Agrumi ornamentali

Gli Agrumi ornamentali: dai giardini storici a quelli moderni

Agrumi da frutto e da ORNAMENTO

Il contrasto verde intenso ed arancio sono un ottimo elemento decorativo dei giardini

Il ruolo degli agrumi dal punto di vista ornamentale, oltre che agricolo, è nel corso dei secoli fino ad oggi sempre stato di grande importanza.

Il senso della bellezza dalla chioma sempreverde al colore col profumo dei loro fiori e frutti rendono queste piante tra le più apprezzate nei giardini del Mediterraneo.

Gli agrumi nella storia

arance ornamentali

Alberi sempreverdi e dai colori intensi di fiori e frutti

La diffusione degli agrumi nel mondo è stata grande e costante, interessando aree del mondo molto lontane e diverse per clima ed ecologia.

Il successo delle piante di agrumi, oltre alle qualità alimentari, è dovuto alla capacità di saper conciliare in modo straordinario, il senso della bellezza della chioma sempreverde al colore e al profumo dei loro fiori e frutti.

I luoghi di origine degli agrumi si trovano in estremo oriente, con particolare riferimento alla Cina e ai territori circostanti. Le più antiche testimonianze riguardanti queste piante si hanno in Cina e India del V secolo a.C.

Nei secoli gli agrumi hanno seguito l’uomo nelle migrazioni da Oriente verso Occidente. Snodo fondamentale di questa migrazione è stato la Mesopotamia: in questa regione prima i Sumeri e poi i Babilonesi inventarono l’agricoltura e crearono anche i primi giardini per mero scopo ornamentale.

Il secondo passo verso Occidente dell’agrumicoltura ha a che fare con la cultura greca. La mitologia racconta della celeberrima fatica di Ercole del furto dei “pomi aurei” (agrumi) dall’impenetrabile giardino delle Esperidi.

Nell’epoca romana numerose sono le testimonianze pittoriche e letterarie riguardanti gli agrumi, specie con epicarpo giallo: limoni, cedri, lime.

Sul finire del primo millennio d.C., gli arabi introdussero e valorizzarono l’arancio amaro nell’intera area del Mediterraneo. L’arancio amaro ben si armonizzava infatti, con l’architettura araba delle moschee e dei cortili interni.

Famosi esempi sono il “Patio de los naranjos” della Mezquita di Cordova, edificata nel VIII secolo d.C e la cittadella araba di Siviglia. In Italia e in particolar modo in Sicilia, dopo la conquista araba, trova massima espressione il giardino mescolato all’agricoltura, di cui i Normanni conserveranno e assumeranno a modello.

Durante il rinascimento fu la dinastia dei Medici a valorizzare gli agrumi nei giardini di Firenze e di Pisa, tanto che questa pianta divenne il simbolo della casata.

Pittori e poeti che volessero onorare la famiglia Medici, spesso inserivano nelle loro opere piante di agrumi come simbolo di ricchezza ed eterna giovinezza. Al riguardo famoso è l’esempio della Primavera di Botticelli.

Nel seicento si diffondono le orangeries, veri e propri edifici per piante ed alberi esotici che venivano in questo modo riparati dal freddo.

Elementi del paesaggio Mediterraneo

Ancora oggi gli agrumi costituiscono elementi fondanti di molti paesaggi mediterranei, di cui ne costituiscono l’identità estetica. Gli agrumi ornamentali delle ville siciliane, gli aranceti del Gargano o la limonicoltura amalfitana sono simboli del paesaggio dell’Italia meridionale.

Di particolare interesse è il “jardino” di Pantelleria: dove i muri di pietra vulcanica, costruiti a secco, circondano pochi alberi di agrumi proteggendoli dal vento e aumentando l’ombreggiamento e la riserva idrica del suolo.

Gli agrumi possono essere coltivati in tutte le zone che vanno dall’equatore al 40° parallelo nord e sud. Non tutte le specie hanno la stessa adattabilità: tra le più ubiquitarie è l’arancio.

Alcune specie come pomelo, pompelmo e lime si adattano bene a climi caldi. Altre, come limone, cedro, clementine e satsuma si coltivano con più successo nelle regioni temperate.

Caratteristiche degli agrumi dei giardini moderni

alberello di limone nano

Molti alberi di agrumi vivono bene anche in vaso, come quest'alberello di limone nano che si può mettere comodamente anche su un terrazzo o balcone.

Gli agrumi ornamentali devono contenere un riassunto dei caratteri di pregio estetico, ovviamente differenti dai caratteri utilizzati per l’agricoltura, che mirano invece a massimizzare la produzione.

La chioma deve essere fitta e compatta in modo da non lasciare intravedere spazi vuoti, con un gradevole contrasto di colore tra fogliame e frutti; questi possono anche avere forma inusuale o curiosa come negli agrumi variegati o digitati.

La fioritura degli agrumi deve essere abbondante e profumata.

La pianta deve adattarsi alla coltura in vaso, fruttificare abbondantemente con frutti che rimangono per lungo tempo sulla pianta.

Altra importante caratteristica è la resistenza ai parassiti, per evitare di dover effettuare trattamenti con insetticidi nei giardini.

Tra gli agrumi oggi maggiormente usati per la loro bellezza oltre all’arancio amaro si annoverano il limone (specie la varietà lunario, dal frutto particolarmente grosso e giallo), il kumquat, il calamondino e il chinotto.

Le Cycas: bellissimi fossili viventi, sembrano palme ma...
Origini nella preistoria Le cycas sono piante dall’aspetto palmiforme evolute oltre duecento milioni di anni fa. La apparente somiglianza di...
Scegliere le piante per l’acquario domestico
Per la realizzazione di un acquario che si rispetti è necessario introdurre anche delle piante acquatiche. Queste piante non si limitano ad assolvere ...
Dalla nocciola piemontese a quella romana, scopriamo le varietà di nocciole italiane
Le nocciole italiane sono considerate le migliori al mondo. Si tratta di una pianta dalle origini molto antiche, già presente da tempi immemori su tut...
Contro il vento: come proteggere le piante
Il freddo intenso e le correnti d’aria possono creare molti più danni di quanto si possa immaginare. Il vento e l’abbassamento di temperatura sono una...
Il melograno è bello tutto l’anno e fruttifica ad ottobre
Il melograno, o Punica Granatum, è una pianta originaria dei territori ad oriente dell’Afghanistan. Questo esemplare era già conosciuto da Babilonesi,...
Le piante Composite, dal giardino alla tavola
Le composite (dette anche asteracee) sono la famiglia di piante da fiore più numerosa, con oltre 20.000 specie: circa il 10% di tutte le specie da fio...
Il carrubo, una pianta resistente e longeva
Il carrubo, Ceratonia siliqua, è una pianta tipica della macchia mediterranea appartenente alla famiglia delle leguminose. L’origine di questa specie ...
Arredare il giardino con le fioriere in legno, ecocompatibili e belle
Con l'arrivo dell'estate è bello immergersi nel verde e godere appieno dei nostri freschi spazi all’aperto. E' possibile provare il piacere di ...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!