Il calendario lunare di Ottobre 2012

Con l’arrivo della stagione autunnale è tempo di riordino e di pulizie anche nei nostri orti e nei nostri giardini. Sono tante le cose da fare, così come le energie da spendere tra rami da potare e terreni da rivoltare.

Come ogni mese è bene seguire i movimenti della luna per scoprire quali lavori sono più indicati per ogni differente periodo lunare.

L’influenza della luna sulle colture è una credenza popolare che non poggia su basi scientifiche, nonostante sia verificato che il nostro pianeta subisca davvero dei cambiamenti a seconda della fase lunare, come accade per esempio per le maree. Nonostante tutto è uso comune seguire scrupolosamente quanto indicato dal calendario lunare, cerchiamo quindi di capire cosa fare durante il mese di Ottobre 2012.

L’arrivo dell’autunno

Con l’arrivo dell’autunno, e soprattutto dei primi freddi, c’è da mettere in preventivo che purtroppo si dovranno abbandonare tutte quelle coltivazioni di ortaggi a lungo ciclo. Dovremmo aspettare l’anno prossimo per riprendere la coltivazione di pomodori, melanzane, peperoni e zucche, ma non preoccupatevi, non rimarrete senza lavoro da fare. La stagione autunnale è infatti la più propizia per iniziare a seminare l’orto. Ciò che si inizia a coltivare in autunno potrà farci compagnia sulle nostre tavole fino all’inverno, alcune coltivazioni si protrarranno addirittura fino a primavera inoltrata. Tra le coltivazioni ideali per la stagione autunnale vi segnaliamo senza dubbio la cipolla invernale, le fave e i piselli. Non si dovrà curare solamente l’orto in questa stagione anche frutteto, giardino e terrazzo ci daranno il loro bel da fare. Facilitiamoci quindi il lavoro seguendo passo passo le fasi lunari.

Cosa fare dall’ultimo quarto di luna

Cipolle invernali

Cipolle invernali

Ottobre 2012 inizia con una luna in fase calante, il periodo è quindi propizio per seminare nell’orto lattuga da taglio e spinaci, trapiantiamo anche la cipolla. In questa prima parte del mese il frutteto avrà più che altro bisogno di lavori di manutenzione, iniziamo quindi lavorando il terreno, per poi concimarlo e pacciamarlo.

In ultimo non dobbiamo dimenticarci di terrazzo e giardino. Ormai quasi tutti gli alberi sono alla fine di un intenso periodo di fioritura, è quindi importante procedere con la potatura dei rami. Anche gli arbusti a foglia caduca e le rose necessitano il medesimo trattamento di potatura.

Cosa fare dalla luna nuova

Con la luna nuova nel nostro orto si può procedere con la semina dei ravanelli; nel frutteto si possono invece piantare le fragole rifiorenti. Per quanto riguarda il giardino e il terrazzo ci si deve portare avanti con i lavori: è infatti il momento propizio per seminare le piante annuali in cassetta e per piantare tutti i bulbi che fioriranno nella prossima primavera.

Cosa fare dal primo quarto di luna

Con l’arrivo del primo quarto di luna si consiglia sempre di procedere con la moltiplicazione per divisione delle piante aromatiche di tipo annuale.

Fragole rifiorenti

Fragole rifiorenti

Nel frutteto si consiglia di seminare le drupacee ed è giunto il momento di terminare la raccolta sia di cachi che di castagne.

Anche nel giardino e nel terrazzo è tempo di moltiplicazione: con il primo quarto di luna si più procedere con la talea delle piante sempreverdi. Il periodo è propizio anche per la messa a dimora di nuovi arbusti e di nuove piante di rose.

Cosa fare durante la luna piena

La luna piena è il periodo giusto per piantare e concimare le nuove aiuole. Nel frutteto molta frutta di stagione è ormai giunta a maturazione ed è tempo di raccoglierla, ma non mancano le operazioni di manutenzione per mantenere le piante in salute: ricordiamoci di irrorare il frutteto con gli antiparassitari, eviteremo spiacevoli problemi nelle prossime stagioni.

Se ci sono bulbi ormai completamente sfioriti sia in giardino che in terrazzo è il momento di toglierli dai vasi e metterli al riparo: dopo un periodo di riposo saranno pronti per essere nuovamente messi a dimora. Siccome le temperature vanno via via calando con rapidità  ricordiamoci di proteggere dal freddo tutte le piante più delicate, solo in questo modo potranno sopravvivere ai rigidi inverni. Se abitate in territori del nord Italia, e se soprattutto ne avete la possibilità, vi consigliamo di portare in casa le piante più delicate, a causa delle basse temperature notturne ci sono alte probabilità che queste non riescano a sopravvivere all’aperto. In caso di dubbi vi consigliamo inoltre di rivolgervi ai garden center specializzati, i loro addetti saranno a vostra disposizione per sciogliere ogni tipo di dubbio in merito.

L’Aglaonema: una pianta d’appartamento che sopporta molte avversità
L’Aglaonema appartiene alla famiglia delle Aracee. Si tratta di piante sempreverdi ed erbacee originarie prevalentemente dell’Asia del Sud. In questa ...
Piante tropicali: la Dieffenbachia cure e malattie
La Dieffenbachia è una pianta d’appartamento di origine tropicale molto nota, e sicuramente apprezzata. E’ caratterizzata da foglie di grandi dimensio...
Gradevoli frutti di bosco: il lampone
Il lampone è un frutto buonissimo, cresce su un cespuglio robusto facile da coltivare. Basteranno poche cure e questa pianta si ammalerà raramente. M...
Composizioni con le PIANTE ACQUATICHE
Per cambiare un po', soprattutto se si vuole avere un angolo del proprio giardino o del proprio balcone particolare, con un non so' che di esotico, si...
Le tecniche di propagazione delle piante
Esistono diverse tecniche efficaci per riprodurre con facilità le piante. Tra le più comuni abbiamo margotta e talea; alcune di queste si possono effe...
Thunbergia Grandiflora: pianta decorativa o pianta infestante?
La Thunbergia Grandiflora è una pianta originaria del subcontinente indiano, attualmente è presente anche nel continente Australiano come pianta rinse...
Proboscidea Louisianica: una pianta quasi carnivora
Si chiama Proboscidea Louisianica, o lusitanica, non si può definire una vera e propria pianta carnivora. Agisce catturando piccoli insetti con facili...
Piante aromatiche non solo in cucina: dalla cosmesi all’uso ornamentale
Le piante aromatiche sono tra gli esemplari che, se coltivati a dovere, possono avere molteplici usi differenti. Normalmente si utilizzano con frequen...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!