Il Bambù, pianta ornamentale dai molti usi

I Bambù appartengono alla famiglia delle poaceae o graminacee così come i cereali. Queste piante sono originarie delle regioni tropicali e sub tropicali; la maggior parte delle specie è di origine asiatica.

Con il termine Bambù si intendono le specie di piante appartenenti a oltre 70 generi, tra cui Phyllostachis, Bambosa, Pleioblastu, Arundiaria, etc. All’interno quindi dei diversi Bambù troviamo grandi differenze in termini di dimensioni, esigenze nutrizionali ed adattamento al clima mediterraneo.

I Bambù coltivati a scopo ornamentale possono dare un tocco esotico al giardino e possono anche venire coltivati in vaso. Inoltre posti su un lato del giardino possono anche essere impiegati come frangivento, grazie alla struttura dei loro fusti che li rende elastici e resistenti alle rotture.

Caratteristiche generali

Tutti i Bambù hanno un portamento arbustivo, sono sempreverdi e presentano i fusti cavi, così come tutte le graminacee. Le radici di queste piante si sviluppano rapidamente e tendono ad approfondirsi molto.

coltivazione Bambù

Alcune specie di Bambù possono raggiungere dimensioni notevoli, con altezze che vanno sopra i 10 metri

Se si decide di coltivare Bambù in vasosarà quindi opportuno avere dei vasi adeguatamente profondi per non reprimere troppo l’apparato radicale. Le radici presentano inoltre i caratteristici rizomi, che possono essere utilizzati per la moltiplicazione agamica di queste piante.

Alcune specie presentano rizomi che tendono a crescere orizzontalmente nel terreno e da cui si svilupperanno nuove piante. In questo modo i Bambù assumono un comportamento strisciante, ovvero tendono a colonizzare tutta la superficie messa a loro disposizione, in alcuni casi divenendo anche troppo “invasivi”.

La coltivazione del Bambù

Tutti i Bambù richiedono molta acqua, che si traduce in estate in irrigazioni quasi giornaliere che possono essere diradate dall’autunno in avanti. Visto che necessitano ambienti umidi può essere vantaggioso effettuare nebulizzazioni sulla chioma. Inoltre hanno bisogno che il terreno sia ben drenato per non incorrere in marciumi e asfissia delle radici. Inoltre, una fertilizzazione con un concime che contenga sia i macroelementi che i microelementi necessari alla crescita può favorire un più rapido accrescimento dei Bambù.

I Bambù hanno una forte tendenza a perdere il fogliame, al riguardo può essere vantaggioso mantenere le foglie secche sopra il terreno sia per arricchirlo in sostanza organica sia per l’ effetto pacciamante che permette al terreno di rimanere fresco e umido.

Una pianta da usi molteplici

Bambù pianta

I bambù tendono a perdere le foglie, mantenere uno strato di queste ai piedi delle piante, aiuta a mantenere il terreno umido

I Bambù hanno trovato numerosissimi impieghi nell’industria alimentare , edilizia e farmaceutica. In Asia questa pianta trova spazio all’interno di molti piatti tipici.

Il legno contenente fibre molto lunghe ne ha permesso l’utilizzo per la produzione di carta, parquet e di truciolati da utilizzare nell’edilizia. I tronchi trovano anche impiego sia nella costruzione di mobili dallo stile etnico che all’interno del cemento per aumentarne la resistenza alla trazione. La flessibilità e resistenza dei tronchi ne consente anche l’utilizzo per fabbricare canne da pesca di elevata qualità.

La presenza abbondante di cheratina e silicio nei tessuti di queste piante ne fa intravedere anche l’utilizzo per la produzione di lozioni e creme benefiche per la pelle ed il cuoio capelluto.

Curiosità

In Asia le foreste di Bambù giocano un ruolo importante per la sopravvivenza dei panda, a forte rischio di estinzione, che trovano proprio nelle foglie di queste piante il loro unico nutrimento.

La Camelia: un fiore invernale
La camelia può essere coltivata sia in vaso che in piena terra. Il periodo di fioritura va dal mese di dicembre fino all’inizio della primavera. La C...
Il Mandorlo: un albero da frutto da piantare nel mese di febbraio
Il mandorlo è una pianta da frutto tipica dell’area del Mediterraneo, appartiene alla famiglia delle rosacee ed è una pianta perenne da frutto; si col...
L’orto e il frutteto in piena estate
Le temperature si alzano, l’acqua piovana scarseggia, le operazioni da svolgere nell’orto e nel frutteto per far crescere al meglio le piante aumentan...
Piantare l’Ibisco per dare un tocco esotico al giardino
Si tratta di piante dall’aspetto molto delicato che nascondono una natura decisamente resistente. Sono in grado di crescere in territori difficili, sp...
Duranta Repens: una novità sui toni dell'azzurro
La Duranta Repens è una pianta arbustiva appartenente alla famiglia delle Verbenacee. Questo esemplare è presente sul mercato da appena tre anni; il s...
Proboscidea Louisianica: una pianta quasi carnivora
Si chiama Proboscidea Louisianica, o lusitanica, non si può definire una vera e propria pianta carnivora. Agisce catturando piccoli insetti con facili...
Coltivare agrumi in vaso in autunno
Con l'arrivo dell'autunno e dell'inverno la coltivazione delle piante da frutto richiede cure e attenzioni particolari per far star bene anch econ il ...
Piante spontanee del Mediterraneo. Due lamiacee: il the siciliano e il camedrio femmina
Piante spontanee del Mediterraneo: Prasium majus, il the siciliano Il the siciliano è una labiata spontanea di molte regioni italiane che si affaccia...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!