L’AGRIFOGLIO: come coltivare un classico del Natale

Ogni anno a Natale le nostre case si riempono di simbologie che rappresentano la festività.

L’albero di Natale, il vischio e ovviamente non può mancare l’agrifoglio.

Il nome scientifico di questa pianta è Ilex Aquifolium, è una pianta appartenente alla famiglia delle Aquifoliacee.

In Italia è una pianta molto diffusa e presenta circa 400 specie differenti.

L’agrifoglio è molto presente sul nostro territorio, allo stato spontaneo, anche se ormai è molto diffuso anche nella coltivazione domestica.

Durante le feste natalizie, la vendita dell’agrifoglio cresce a dismisura.

Le leggende dell’AGRIFOGLIO

agrifoglio pianta natale

L'agrifoglio è una pianta molto comune in Italia, soprattutto allo stato selvatico

Ma perchè l’agrifoglio è un simbolo del Natale?

La leggenda narra che un piccolo orfanello, ricevette un giorno la visita di alcuni angeli araldi che gli annunciarono la nascita di Cristo.

Allora il bambino decise di andare ad incontrare Cristo per poter festeggiare la lieta novella e prostrarsi a lui.

Decise poi di portargli un dono. Quando arrivò davanti al Bambin Gesù, pose davanti a lui una corona di rami d’alloro, ma pensò che fosse indegna dell’evento.

A quel punto Cristo toccò la corona e fece brillare le foglie di un verde smeraldo acceso e le lacrime dell’orfanello diventarono bacche rosse.

Così si racconta dell’agrifoglio e della sua nascita, ed è per questo motivo che ad oggi è uno dei simboli della festa.

In ambito pagano la storia dell’agrifoglio è un po’ diversa. Si narra che in Irlanda, le famiglie più povere, reperivano grandi quantità di agrifoglio per poter arredare casa durante le festività.

In questo modo, senza alcun costo, riuscivano ad addobbare la casa per le feste, utilizzando i colori caratteristici del Natale.

Un altro mito descrive l’agrifoglio come arma di difesa contro le avversità; considerato quindi come una buona presenza difensiva in casa.

A oggi rappresenta sia la festa religiosa che quella pagana, ma mantiene stabile ogni anno, l’importanza della sua presenza in casa.

Caratteristiche dell’AGRIFOGLIO

L’agrifoglio è una pianta arborea che ha foglie ovali con bordi spinosi e presenta bacche rosse che colorano il periodo invernale.

Allo stato spontaneo l’agrifoglio può crescere fino a 20 metri di altezza. Se invece viene coltivato in modo domestico e controllato, riesce a raggiungere massimo i 5 metri di altezza.

I caratteristici frutti della pianta dell’agrifoglio durano tutto l’inverno, mentre in primavera nascono piccoli fiorellini bianchi.

le bacche rosse dell'agrifoglio

Le bacche rosse sono una delle caratteristiche principali della pianta

Le foglie hanno una durata molto elevate, possono infatti resistere per molti anni prima di cadere, lasciando il posto a quelle nuove.

L’agrifoglio è una pianta che necessita di poche cure. Cresce ovunque, l’importante è garantire un buon drenaggio del terreno. L’ideale per la sua crescita è un terreno ricco di humus.

La caratteristica principale della pianta è la sua resistenza, soprattutto per quanto riguarda la pianta di agrifoglio comune.

L’agrifoglio vive in condizioni di pieno sole e di piena ombra, senza mostrare grossi problemi.

Il sole permette di mantenere costante e brillante il colore verde delle sue foglie spinose.

Come coltivare l’AGRIFOGLIO in casa

Avere un agrifoglio in casa non è complicato. Infatti, l’agrifoglio può vivere anche in vasi, senza mostrare difficoltà di crescita.

Per mantenere un agrifoglio in tutto il suo splendore, bisogna sapere che sopporta facilmente un clima variabile, ma non gradisce inverni estremamente rigidi.

L’agrifoglio necessita di essere bagnato 2 volte alla settimana e non di più.

Il terreno ideale è acido, leggero, come ho detto prima ricco di humus.

Essendo una pianta resistente, può comunque crescere anche in terreni con la presenza di un po’ di calcare.

l'agrifoglio può essere coltivato

L'agrifoglio può essere coltivato facilmente in un vaso

La potatura dell’AGRIFOGLIO

Come ogni pianta, per crescere correttamente, necessita di tanto in tanto, di una leggera potatura.

L’agrifoglio ha una crescita lenta e di conseguenza, anche in questo caso, non necessita di grandi cure.

Di tanto in tanto vanno tagliati quei rami che alterano la simmetria della pianta. L’unico consiglio che vi posso dare è: munitevi di guanti, perchè il rischio di pungersi con le foglie è alto e soprattutto è fastidioso.

Utilizzo della pianta di AGRIFOGLIO

L’agrifoglio è comunemente utilizzato come fiore reciso, come elemento ornamentale.

In realtà può essere utilizzato e dona un piacevole valore aggiunto al giardino, come siepe perimetrale.

come coltivare agrifoglio

Inoltre alcune specie, ad alberello, hanno foglie lucide estremamente belle, in grado di abbellire piccoli e grandi giardini, terrazze e balconi metropolitani, donandone un tocco di raffinatezza in più.

Grazie all’agrifoglio sarà possibile donare il giusto valore aggiunto alla propria casa, preparandola in modo adeguato alle feste di Natale.

Al mare o in montagna: curare il giardino e l’orto in Maggio
Nel mese di Maggio, con l'incalzare della primavera e di un clima più mite, ci sono molti lavori da fare in giardino e nell'orto che variano a seconda...
Curiosità: perché la pianta dell’ortica punge?
L’ortica è una pianta molto comune e conosciuta, principalmente per le sue caratteristiche urticanti. Cresce in abbondanza soprattutto nei terr...
Il Sedum: una pianta succulenta da fiore
Il sedum è una pianta multiforme diffusa su tutto il territorio: è facile trovarlo sia nelle regioni caratterizzate da clima tropicale che in quelle a...
Un'erbacea perenne dal fogliame che stupisce: il Coleus
Il genere Coleus è una pianta di origine tropicale, appartiene alla famiglia delle Labiatae, comprende circa 150 specie differenti e provenienti quasi...
Attrezzature da giardino utili: i biotrituratori
I biotrituratori sono degli ottimi alleati per il compostaggio. Sono delle utilissime macchine in grado di ridurre in maniera importante il volume di ...
Perché le piante di fico non fanno fiori?
Pensateci. Avete mai visto i fiori di una pianta di fico? Sicuramente vi ricorderete con facilità i fiori di meli, peri, susine, ciliegi e molti altri...
Il fico, albero coltivato da millenni
Il nome scientifico del fico è Ficus carica, con riferimento al fatto che questa pianta si ritiene abbia origine in Asia minore e precisamente nella r...
Il calendario lunare di Ottobre 2012
Come ogni mese è bene seguire i movimenti della luna per scoprire quali lavori sono più indicati per ogni differente periodo lunare. L’influenza della...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!