Come fare un GIARDINO ROCCIOSO


giardino roccioso fai da te

Un giardino roccioso

Si potrebbe definire, senza voler risultare dissacrante, il “giardino zen” europeo.

L’ho definito così perché si tratta sempre di un angolo di paradiso, ricreato dall’uomo, che ripropone in miniatura, paesaggi alpini e montuosi.

Non è necessario avere a disposizione un grande spazio, basta scegliere il luogo adatto per ricreare un paesaggio roccioso suggestivo e scenografico.

Negli ultimi dieci anni sempre di più questa tendenza, inizialmente molto frequente nelle aree collinari e montane, è arrivata fino alla città, colorando in modo particolare, rotatorie, aree urbane e giardini privati.

Il giardino roccioso, infatti è molto bello durante tutto l’anno e consente di avere un po’ di montagna e di natura selvaggia anche negli ambienti grigi e frenetici della metropoli.

Le soluzioni progettuali che si possono sviluppare sono molteplici; seguendo la propria fantasia e le caratteristiche floreali e vegetative dei paesaggi montani, è possibile ricreare il proprio giardino roccioso, personalizzandolo fino all’ultimo “masso”.

Le pietre per il giardino roccioso

Per prima cosa un giardino roccioso deve avere dei grandi massi che riproducono la struttura montuosa.

Si può decidere, a seconda dello spazio a disposizione, di che dimensioni e quanti masi inserire (meglio se questi vengano raccolti in montagna, piuttosto che acquistati).

Dopodichè è possibile decidere di utilizzare massi più rastremati con un taglio più morbido, che richiamano le aree alpine più vicine e a contatto con i fiumi, oppure è possibile preferire quelli più lanceolati, a cuspide che richiamano le vette alpine.

giardino roccioso fai da te

Agrifoglio

Per ricreare al meglio un giardino roccioso, è meglio avere a disposizione un terreno in pendenza in modo da ricostruire anche visivamente l’ambiente montano.

Alcune persone realizzano, grazie alla presenza di nicchie e insenature, piccole grotte naturali, attraverso l’uso di rocce, ghiaia e muschi.

Per rendere poi la cosa maggiormente d’effetto, è meglio preferire fiori con petali di colore intenso, in contrasto con altri di colore più chiaro e pastello, che entrano a far parte del giardino roccioso, includendo al suo interno piante sempreverdi, con fogliame verde smeraldo, molto intenso.

Il terreno per creare un giardino roccioso montano

Come fare un GIARDINO ROCCIOSO

Pino mugo

Per prima cosa è importante preparare il terreno che accoglierà il vostro giardino roccioso.

Il terreno prescelto dovrà essere pulito, privo di sassi, corpi estranei e larve.

Dopodichè è il caso di vangare bene il suolo in modo da facilitare gli arbusti con lunghe radici nell’attecchimento.

Il terreno ideale deve essere leggero di conseguenza è necessario mescolare quello del suolo con letame maturo, con della torba e con della terra di foglie. Il miscuglio creerà il terreno adatto alla messa a dimore di rocce e piante.

Le piante per il giardino roccioso

creare  giardino roccioso

Saponaria Rossa

Come ho detto in precedenza, la scelta delle piante è un aspetto fondamentale per la realizzazione di questo giardino scenografico.

Nelle prossime righe ve ne presenterò qualcuna d’esempio, in modo che possiate avere un input per cominciare la vostra avventura senza partire alla cieca.

Una cosa che ovviamente dovrete ricordarvi è che per ripropore un paesaggio montano, vi servono piante locali del territorio montano.

Ma vediamo alcune specie.

AGRIFOGLIO

L’agrifoglio è una pianta tipica, che consente di avere del colore per tutto l’anno.

L’agrifoglio è una pianta sempreverde conosciuta per le sue bacche rosse e le sue foglie spinose.

Il colore dell’agrifoglio è solitamente brillante, di conseguenza permette di ottenere l’effetto scenografico ricercato in questo tipo di giardino.

L’unica cosa importante da sapere, se si decide di utilizzare l’agrifoglio, è quella di mettere a dimora due piante, in modo da garantire l’impollinazione.

CAMPANULA CARPATICA

piante giardino roccioso

Campanula carpatica

Questa pianta ha bellissimi fiori dai delicati toni azzurrati ed è una specie vegetativa molto vigorosa, tanto che diventa, di tanto in tanto, necessario contenere la crescita attraverso la potatura.

Sicuramente una pianta adatta per la creazione del giardino roccioso.

SAPONARIA

Questa è un’altra pianta perenne da fiore molto adatta per creare un giardino roccioso montano.

La saponaria si caratterizza per la formazione di ampi cuscini di fiori rosa, molto di impatto.

PINO MUGO

Pino mugo

Pino mugo

Questa pianta è una conifera tipica delle montagne alpine.

Un aspetto importante è la sua lenta crescita che consente di inserirlo all’interno del giardino roccioso, senza eccessivi ingombri.

I suoi aghi sono di un verde intenso che donerà quel giusto colore montano al nuovo giardino metropolitano.

Queste sono solo alcune delle moltissime piante che potreste utilizzare per la realizzazione del vostro giardino roccioso. Come ho detto più volte l’unica cosa importante è l’aspetto della scelta: piante autoctone delle zone montane alpine e degli appennini.

Con il vostro gusto e la molteplicità di possibili scelte, sono sicura che sarete in grado di realizzare il “vostro piccolo angolo di paradiso!

Realizzare un giardino rosa: quali piante e quali colori scegliere
L’utilizzo dei colori pastello da la possibilità di creare combinazioni molto gradevoli. Il rosa per esempio è un colore confortante, ed è molto facil...
Aster puniceus. Più noti come Settembrini di palude.
Gli Astri d’acqua, noti comunemente come “settembrini di palude”, sono delle piante molto robuste. Danno vita a cespugli vigorosi in grado di creare o...
Le piante stagionali esplodono in tutta la loro bellezza. Come utilizzarle al meglio
Seguendo mode spesso cicliche per un certo periodo la maggior parte di aiuole e bordature di giardini storici e urbani erano ricchi di piante stag...
Curiosità: a cosa serve il profumo dei fiori
I fiori più profumati sono di solito quelli meno vistosi. Solitamente sono di colori tenui e piuttosto piccoli. Dai colori bianchi, verdi, giallo chia...
Curare le rose dopo la fioritura
Le rose si devono curare anche dopo la fioritura, in particolare le specie rifiorenti. Se si presta loro le cure adeguate e si forniscono le energie n...
In autunno bacche e fiori colorati in giardino
Quest’anno l’autunno tarda ad arrivare ma tutti ne conosciamo i colori. Esiste una gamma di arbusti e di alberi in grado di regalare sorprendenti effe...
Le piante Composite, dal giardino alla tavola
Le composite (dette anche asteracee) sono la famiglia di piante da fiore più numerosa, con oltre 20.000 specie: circa il 10% di tutte le specie da fio...
Il carrubo, una pianta resistente e longeva
Il carrubo, Ceratonia siliqua, è una pianta tipica della macchia mediterranea appartenente alla famiglia delle leguminose. L’origine di questa specie ...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!