Come realizzare un giardino roccioso

E’ possibile ipotizzare un giardino roccioso quando si è in presenza di terreni in pendenza o scarsamente coltivabili.

Pietre disposte in maniera artificiale sono l’habitat giusto per quelle piante che in natura crescono spontaneamente tra le rocce. Inoltre il giardino roccioso ha un grande valore estetico, infatti già in epoca vittoriana venivano realizzati e utilizzati come luogo per collezionare piante succulente, o piante alpine, o particolari tipi di erbe.

Dove collocare un giardino roccioso: i luoghi adatti

Giardino roccioso alpino

Giardino roccioso alpino

Particolarmente adatti per la realizzazione di giardini rocciosi sono appunto i siti in pendenza. Il maggiore problema per queste tipologie di terreni è l’erosione, favorita anche dalla presenza di vegetazione. La presenza di rocce può arginare questo problema, evitando l’erosione del terreno e trattenendone l’umidità. Inoltre la presenza di rocce crea un ambiente protetto, con ottime condizioni di temperatura e umidità, adatto alla crescita delle radici delle piante.

La presenza di un giardino roccioso accresce il valore paesaggistico del giardino. Inoltre fornisce un riparo naturale in grado di direzionare le correnti d’aria.

Se si dispone di uno spazio piuttosto ampio e di un budget non troppo limitato si potrà realizzare un giardino roccioso molto simile ad una formazione rocciosa naturale. Sarà possibile dotarlo anche di laghetti e cascate. Se il vostro progetto è molto ambizioso è necessaria una scrupolosa progettazione: pompe piscine e rocce sono elementi piuttosto costosi, ed è necessario pensare un ottimo sistema di drenaggio per la zona circostante. In ultimo non si deve dimenticare di pensare all’effetto delle zone d’ombra che si creeranno in prossimità del giardino roccioso.

Le piante per il giardino roccioso

Il giardino roccioso solitamente si colloca all’interno di un giardino più ampio e diventa il luogo dove collocare piccole piante che necessitano di crescere in un luogo soleggiato e in un terreno sgombro da radici.

In più nel giardino roccioso si creerà un microclima particolarmente adatto dove le radici, grazie alla particolare capacità del terreno di trattenere calore, saranno al caldo e in superficie si avrà un luogo particolarmente fresco.

Infatti per piante come quelle alpine o le succulente è importante avere una temperatura calda e costante per le radici, grazie alla presenza delle rocce che sono in grado di trattenere calore. Queste piante non subiranno invece nessun problema dovuto agli sbalzi termici della superficie.

Piante sudafricane e piante desertiche sono particolarmente adatte a vivere in giardini rocciosi, anche se alcuni cactus e piante succulente, se l’inverno si presenta rigido, avranno la necessità di essere collocate in vaso e messe in ambienti più riparati.

Altra caratteristica positiva dei giardini rocciosi è quella di migliorare il drenaggio del terreno, anche per quelle piante che necessitano un drenaggio rapido.

A seconda delle piante che vorrete coltivare ci sarà da definire l’esposizione del vostro giardino roccioso.

Piante alpine e succulente prediligono un’esposizione assolata a sud. Se si vuole dar vita ad un giardino nordico e ombreggiato si dovranno coltivare felci e piante tipiche delle foreste.

Terreno adatto al giardino roccioso

giardino roccioso

Esempio di giardino roccioso

Si può utilizzare un terreno argilloso di buona qualità, ricordandosi che un giardino roccioso necessita di un ottimo drenaggio.

Per avere dei risultati ottimali si consiglia l’utilizzo di un terreno specifico composto da parti uguali di sabbia grossa o ghiaia fine, terriccio di fogliame o torba e terra argillosa da giardino.

Se si vuole ottenere una miscela permeabile si possono aumentare le quantità di sabbia o ghiaia. Se però si utilizza un’argilla di tipo sabbioso non sarà necessaria quest’ultima operazione.

Costruire un giardino roccioso fai da te

La parte più importante della progettazione di un giardino roccioso consiste nella collocazione di pietre e massi. Le pietre dovranno essere aggiunte a strati, collocando in basso quelle più larghe, mentre gli altri strati dovranno avere pietre di misura decrescente; ciò servirà, oltre che a dare maggiore stabilità al giardino, a farlo sembrare più naturale.

Le pietre potranno essere disposte in maniera piatta o perpendicolare, le rocce più particolari andranno messe ben in vista; in maniera tale da rendere più naturale possibile in vostro giardino roccioso, evitando di usare rocce danneggiate o tagliate in maniera artificiale in luoghi particolarmente in vista.

Se nel giardino ci sono colori dominanti ricordate di utilizzare gli stessi anche per il giardino roccioso, in maniera da integrarlo perfettamente col paesaggio.

giardino roccioso piante

Esempio di giardino roccioso

Se per la realizzazione del vostro giardino roccioso partite da un’area pianeggiante  è consigliabile scavare l’area e aggiungervi uno strato di pietrisco drenante, successivamente ricoprire tutto con del terriccio, in maniera tale da creare un’area leggermente rialzata.

Iniziando dal livello del suolo iniziate a collocare le pietre risalendo e interrando in parte le pietre, come avviene in natura.

Per la realizzazione del vostro sito in pendenza di seguito vi elenchiamo delle semplici regole da seguire:

  1. E’ importante collocare un giardino roccioso dove sembri la continuazione naturale del paesaggio circostante.
  2. I massi più grossi vanno utilizzati per lavorare il terreno, se necessario scavare una buca per collocarli meglio. Ciò contribuirà sia a dare un aspetto naturale, sia ad assicurare meglio il terreno.
  3. Le pietre più piccole vanno raggruppate attorno a quelle più grandi. Riempite di terra gli spazi fra le pietre, serviranno per assicurarle meglio al terreno e fra di loro.
  4. Decorate le pietre con manto erboso e piante che traboccano. Contribuirà a dare un aspetto più naturale. Utilizzate arbusti per legare insieme terreno e rocce.
  5. L’utilizzo di tronchi o rami migliorerà l’aspetto naturale del giardino. Rifinite utilizzando foglie e ghiaia.

Il ciclamino per colorare l’autunno
Il ciclamino è una pianta tipica della stagione fredda; facile da coltivare, ed è proprio in questa stagione grigia che è più facile godere della sua ...
Progettare il giardino: zone in pendenza
Le zone in pendenza sono le sfide più grandi da superare per chi si occupa di architettura di giardini. Il momento dello scavo è il più faticoso dura...
Le bulbose: da fiore, primaverili o estive, una categoria di piante a parte
Nel giardino esistono differenti tipologie di piante. Alcune hanno uno sviluppo decisamente prevedibile durante tutto l’anno. Altre, come le bulbose, ...
Le rose, il prato, le siepi: cosa fare in Maggio
Anche per quanto riguarda alberi, arbusti, rosai e prato il mese di maggio è un mese pieno di cose da fare. Di seguito un breve elenco delle operazion...
La Delosperma: semplice da coltivare anche in vaso
La repentina diffusione della Delosperma va sicuramente attribuita ad un particolare esemplare di ibrido: Delosperma dyeri “Red Mountain”. Questo part...
Coltivare le piante per star bene con se stessi: l’Horticolture Therapy
L’uomo è stato dipendente dalle piante sin dall’inizio dei tempi. Da sempre infatti le piante forniscono cibo, vestiti, riparo e medicine essenziali ...
Scegliere le piante per l’acquario domestico
Per la realizzazione di un acquario che si rispetti è necessario introdurre anche delle piante acquatiche. Queste piante non si limitano ad assolvere ...
L'orchidea in un viaggio che dura 3000 anni al castello di Pralormo
Abbiamo già parlato in un precedente articolo di MESSER TULIPANO, evento botanico nel quale ogni primavera si possono ammirare oltre 75.000 tulipa...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.