Attrezzature da giardino utili: i biotrituratori

I biotrituratori sono degli ottimi alleati per il compostaggio. Sono delle utilissime macchine in grado di ridurre in maniera importante il volume di qualsiasi rifiuto prodotto dal giardino stesso. Il risultato sarà la produzione di un’ottima quantità di humus di prima qualità.

Come funzionano i biotrituratori

Qualsiasi operazione svolta in giardino, come tagliare le siepi, rasare il prato o semplicemente potare le piante, produce una quantità di rifiuti dal volume per niente trascurabile. Questa massa di rifiuti deve essere smaltita in qualche modo.

Attrezzature da giardino

Come funziona il biotrituratore

Il biotrituratore diventa un elemento indispensabile per trovare una soluzione a questo problema.

La macchina è infatti in grado di trasformare l’intera quantità di rifiuti in pezzetti piccolissimi, in grado di occupare meno di un decimo del volume iniziale. Ciò rende inoltre questo materiale di scarto perfetto per ottenere del compostaggio.

I biotrituratori funzionano in maniera differente a seconda del tipo di lame utilizzate: di base principalmente agiscono sfibrando o sminuzzando i rifiuti.

Biotrituratori per rami

Biotrituratori per rami

Le lame in grado di sfibrare risultano adatte per trattare i rami: questi vengono schiacciati e successivamente tagliati seguendo il senso longitudinale; questa particolare operazione viene chiamata cippatura e consiste nell’apertura completa delle fibre. Le lame in grado di sminuzzare sono invece ottime per tritare rami, foglie e erba, agiscono frantumando i rifiuti.

Solitamente si scelgono biotrituratori con lame adatte a sfibrare quando è necessario compostare rifiuti derivanti dalle potature degli alberi.

Biotrituratori con lame per sminuzzare sono perfetti per chi ha un giardino e si deve occupare della manutenzione, producendo rifiuti che vanno dal piccolo rametto fino ad una quantità ingente di fogliame.

Usare i biotrituratori è vantaggioso

Utilizzare i biotrituratori si rivela decisamente vantaggioso.

Se non potete, o non volete, acquistarne uno è possibile affittarli rivolgendosi a centri specializzati.

Tra gli innumerevoli vantaggi il più evidente è senza dubbio il fatto che nel giro di pochissimo tempo, questione di minuti, si riduce in modo sensibile il volume dei rifiuti prodotti dalle normali attività di giardinaggio.

Un altro vantaggio non trascurabile è che il biotrituratore rende compostabile praticamente qualsiasi tipo di rifiuto verde e marrone prodotto dal giardino, (o da qualsiasi area verde). In questo modo non saremo più costretti a trasportare tutti i rifiuti nell’area ecologica più vicina.

Inoltre il materiale ecologico, dopo questo trattamento, si decompone in tempi molto più brevi ed in maniera più uniforme, creando un compost di ottima qualità.

biotrituratore a benzina

Biotrituratore senza cesto di raccolta

Cosa controllare per scegliere al meglio

  • Motore: potete scegliere se orientarvi su un biotrituratore con motore elettrico o motore a benzina. Se scegliete un biotrituratore a benzina di sicuro avrà una potenza maggiore: si tratta di uno strumento adatto a grandi volumi, in più la scelta è obbligata se non si dispone di energia elettrica. Per un giardino di media grandezza, con una quantità di rifiuti limitata, si consiglia di scegliere un biotrituratore elettrico.
  • Imboccatura: l’inserimento del materiale di scarto all’interno della macchina deve risultare semplice e comodo, inoltre tutto deve svolgersi con la massima sicurezza. La dimensione dell’imboccatura regola anche la grandezza massima del materiale che ci si può introdurre all’interno. In più dovete controllare che l’imboccatura disponga di un sistema di protezione in grado di proteggere dagli eventuali contraccolpi dovuti dall’impatto tra il materiale inserito e le lame.
  • Tipologia di lame: come abbiamo accennato in precedenza possibile disporre di differenti tipi di lame a seconda dell’uso che se ne deve fare. Di base normalmente si può scegliere tra sfibratrici e sminuzzatrici. A seconda della lama scelta dipenderà la qualità del materiale prodotto dal biotrituratore. Le lame sfibratrici funzionano in modo ottimale sui rami, le lame sminuzzatrici sono ottime sia per i rami che per qualsiasi rifiuto verde.

    biotrituratore elettrico

    Scarti di giardino

  • Compattezza: è importante che la macchina, quando avrà terminato il suo lavoro, possa essere comodamente riposta senza occupare troppo spazio.
  • Cesto di raccolta: in questo caso si tratta di un accessorio non del tutto indispensabile, ma molto utile per evitare che il materiale prodotto dal biotrituratore si sparga liberamente sul terreno. In questo modo non sarà necessaria una fase ulteriore di raccolta.

L’irrigazione del giardino
L’irrigazione è una tecnica agricola che affonda le sue radici nel passato. In Italia venne valorizzata in particolare dagli arabi che la importaro...
Creare una porta nel verde con le rampicanti ispirandosi ai Giardini Hanbury
Passeggiando nei parchi la nostra attenzione può essere facilmente catturata da angoli dalle atmosfere e dal fascino particolare. Sarebbe bello riusci...
Al mare o in montagna: curare il giardino e l’orto in giugno
Cosa fare nel mese di giugno a seconda che ci si trovi al mare o in montagna. Piccoli consigli per far crescere al meglio le piante.
L’albero delle orchidee: la Bauhinia
Si tratta di una pianta non troppo conosciuta. Una volta vista vi colpirà grazie alla fioritura profumata e dalle tonalità rosa. Per crescere in piena...
Consigli su come curare i giardini rocciosi in estate
La stagione estiva è sempre il periodo più problematico per tutte le piante. Anche il giardino roccioso non fa eccezioni e ha bisogno di cure spec...
Sicurezza al primo posto anche quando si lavora in giardino
Le statistiche affermano che l’ambiente domestico è ricco di pericoli, ciò lo conferma anche il numero sempre più alto di incidenti domestici. Diventa...
Piantare i bulbi a fine estate per la fioritura primaverile
Dalla metà del mese di settembre è possibile iniziare a piantare le bulbose per la fioritura primaverile; tra queste elenchiamo: tulipani, crochi, mus...
Il fico, albero coltivato da millenni
Il nome scientifico del fico è Ficus carica, con riferimento al fatto che questa pianta si ritiene abbia origine in Asia minore e precisamente nella r...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!