Allestire l’acquario in modo da creare un effetto armonioso

Non sempre si considera che la vegetazione all’interno della vasca dei pesci è molto importante per mantenere in equilibrio l’ecosistema che si crea nell’acquario. E’ quindi necessario indirizzare la scelta verso determinati esemplari specifici, ponendo anche l’attenzione nei confronti della corretta collocazione degli esemplari stessi.

Allestire l’acquario

Le piante da inserire all’interno dell’acquario non vanno scelte semplicemente in base al gusto estetico; è infatti importante scegliere soprattutto in base sia ai pesci che si ospiteranno nell’acquario, sia tenendo conto degli elementi che saranno presenti all’interno della vasca.

Acquario tropicale

Acquario tropicale

Il primo passo da compiere prima di iniziare ad acquistare è quindi quello di comprendere bene quali piante sono più adatte per essere messe a dimora nel nostro acquario domestico. Inoltre è importante progettare un giusto schema distributivo utile per pianificare il successivo acquisto.

I pesci, per sopravvivere al meglio all’interno dell’acquario hanno bisogno che l’acqua sia sempre in buone condizioni; le piante si occupano principalmente di eliminare la maggior parte delle sostanze nocive contenute all’interno della vasca, occupandosi inoltre di produrre ossigeno durante le ore del giorno, elemento di vitale importanza per ogni essere vivente.

Come abbiamo già accennato le piante da collocare all’interno dell’acquario non hanno solo una valenza estetica, non si devono scegliere quindi solamente per essere ammirate. Hanno infatti anche l’importante compito di equilibrare il piccolo ecosistema che si sviluppa all’interno della vasca, garantendo inoltre un giusto equilibrio biologico.

Come scegliere le piante da acquario

Allestire acquario

Alternathera reineckii

La prima informazione necessaria per chi vuole intraprendere l’avventura di un acquario in casa è quella di considerare che questo avrà un aspetto mutevole ed in continuo movimento: sia le piante che i pesci cresceranno.

Sarà poi necessari indirizzare la scelta tra piante d’acqua dolce, le più acquistate, e piante di acqua salata. Per ogni pianta è necessario informarsi sulle effettive condizioni di crescita: tutti gli esemplari hanno bisogno di differenti quantità di luce, va poi previsto lo sviluppo, da tenere sempre sotto controllo. Controllare bene le caratteristiche di ogni pianta serve anche per prevenire errori grossolani che rischierebbero di compromettere la salubrità dell’acquario. Per esempio posizionare alcuni esemplari troppo vicini, senza prevederne la crescita, vuol dire soffocare le piante.

Vi consigliamo di differenziare molto le specie che acquisterete, in modo tale da variare l’ecosistema, ma soprattutto ciò creerà un senso di vivacità all’interno dell’acquario.

Scegliere i colori

Normalmente le piante di acqua dolce, perfette per gli acquari domestici, sono reperibili in tutte le tonalità del verde e del rosso.

Se volete una pianta di colore verde chiaro vi consigliamo di scegliere Ceratophyllum demersum o Cabomba caroliniana. Il primo esemplare consigliato ha una colorazione verde chiaro ed è caratterizzata da un fusto con forma filiforme in grado di produrre aghi sottili e molto lunghi che si intrecciano fra loro. Si tratta di un esemplare perfetto in abbinamento con sassi di colorazione scura o con legni scuri. Il secondo esemplare consigliato ha fusti lunghi e affusolati di colore verde chiaro, questi diventano il luogo preferito per i piccoli pesci che popolano gli acquari.

Rotala

Rotala

Se invece preferite le tonalità verde scuro vi consigliamo di scegliere l’Anubia lanceolata: questa pianta ha foglie coriacee picciolate, di solito non supera i 30 centimetri.

Per creare dei punti di colore potete scegliere esemplari di colore rosso, sono perfetti insieme a piante verdi collocate sullo sfondo. Tra le tante specie presenti vi indichiamo la Rotala e l’Alternathera reineckii.

Scegliere l’acqua marina

Normalmente è piuttosto complicato trovare sul mercato piante in gradi di crescere all’interno di ambienti ricchi di sale. Per ovviare il problema normalmente si scelgono le piante di acqua dolce più robuste: queste sono infatti in grado di resistere anche all’acqua salmastra.

Ceratophyllum demersum

Ceratophyllum demersum

Solitamente questo processo è normale anche in prossimità delle foci dei fiumi: qui sono presenti piante di acqua dolce normalmente soggette alle maree.

La procedura di adattamento delle piante d’acqua dolce all’ambiente salmastro è piuttosto lunga e complessa. Per prima cosa è necessario mettere a dimora le piante in acqua dolce ed attendere il loro adattamento; una volta che queste si sono adattate e stabilizzate completamente è possibile aumentare gradatamente la percentuale di salinità dell’acqua. Questa procedura si deve protrarre per settimane: è necessario passare da un ambiente con piccole percentuali saline, ad uno con medie quantità di sale: per far ciò procedete sciogliendo all’interno della vasca del sale marino sintetico di buona qualità.

Quando la quantità di sale sarà stabilizzata e le piante saranno completamente adattate alla nuova condizione si dovranno attuare le medesime cure utilizzate per le piante d’acqua dolce: utilizzate luci ben strutturate e procedete con la fertilizzazione costante.

 

Piante acquatiche per abbellire vasche e laghetti del giardino:ninfee,fior di loto, calle
Le piante acquatiche e palustri emergenti dell’acqua hanno grande importanza nella decorazione nei giardini caratterizzati da laghetti, sponde, vasche...
La coltivazione degli agrumi: i frutti del sole
Gli agrumi sono le piante per eccellenza da collocare in frutteti familiari o per decorare giardini e terrazzi. E’ inconfondibile la bellezza delle lo...
AEROPONICA: coltivazione senza substrato
Coltura aeroponica, cos'è? L' aeroponica (aero- coltura) è un nuovo tipo di coltivazione in serra, che avviene in assenza di substrato. Questo sig...
Concimazione e fertilizzazione delle piante: consigli utili
Spesso le piante vengono coltivate in terreni non abbastanza buoni o non del tutto adatti alla loro crescita; ciò avviene per esempio nei vasi, fiorie...
Il giardino della nonna: ricreiamo un luogo dedicato ai ricordi
Viviamo in un periodo nel quale diventa sempre più attuale recuperare il passato, onorandone i ricordi o recuperando e riutilizzandone gli oggetti. Un...
Le peonie risvegliano il giardino in primavera
Le peonie appartengono alla famiglia delle erbacee che durante l’inverno si essiccano completamente, per poi svegliarsi con l’inizio della primavera, ...
Rucola e valerianella piantiamole nel nostro orto
La primavera è il periodo ottimale per seminare insalate nel nostro orto. Poco lavoro, pulizia del terreno ed eliminazione degli infestanti, garantira...
Il robot rasaerba: una comodità per la cura del prato
Uno degli aspetti più impegnativi  nell'avere un giardino, riguarda la cura e l'impegno che la persona deve metterci per farlo crescere bello e rigogl...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.