezza, in età adulta, fino a 70 centimetri.

L’Agave è inoltre, una pianta in grado di produrre fiori che appaiono durante il periodo estivo.

I fiori sono riuniti in un racemo che può raggiungere la lunghezza di 3 metri, sono gialli e in alcuni casi anche sul verde acido e producono una serie di bulbi utili per la sua riproduzione.

agave pianta

L'agave è una pianta che può essere cotivata in vaso

Il colore della pianta è di un verde chiaro brillante che permette di creare degli accostamenti originali sia in aree esterne che in luoghi chiusi e riparati.

Cure necessarie

Come già accennato in precedenza, l’Agave Attenuata ama le alte temperature estive.

Essendo originaria del Messico, non può essere coltivata ovunque, ma è necessario decidere il luogo più idoneo per farla crescere forte e sana.

Se si decide di coltivarla, pur abitando in luoghi con temperature rigide, l’Agave deve essere protetta in luoghi caldi come all’interno di una serra, piuttosto che in appartamento o in balconi comunque riparati.

L’Agave, infatti, non riesce a sopportare temperature che scendono al di sotto dei 5°C.

Oltre a ciò, la pianta ama la luce, di conseguenza è preferibile collocarla in un ambiente luminoso, caldo e a temperatura costante.

agave Per quanto riguarda il suo fabbisogno nutritivo, l’Agave richiede di essere bagnata una volta al mese e in misura relativamente ridotta.

Se viene coltivata in vaso l’unico accorgimento da fare è quello di scegliere un vaso profondo che consenta alle radici di crescere in modo equilibrato, permettendo di avere un buon appiglio, vista anche la sua crescita cospicua nel corso della sua vita.

Inoltre la profondità del vaso è utile perchè, per garantire la giusta idratazione dell’Agave, è importante collocare sul fondo uno strato drenante di ghiaia e sabbia di circa 10 cm, in modo da evitare ristagni, poco apprezzati dalla painta.

Altro consiglio è quello di proteggere la pianta da eventuali tagli, magari provocati da altre piante grasse con spine, in quanto la pianta ne risentirebbe molto.

Come si può vedere l’Agave non ha bisogno di molte cure, certo qualche accorgimento non guasta mai, ma non necessita di attenzioni costanti, solo alcuni dettagli fondamentali per consentirle di resistere nel tempo, crescendo in tutta la sua altezza ed in tutta la sua vigorosità e bellezza.

Il consolidamento dei terreni con le piante
Molti terreni possono risultare pericolosi e smottati. Proprio per questo l'ingegneria naturalistica si è prefissata di studiare il modo idoneo per co...
Il Rododendro potatura, cure, malattie
I Rododendri sono piante molto apprezzate, soprattutto per la rigogliosa fioritura, capace di colmare e arredare intere porzioni di giardino. In n...
La campanula PLATYCODON, pianta dei kimono giapponesi
La Platycodon è una pianta erbacea perenne molto graziosa per i suoi fiori a campanula allargata, dai colori delicati e freschi. Questo è il period...
Andare in vacanza ad Agosto...ma chi cura le piante dell’orto e del giardino
Per chi possiede un giardino, ma soprattutto un orto, assentarsi per anche un breve periodo può risultare problematico. E’ comunque possibile prenders...
Piante pericolose: l’Ambrosia e l'allergia ai suoi pollini
L’Ambrosia è una pianta pericolosa per la nostra salute. Soprattutto nei comuni del nord Italia è d’obbligo provvedere all’eliminazione di questa pian...
Quando scegliere il decespugliatore a benzina
Se il vostro giardino ha una conformazione a più livelli, oppure non è completamente pianeggiante, o ancora se esistono dei punti difficilmente raggiu...
Coltivare le piante tropicali: le serre
La coltivazione delle piante tropicali è imprescindibile da caratteristiche climatiche ben precise. Di sicuro la temperatura è l’elemento più importan...
La Rosa Rugosa, coltivare d'inverno.
Tra gli esemplari di piante da seminare con il freddo vi consigliamo la Rosa Rugosa, si tratta di una pianta cespugliosa di particolare bellezza, in g...



Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!