Coltivare le piante per star bene con se stessi: l’Horticolture Therapy

L’uomo è stato dipendente dalle piante sin dall’inizio dei tempi. Da sempre infatti le piante forniscono cibo, vestiti, riparo e medicine essenziali per la sopravvivenza degli esseri umani.

La Horticolture Therapy si propone di innalzare il legame tra le piante e l’uomo fino a strumento  terapeutico. La Horticolture Therapy è infatti una pratica che utilizza la cura delle piante come mezzo per migliorare il benessere fisico, psicologico, sociale e cognitivo dell’uomo a scopo terapeutico e riabilitativo

Basi della Horticolture Therapy

 star bene con se stessi Horticolture Therapy

Star bene con se stessi con l'Horticolture Therapy. 5 minuti di movimento nel verde sono sufficienti ad aumentare autostima e benessere, riducendo i rischi di malattie mentali depressione e ansia

Le piante sono in grado di trasmetterci e di suscitare emozioni positive: questo principio sta alla base della Horticolture Therapy. Ognuno di noi rimane colpito alla vista della perfezione e simmetria di un fiore, si compiace della visione di una pianta coltivata con successo e si sente rinnovato alla vista degli alberi fioriti in primavera. È quindi indiscutibile che vi sia una speciale connessione tra l’uomo e le piante, i giardini o i paesaggi naturali in genere.

Storia della Horticolture Therapy

La relazione tra l’uomo e la natura e l’idea che questa sia in qualche modo connessa al generico concetto di “buona salute” ha profonde radici nella filosofia, nell’arte e nella cultura popolare.

Alla fine del ‘700 il Dr. Benjamin Rush, uno dei firmatari della dichiarazione d’indipendenza americana e da molti ritenuto il primo medico psichiatra, per primo evidenziò i benefici dell’attività in campagna su persone che erano mentalmente disturbate. Da allora in avanti molti altri studi hanno confermato la salubrità dell’attività agricola e dagli inizi del ‘900 la Horticolture Therapy è stata utilizzata sempre più frequentemente all’interno dei programmi di trattamento delle persone con disturbi mentali e psicologici, divenendo oggi una parte importante dei programmi di cura a e riabilitazione.

Perché le piante sono benefiche alla psiche?

Gli spazi verdi hanno sulla mente umana un importante effetto nel generare serenità ed aumentare il senso di autostima. Stare a contatto con la natura determina effetti positivi nel tenere sotto controllo la pressione arteriosa e nel ridurre la tensione muscolare. Gli individui sembrano trarre beneficio dall’attività di “gardening”, ovvero giardinaggio. Quest’attività migliora le funzionalità cognitive, sensoriali e motorie della persona oltre a incrementare il benessere e il livello di soddisfazione generale dell’individuo anche a  livello sociale. L’attività agricola inoltre differisce dalle altre attività lavorative per la stagionalità dei lavori, che spesso nelle altre attività sono invece monotoni e alienanti.

Gardening come attività all’aria aperta

Gardening

I fiori inducono spontaneamente un sorriso in chi li riceve e un aumento dei pensieri positivi nei giorni successivi

I benefici del giardinaggio sono evidenti anche dal punto di vista dell’attività fisica.

Infatti è stato calcolato che in 45 minuti di attività di gardening vengono bruciate tante calorie quante quelle bruciate in 30 minuti di attività aerobica, mentre in un’ora utilizzata a strappare le erbacce manualmente si bruciano 500 calorie: le stesse che si bruciano giocando un’ora a tennis!

Impatiens o fior di vetro: seminato a Marzo fiorisce fino all’inverno
L’impatiens è una pianta economica e molto semplice da coltivare. Ideale sia su balconi esposti a nord che in giardini parzialmente in ombra questa pi...
Come potare lavanda, rosmarino e agrifoglio. Anche per i meno esperti.
Procuratevi delle forbici ben affilate e disinfettate. Basteranno queste per potare i cespugli più comuni presenti nei nostri giardini. In questo modo...
Buddleja in fiore: poche cure indispensabili
La Buddleja davidii, specie più nota sul territorio Italiano, è di semplice coltivazione. Si tratta di una pianta rustica che sopporta bene sia le alt...
Seguire il calendario lunario di Luglio 2011
Luglio è un mese caratterizzato dal colore: tutte le aiuole e le bordature sono ricche di fioriture, nell’orto e nel frutteto i raccolti sono al massi...
Piante rampicanti da vaso: la Thunbergia Grandiflora
Si tratta di una rampicante, meno nota rispetto alla più famosa e diffusa Thumbergia Alata: una pianta decorativa stagionale venduta in piccoli vasi, ...
Un'erbacea perenne dal fogliame che stupisce: il Coleus
Il genere Coleus è una pianta di origine tropicale, appartiene alla famiglia delle Labiatae, comprende circa 150 specie differenti e provenienti quasi...
Il pistacchio, una pianta resistente
Il pistacchio (Pistacia vera), è un albero appartenente alla famiglia delle Anacardiacee originario dell’Asia centrale. La coltivazione del pistacchi...
Le piante Composite, dal giardino alla tavola
Le composite (dette anche asteracee) sono la famiglia di piante da fiore più numerosa, con oltre 20.000 specie: circa il 10% di tutte le specie da fio...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!