Come fare un PRATO PERFETTO in poche mosse: il prato in rotoli

Il periodo è quello più giusto per decidere di avere un giardino con l’erba impeccabile, un prato perfetto.

Da un po’ di anni è possibile realizzarlo, anche per chi non ha grandi capacità, semplicemente adottando il Prato in Rotoli.

Il prato in rotoli è un sistema pratico e funzionale che consente di avere un giardino già folto e perfetto senza dover attendere la crescita, magari anche disomogenea, dell’erba.

Il prato in rotoli si può acquistare tranquillamente in vivaio oppure in centri specializzati dedicati a questo tipo di coltura.

All’acquisto il prodotto si compone di un rotolo di zolle d’erba, pronto all’uso. Ma vediamo un po’ più accuratamente come in realtà viene prodotta questa particolare soluzione per il prato.

Preparazione del prato a rotoli

I sapienti giardinieri, pratici del mestiere, preparano minuziosamente il terreno nel quale faranno crescere una grande distesa erbosa che dovrà poi diventare un rotolo pronto all’uso.

Prato a rotoli

Prato a rotoli

Prima di poter essere raccolto, il prato verrà curato per 18 mesi, in modo da permettere all’erba di formare un reticolo sottile di radici che permetterà l’ancoraggio del prato al nuovo terreno senza grandi difficoltà.

Passati i 18 mesi di attesa, il prato viene raccolto attraverso l’uso di apposite attrezzature che lo dividono in porzioni rettangolari che, successivamente vengono arrotolate e consegnate all’utilizzatore. Il rotolo ha uno spessore di 1,5 cm ed è pronto per diventare un comodo prato “preconfezionato”.

Preparazione del proprio terreno

La prima cosa da sapere è il periodo più idoneo per fare questo tipo di operazione.

La stagione migliore è questa: quella che si aggira tra maggio e giugno, in quanto il caldo non è ancora eccessivo e quindi si ha un maggiore controllo nell’irrigazione.

Ma aldilà di ciò, è necessario prima preparare il terreno in modo che sia pronto ad accogliere i rotoli d’erba.

Quindi, qualche giorno prima della posa in opera dei rotoli, è molto importante lavorare il terreno con attrezzi manuali o preferibilmente con una motozappa, scendendo almeno di 15 cm.

Prato in rotolo

Prato in rotolo

Dopodichè è il caso di concimare adeguatamente il terreno con una tipologia di concime ricco di fosforo, in modo da aiutare le radici delle zolle ad ancorarsi nel nuovo terreno.

Poi è molto importante rifinire il terreno appiattendo la superficie, in modo da livellare il terreno, rendendo più semplice l’aderenza dei segmenti d’erba.

Questa operazione è importante farla prima che arrivino i rotoli poiché, se il prato non viene posato il giorno della consegna, c’è il rischio che ingiallisca e che subisca dei danni causati dalla sua occlusione.

Quindi è necessario fare tutto nei giusti tempi, con le dovute accortezze.

Preparato il terreno e arrivati i rotoli, questi vanno distesi; una cosa importante è mettersi in modo da non calpestare l’erba appena posata. I segmenti devono poi essere accostati in maniera minuziosa, facendo attenzione a non lasciare dei buchi e di non sovrapporre le zolle.

Dopo aver fatto ciò, il prato deve essere rullato in modo che si attacchi correttamente al terreno.

A questo punto un passaggio estremamente importante, è quella di iniziare l’irrigazione del terreno, che deve essere fatta a fine posa per iniziare a idratare il terreno, unendo le zolle al loro nuovo “habitat”.

Adesso le operazione di stesura e posa sono state completate, ma è importante fare ancora un po’ di attenzione per altre due settimane, evitando di calpestare l’erba.

L’erba deve avere il tempo di aggrapparsi e se si calpesta prima dei 14 giorni c’è il rischio che parti di prato si stacchino rovinando completamente il lavoro.

La settimana successiva, sarà poi possibile fare il primo taglio, la prima rasatura, completando anche il fattore estetico e qualitativo del prato.

Dopodichè vi resta solo una cosa da fare: apprezzare e godervi il vostro prato, già verde e rigoglioso, con un taglio pensato ad hoc per il vostro giardino!

Come realizzare un giardino roccioso
E’ possibile ipotizzare un giardino roccioso quando si è in presenza di terreni in pendenza o scarsamente coltivabili. Pietre disposte in maniera arti...
Il consolidamento dei terreni con le piante
Molti terreni possono risultare pericolosi e smottati. Proprio per questo l'ingegneria naturalistica si è prefissata di studiare il modo idoneo per co...
L’orto e il frutteto nel mese di giugno
Cosa fare nell'orto e nel frutteto durante il mese di giugno per mantenere le piante al meglio e raccogliere ottimi frutti ed ortaggi.
Il Parco dei Cento Laghi, un territorio da favola
Il Parco dei Cento Laghi si colloca tra l’Emilia e la Toscana; è un territorio molto particolare, il clima favorevole rende la zona decisamente intere...
Una fioriera per l’estate
L'estate è un periodo gioviale, dove l'allegria ed il relax cercano di prendere il sopravvento nei confronti della stanchezza e dello stress. I...
Consigli su come curare i giardini rocciosi in estate
La stagione estiva è sempre il periodo più problematico per tutte le piante. Anche il giardino roccioso non fa eccezioni e ha bisogno di cure spec...
Dopo le feste: recuperare l'albero di Natale
Come ogni anno molte persone preferiscono acquistare un abete naturale per creare la giusta atmosfera natalizia. Ma dopo la fine delle feste cosa f...
Le piante Composite, dal giardino alla tavola
Le composite (dette anche asteracee) sono la famiglia di piante da fiore più numerosa, con oltre 20.000 specie: circa il 10% di tutte le specie da fio...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!