Coltivare l’aglio: un concentrato di virtù

Aglio: proprietà curative

Il sapore intenso dell’aglio lo pone alla base di molti piatti della tradizione culinaria italiana. Inoltre è un enorme concentrato di virtù. Questa pianta non potrà quindi mancare nell’orto di casa, anche in terrazzo.

L’aglio è indicato per chi soffre di pressione alta, ha infatti spiccate proprietà ipotensive.

In più va ricordata la sua azione disinfiammatoria, particolarmente utile in caso di contrazioni e reumatismi.

Coltivare aglio nell’orto e in balcone

Coltivare aglio

Aglio appena colto

Coltivare l’aglio è molto semplice, a patto che si utilizzi un substrato adatto. L’aglio è una bulbosa e come tutti i bulbi soffre l’umidità stagnante; questa infatti causerebbe fenomeni di marcescenza.

Solitamente l’aglio viene coltivato in zone con suolo povero e sassoso, caldo e soleggiato. E’ importante comunque praticare la rotazione delle colture anche nei terreni dove si coltiverà l’aglio, questo perché si riporterà un alto contenuto di azoto nel suolo, evitando soprattutto consistenti apporti di concime, spesso mal sopportati dalle bulbose.

E’ importante rispettare il ciclo di rotazione anche per limitare l’insorgere di malattie. Si dovrà quindi aspettare anche 3 o 4 anni prima di poter ripiantare aglio o altri ortaggi della stessa famiglia nella stessa parcella di terreno.

L’aglio potrà essere coltivato anche in balcone in cassette profonde. Si dovrà eseguire uno strato drenante, utilizzando palline di argilla che favoriranno il drenaggio perfetto.

Sconsigliamo l’utilizzo del comune terriccio in sacchi. Sarà opportuno miscelarlo in parti uguali con del terriccio da compost e sabbia di fiume.

Far germogliare i bulbi, utilizzando un vasetto con un velo d’acqua, è molto semplice; è anche facile trovare piante già pronte da trapiantare nella maggior parte dei garden center.

Seminare aglio

Aglio in vaso

Gli spicchi d’aglio vanno distanziati circa 7 centimetri l’uno dall’altro; se si vogliono piantare più file vanno distanziate di circa 25 centimetri. I bulbi inoltre vanno piantati ad una profondità di circa 5 – 7 centimetri.

Se ci si trova in un clima particolarmente piovoso si deve procedere con le irrigazioni solamente nelle prime fasi della crescita, per poi far crescere l’aglio in un terreno poco umido.

Per l’aglio coltivato in vaso continuate ad irrigare fino a quando i bulbi non presenteranno per intero una colorazione verde; quando le foglie si seccheranno interrompete l’irrigazione: sarà il momento di raccogliere l’aglio. Le teste, dopo la raccolta, devono asciugare fino a quando non si staccheranno con semplicità dal resto della pianta. In un luogo fresco ed asciutto l’aglio resiste bene fino a sei mesi.

Seminare aglio ed evitare i parassiti

Aglio ornamentale:allium roseum, allium sphaerocephalon, allium karataviense

Aglio ornamentale

L’aglio è l’elemento ideale per chi decide di avviare la coltivazione di un orto completamente bio. Questa pianta ha infatti una spiccata azione repellente nei confronti di molti insetti fitofagi soprattutto delle piante ornamentali e di quelle degli orti. L’aglio non rilascia nessun tipo di sostanza tossica su queste piante e sugli insetti utili (come le api), agisce esclusivamente sui parassiti.

Inoltre nei bulbi dell’aglio è contenuta una sostanza chiamata “allicina”: si tratta di un antibiotico naturale molto potente in grado di funzionare anche come antifungino. Questa sostanza avrà un’azione repellente sugli afidi, acari e tignole.

L’aglio ha anche qualità antibatteriche efficaci a rallentare alcune malattie, come per esempio la peronospora. Distribuendo l’aglio nel terreno si potranno combattere alcune tipologie di nematodi in grado di danneggiare le radici di alcune piante ornamentali e di alcuni tipi di ortaggi.

Facendo macerare 100 grammi di bulbi in 10 litri di acqua per ameno 12 – 24 ore si otterrà un efficace antiparassitario naturale. Dopo aver filtrato il liquido lo si deve nebulizzare sulla pianta. Questa operazione va ripetuta ogni dieci giorni, fino all’eliminazione completa del parassita.

Aglio ornamentale

E’ possibile trovare l’aglio da fiore in un gran numero di varietà differenti: allium roseum, allium sphaerocephalon, allium karataviense e numerose altre. I fiori hanno forma globosa e sono particolarmente adatti anche per le composizioni recise. Fioriscono da fine primavera per tutta l’estate. E’ piuttosto semplice coltivare queste specie anche con substrati poveri, necessita solamente di luce solare ed una buona irrigazione.

L’aglio ornamentale può essere coltivato senza particolari difficoltà anche in vaso, purchè questo sia piuttosto profondo.

L’Hippeastrum, meglio conosciuto come Amaryllis: cura della pianta e curiosità
Come abbiamo precedentemente esposto l’hippeastrum può essere coltivato sia all’aperto che al chiuso. I bulbi conservati in questa maniera produrranno...
AEROPONICA: coltivazione senza substrato
Coltura aeroponica, cos'è? L' aeroponica (aero- coltura) è un nuovo tipo di coltivazione in serra, che avviene in assenza di substrato. Questo sig...
Il Friuli in primavera: un incanto da scoprire in Carnia
La regione della Carnia è la più ricca d’Europa per quanto riguarda le specie vegetali, tra fiori ed erbe, ospitate; se ne contano infatti circa 2100....
Contro lo stress? La Maggiorana
La Maggiorana si confonde facilmente con l’origano, sia per l’aspetto che per l’odore molto simile, anche se la Maggiorana risulta molto più delicata ...
Coltivare le fragole anche come piante ornamentali
Le piante di fragole sono molto longeve, si riproducono mediante divisione degli stoloni radicali, o in alternativa con propaggine degli stessi. Quest...
Capire meglio l'influenza della luna sulle piante
L’effetto esercitato dalla luna sul nostro pianeta influenza la vita dei campi e delle colture. Questo particolare effetto era già noto anche agli egi...
Come avere fioriture invernali: la forzatura dei bulbi
La tecnica di forzatura dei bulbi viene comunemente utilizzata dai vivaisti in questa stagione, in modo tale da ottenere piante in fiore pronte per es...
Il complesso mondo delle piante grasse
Siamo abituati a definire tutta una serie di esemplari come “piante grasse”. Va precisato che tale definizione è impropria dal punto di vista botanico...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!