Coltivare le fragole anche come piante ornamentali

Le piante di fragole sono molto longeve, si riproducono mediante divisione degli stoloni radicali, o in alternativa con propaggine degli stessi.

Pianta di fragole

Pianta di fragole

Queste piante possono essere tranquillamente inserite in qualsiasi tipo di orto familiare. Nel nostro paese crescono bene ovunque, poiché riescono ad adattarsi facilmente a climi caldi, soprattutto se bagnate con regolarità; sono anche in grado di sopportar tare climi freddi senza particolari problemi, eccezione fatta per i territori di alta montagna – dove gli inverni sono decisamente troppo rigidi per queste piante.

E’ possibile la coltivazione anche al di fuori dell’orto, infatti si inseriscono con semplicità all’interno di un giardino: ottimale sarebbe un’aiuola dedicata, ma basta anche una bordatura.

Gli esemplari di fragole a fiore rosa descrivono al meglio la doppia valenza decorativa e produttiva di questa pianta. Si tratta di esemplari rifiorenti da coltivare assieme alle fragole comuni. L’effetto ornamentale sarà molto bello: un alternarsi di fiori bianchi e rosa, susseguito da frutti che matureranno in successione.

Per coltivare fragole il suolo deve essere umido

Per coltivare al meglio le piante di fragole, garantendo quindi una produzione continua e rinnovata nel tempo, necessitano semplicemente di essere bagnate e nutrite costantemente; è inoltre molto importante liberarle da qualsiasi tipo di infestante.

Le fragole sono piante che in natura crescono nel sottobosco, richiedono quindi substrati freschi e un’umidità costante nel tempo.

Fragola rosa

Fragola a fiore rosa

In presenza di suoli particolarmente aridi può facilmente capitare il disseccamento della parte aerea. Nonostante si debba garantire un’umidità costante si consiglia di evitare l’irrigazione a pioggia, è meglio scegliere quella per scorrimento nei solchi. Se proprio si cerca una metodologia ottimale di irrigazione sarà opportuno optare per quella localizzata, in grado anche di tenere sotto controllo dannosi sprechi di acqua.

L’utilizzo del sistema di irrigazione mediante tubo forato è utile per evitare di bagnare la parte aerea della pianta, in questo modo diminuisce notevolmente la percentuale di frutti marci o con scottature dovute ai raggi solari.

Un metodo molto semplice per capire quando è il momento di bagnare la pianta è quello di osservare il fogliame: le foglie devono mantenere sempre l’aspetto turgido. Un altro elemento da considerare è la consistenza dei frutti, questi non devono mai essere mollicci. Ultimo elemento da controllare è la plasticità del terreno: si deve verificare che questo risulti morbido al piede della pianta.

Se si vuole ottenere una produzione di fragole abbondanti servirà innaffiare la pianta poco ma molto spesso. Ricordatevi che il periodo di maturazione delle fragole è quello che richiede il maggior quantitativo di acqua.

Usare spesso il fertilizzante

Fragoleto

Fragoleto

Se si possiede un piccolo orto familiare basterà un semplice innaffiatoio per irrigare le piante.

All’acqua di irrigazione si deve aggiungere del fertilizzante liquido in soluzione, da somministrare alla base di ogni piantina.

Utilizzando fertilizzanti ricchi di potassio (tre parti) si otterranno frutti molto colorati, zuccherosi e saporiti; per stimolare la produzione dei frutti si consigliano due parti di azoto e una parte di fosforo.

La raccolta delle fragole va fatta al mattino

La raccolta delle fragole, per favorire la crescita dei frutti più piccoli, deve essere scalare e tempestiva.

Questa pratica va effettuata il mattino, appena la rugiada si asciuga.

Quando arrivano i primi freddi si devono eliminare i frutti che non sono giunti a maturazione; a fine febbraio andranno poi eliminate le parti secche e più vecchie.

La riproduzione delle fragole

La pianta di fragole è un esemplare tappezzante in grado di riprodursi con estrema facilità. Ogni pianta, durante la crescita annuale, propaga stoloni radicali, si tratta di steli radicali emanati dalla pianta “madre” in senso orizzontale.

Le nuove piante si trovano o sulla punta degli stoloni, oppure collocati in punti intermedi della propagazione. Esistono due modi semplici

Coltivare le fragole

Fragole in fiore

per riprodurre la pianta: divisione degli stoloni radicati oppure tentando una sorta di propaggine degli stessi stoloni.

Si può procedere in questo modo: nel primo caso i fili radicali sottili che partono dalle radici stesse della pianta si possono tranquillamente tagliare e ripiantare in un altro luogo; nel secondo caso gli stoloni si collocano in un vasetto posto accanto alla pianta “madre”, questi non vanno recisi dall’apparato radicale.

Poche attenzioni, ma necessarie

Il substrato che ospita le piante di fragole non deve avere un pH alto, ciò causerebbe un assorbimento piuttosto difficoltoso del ferro, con conseguente ingiallimento del fogliame.

E’ anche molto importante stare attenti alle innaffiature, in modo particolare si devono evitare i ristagni di acqua, che potrebbero facilmente causare asfissia radicale e comparsa di malattie fungine particolarmente nocive per la pianta.

Coltivare piante in casa –I parte -
Coltivare piante in casa è una pratica antica che risale già al 1400 a.C.. Esistono infatti testimonianze di piante ornamentali presenti nelle case de...
Coltivare la frutta per avere centrifugati freschissimi
I succhi di frutta sono buoni e rinfrescanti, soprattutto col sopraggiungere dei primi caldi. Ovviamente sono sani e ci aiutano a mantenere una buona ...
Arredamento per esterno e accessori da giardino per l’estate 2011
La bella stagione porta con sé la voglia di uscire di casa e chi ha un giardino ama rilassarsi dopo il lavoro o durante una pausa nel proprio spazio a...
Geranium sconosciuti. Coltivali in piena terra!
I fiori denominati impropriamente “gerani”, cioè quelli comunemente ospitati sui nostri balconi in estate, appartengono alla famiglia dei Pelargoni. Q...
Consigli su come curare i giardini rocciosi in estate
La stagione estiva è sempre il periodo più problematico per tutte le piante. Anche il giardino roccioso non fa eccezioni e ha bisogno di cure spec...
Tutto sul porro: dalla semina alla raccolta
Il porro è un ortaggio appartenente alla famiglia delle Liliacee, stretto parente sia del giglio che della cipolla, ha da sempre un posto d’onore all’...
Piante in balcone: attenzione al freddo autunnale
Nelle aree del nord Italia il freddo è già arrivato, per quanto riguarda i territori del centro e del sud le temperature si mantengono ancora miti. E’...
Giardinaggio a Gennaio: seguire il calendario lunario
Con l’arrivo di gennaio è il momento giusto per mettere via gli attrezzi per un po’ di tempo. Ricordatevi però che prima necessitano di manutenzione, ...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!