Coltivare le piante per star bene con se stessi: l’Horticolture Therapy

L’uomo è stato dipendente dalle piante sin dall’inizio dei tempi. Da sempre infatti le piante forniscono cibo, vestiti, riparo e medicine essenziali per la sopravvivenza degli esseri umani.

La Horticolture Therapy si propone di innalzare il legame tra le piante e l’uomo fino a strumento  terapeutico. La Horticolture Therapy è infatti una pratica che utilizza la cura delle piante come mezzo per migliorare il benessere fisico, psicologico, sociale e cognitivo dell’uomo a scopo terapeutico e riabilitativo

Basi della Horticolture Therapy

 star bene con se stessi Horticolture Therapy

Star bene con se stessi con l'Horticolture Therapy. 5 minuti di movimento nel verde sono sufficienti ad aumentare autostima e benessere, riducendo i rischi di malattie mentali depressione e ansia

Le piante sono in grado di trasmetterci e di suscitare emozioni positive: questo principio sta alla base della Horticolture Therapy. Ognuno di noi rimane colpito alla vista della perfezione e simmetria di un fiore, si compiace della visione di una pianta coltivata con successo e si sente rinnovato alla vista degli alberi fioriti in primavera. È quindi indiscutibile che vi sia una speciale connessione tra l’uomo e le piante, i giardini o i paesaggi naturali in genere.

Storia della Horticolture Therapy

La relazione tra l’uomo e la natura e l’idea che questa sia in qualche modo connessa al generico concetto di “buona salute” ha profonde radici nella filosofia, nell’arte e nella cultura popolare.

Alla fine del ‘700 il Dr. Benjamin Rush, uno dei firmatari della dichiarazione d’indipendenza americana e da molti ritenuto il primo medico psichiatra, per primo evidenziò i benefici dell’attività in campagna su persone che erano mentalmente disturbate. Da allora in avanti molti altri studi hanno confermato la salubrità dell’attività agricola e dagli inizi del ‘900 la Horticolture Therapy è stata utilizzata sempre più frequentemente all’interno dei programmi di trattamento delle persone con disturbi mentali e psicologici, divenendo oggi una parte importante dei programmi di cura a e riabilitazione.

Perché le piante sono benefiche alla psiche?

Gli spazi verdi hanno sulla mente umana un importante effetto nel generare serenità ed aumentare il senso di autostima. Stare a contatto con la natura determina effetti positivi nel tenere sotto controllo la pressione arteriosa e nel ridurre la tensione muscolare. Gli individui sembrano trarre beneficio dall’attività di “gardening”, ovvero giardinaggio. Quest’attività migliora le funzionalità cognitive, sensoriali e motorie della persona oltre a incrementare il benessere e il livello di soddisfazione generale dell’individuo anche a  livello sociale. L’attività agricola inoltre differisce dalle altre attività lavorative per la stagionalità dei lavori, che spesso nelle altre attività sono invece monotoni e alienanti.

Gardening come attività all’aria aperta

Gardening

I fiori inducono spontaneamente un sorriso in chi li riceve e un aumento dei pensieri positivi nei giorni successivi

I benefici del giardinaggio sono evidenti anche dal punto di vista dell’attività fisica.

Infatti è stato calcolato che in 45 minuti di attività di gardening vengono bruciate tante calorie quante quelle bruciate in 30 minuti di attività aerobica, mentre in un’ora utilizzata a strappare le erbacce manualmente si bruciano 500 calorie: le stesse che si bruciano giocando un’ora a tennis!

Il giardino in Aprile: scegliere i colori dei fiori delle piante perenni
Aprile è il mese migliore per dar vita alle nuove aiuole di piante perenni. Le fioriture sono differenti ed è importante decidere gli accostamenti cro...
Innestare le piante per renderle resistenti e produttive
L’innesto è un metodo di moltiplicazione delle piante che prevede l’unione di porzioni di piante diverse in modo da costituire un unico individuo....
Le piante autunnali: l'Erica
L’erica è una pianta autunnale che si trova facilmente in vendita già a partire dalla fine del mese di agosto. Si tratta di una pianta molto gradevole...
Gerani in inverno, come farli sopravvivere anche ad estate conclusa
I gerani sono i protagonisti dell’estate, si trovano con facilità e colorano i giardini e i balconi con allegria. Di solito a fine stagione vengono el...
Come avere fioriture invernali: la forzatura dei bulbi
La tecnica di forzatura dei bulbi viene comunemente utilizzata dai vivaisti in questa stagione, in modo tale da ottenere piante in fiore pronte per es...
Curare l’orto: quando seminare le cipolle
La cipolla è una bulbosa biennale, normalmente coltivata come pianta annuale. Si presenta con l’aspetto di un bulbo di grandi dimensioni, fatto a stra...
Aromatiche poco conosciute: la Santoreggia
La santoreggia è nota anche come erba dei Satiri. I romani utilizzavano normalmente quest’erba aromatica, Satureia Hortensis, per insaporire le salse ...
Arredare il giardino con le fioriere in legno, ecocompatibili e belle
Con l'arrivo dell'estate è bello immergersi nel verde e godere appieno dei nostri freschi spazi all’aperto. E' possibile provare il piacere di ...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!