Chorisia speciosa, un albero tropicale dai fiori colorati

albero tropicale dai fiori colorati

la Chorisia speciosa si caratterizza per la sua chioma fiorita in autunno

La Chorisia speciosa è un albero originario delle foreste tropicali del Sud America, appartenente alla famiglia delle Malvacee.

Si tratta di piante maestose ed imponenti che a maturità possono raggiungere i 20-metri d’altezza.

La Chorisia speciosa , nota nei suoi paesi di origine coi nomi di “algodonero” o “ceiba do Brasil”, viene in italia chiamata anche “falso kapok”. Infatti nei frutti di questa pianta è presente una fibra lanosa attaccata ai semi, simile appunto al kapok, ma di qualità più scadente. Nei paesi di origine questa fibra viene utilizzata per l’imbottitura di materassi e cuscini.

Caratteri botanici

Il tronco del falso kapok si caratterizza per la presenza di abbondanti spine grosse e coriacee che ricoprono in particolare i rami giovani.

I fiori sono contraddistinti da un lungo pistillo e dai petali di colore rosso striato di rosa, che rendono questa pianta apprezzata per l’arredo urbano e nei giardini pubblici e privati.

I frutti sono delle grosse capsule, pesanti oltre 500 gr, all’interno dei quali si trovano i semi e le fibre lanose.

Coltivazione della Chorisia speciosa

La Chorisia si adatta bene in terreni dotati di una buona quantità di sostanza organica, pertanto è bene effettuare una concimazione con letame prima di mettere le piante a dimora.

Essendo una pianta tropicale ha elevate esigente di luce, per cui è meglio porla in una posizione soleggiata.

Questa specie si può propagare per seme o per talea. Nel caso di propagazione per talea è opportuno porre un tutore per proteggere le piante dal vento. Le irrigazioni devono essere limitate, più frequenti nelle piante giovani.

Uso ornamentale

Chorisia speciosa

La Chorisia è una pianta maestosa, alta anche 20 metri e richiede spazi adeguati

Questi alberi sono utilizzabili come piante ornamentali in tutti quegli ambienti che ne permettono un facile sviluppo.

Essendo una pianta di origine tropicale la Chorisia avrà bisogno di temperature miti in inverno a calde in estate. Grazie al suo fusto carnoso e spinescente si presta molto bene a resistere alla siccità.

La Chorisia viene oggi utilizzata nel nell’ arredo urbano in molti paesi dal clima mite, come in California, nella Costa Azzurra e sull’isola di Madera.

In Sicilia questa pianta è utilizzata per le alberature stradali; a Palermo in particolare le alberature di Chorisia abbelliscono la cittadella universitaria e via Archirafi, sede dell’orto botanico.

Sostituire le palme morte con la Chorisia speciosa?

Nella ri-progettazione del verde pubblico e privato, la Chorisia speciosa è tra le specie candidate per sostituire nel breve tempo le palme delle Canarie, negli ultimi anni falcidiate dalle infestazioni di Punteruolo rosso. Infatti la Chorisia è una pianta che si adatta bene a crescere in condizioni difficili grazie alla sua rusticità, inoltre l’effetto della sua chioma fiorita all’inizio dell’autunno è di elevato valore ornamentale.

Tuttavia nella progettazione del verde pubblico e privato, è bene tenere presente che le queste piante hanno uno sviluppo notevole della chioma e delle radici e necessitano quindi di spazi adeguati.

In particolare, lo sviluppo dell’ apparato radicale superficiale tipico di queste piante, col passare del tempo può causare dei danni ai marciapiedi, alle aiuole ed al manto stradale.

Inoltre i fiori carnosi in autunno cadono e se non vengono rimossi rapidamente, danno luogo, dopo le piogge, a una melma sgradevole e scivolosa.

Gazebo e pergolati per impreziosire il giardino
La realizzazione di pergolati e gazebo in un giardino spesso nascono per esigenza di creare un riparo o riempire un vuoto. Il tempo ha contribuito a ...
Piante stagionali e vivaci: fiori effimeri e colorati per tutto l’anno
Le piante erbacee spesso hanno un aspetto molto fragile ed insignificante. Se si raggruppano in aiuole diventeranno elementi importanti ed indispensab...
Al mare o in montagna: curare il giardino e l'orto ad Aprile
I cambiamenti climatici che avvengono ad inizio primavera sono differenti a seconda dei climi. In più l'aumentare delle temperature provoca anche lo s...
Come fare un GIARDINO ROCCIOSO
Si potrebbe definire, senza voler risultare dissacrante, il “giardino zen” europeo. L’ho definito così perché si tratta sempre di un angolo di pa...
Buddleja in fiore: poche cure indispensabili
La Buddleja davidii, specie più nota sul territorio Italiano, è di semplice coltivazione. Si tratta di una pianta rustica che sopporta bene sia le alt...
Il Lupino da fiore, protagonista di mezza estate
Si tratta di una pianta acidofila perenne appartenente alla famiglia delle leguminose. E’ una pianta dall’aspetto vigoroso, le foglie si raccolgono al...
Settembre: il giardino al mare e il giardino in montagna
Cosa fare al mare i in montagna nei nostri giardini. La stagione sta cambiando e le temperature si abbassano di giorno in giorno. Ogni giardino avrà b...
Gli impollinatori. Chi sono gli insetti che visitano i fiori?
Molte specie di insetti, ed in alcuni casi anche i ragni, possono essere trovate sui fiori. Alcune di queste specie visitatrici hanno un ruolo importa...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!