COMPOST come fare un fertilizzante naturale da soli

Oggi parliamo di un fertilizzante naturale che vi potete preparare in casa: il compost.

Il compost è una soluzione sostenibile per coltivare il proprio orticello

Il compost è il risultato della decomposizione di materie organiche che danno origine ad un terricciato ottimo per essere utilizzato come fertilizzante di un terreno prima di essere arato.

Il fertilizzante naturale, è adatto per tutti i terreni e migliora la struttura del suolo, aumentando la biodiversità del terreno.

La presenza del compost, negli ultimi anni, è diventata fondamentale per un adeguata preparazione del terreno.

Il compost ha origini organiche e quindi prevede il riciclo di materie organiche che per decomposizione, si sciolgono creando la miscela.

Questo tipo di soluzione, oltre ad essere acquistata, è possibile crearla in casa, con pochi, ma utili passaggi, che permettono di riciclare i propri rifiuti organici, per poi utilizzarli nel proprio orticello casalingo.

Occorrente necessario per realizzare il compost

Per realizzare il compost fai da te, sono utili pochi oggetti.

Per prima cosa è necessario avere un contenitore in grado di conservare i rifiuti organici.

Dopodichè è necessario creare un apporto adeguato di umidità, magari inserendo meccanicamente dell’acqua piovana all’interno del contenitore.

Altra cosa importante è garantire il passaggio dell’aria che permette di iniziare il processo di decomposizione dei nostri rifiuti organici.

Oltre all’utilizzo di un contenitore, se ne siete privi, è possibile creare una buca nel terreno, ma bisogna essere consapevoli che il processo di decomposizione sarà lento.

Cosa riciclare per creare il compost

Per realizzare un compostaggio ottimale, è possibile inserire all’interno del contenitore foglie, scarti del proprio giardino, rami e tutto ciò che risulta rifiuto carbonioso.

Inoltre tutto ciò che rappresenta l’organico domestico come, il guscio d’uovo, il caffè e ogni altro materiale totalmente organico.

compost fai da te

Per quanto riguarda altri rifiuti casalinghi, è possibile inserire della carta, del cartone, a patto che non siano stampate.

Anche i tessuti naturali possono entrare a far parte della creazione del fertilizzante.

L’uso della carne e del pesce è possibile, ma è importante fare una precisazione. Nella decomposizione questi due elementi, emanano un odore sgradevole che rischia di diventare insopportabile e, soprattutto rende probabile, l’avvicinamento dei ratti.

La soluzione migliore è utilizzare materiali che, nel loro scioglimento, non emanino grandi odori, rilasciando comunque le sostanze naturali e nutritive, necessarie per la realizzazione del terricciato.

Come fare il compost da soli

In realtà i passaggi non sono molti. Per prima cosa, come ho già accennato prima, è necessario garantire il giusto apporto di umidità, ma questo non vuol dire che il contenitore debba essere fradicio.

Il materiale deve essere umido, non marcio e non secco. Altra cosa importante da fare, per far circolare adeguatamente l’acqua e l’aria, è rigirare i rifiuti 2-3 volte l’anno. In questo modo ogni elemento organico si equilibrerà all’altro.

fertilizzante naturaleRigirare i rifiuti è un passaggio fondamentale, perchè garantisce la regolare decomposizione di tutti gli elementi posti all’interno del contenitore.

A questo punto avrete un ottimo fertilizzante pronto ad aiutarvi nella creazione del vostro giardino o del vostro orto.

La procedura del compostaggio è una soluzione alternativa per un riciclo consapevole.

Riciclare i propri rifiuti nel modo adeguato, può quindi diventare un valido aiuto nella coltivazione del vostro orto.

L’uso del compost è una soluzione ecologica e sostenibile, in grado di offrire il massimo rispetto dell’ambiente e del suo ciclo di vita, dalla nascita del materiale organico, fino alla sua decomposizione.

Il fertilizzante domestico realizzato è carico di vitamine e di altre sostanze nutritive, che permettono di far crescere rigogliose le vostre piante in totale rispetto e in piena naturalezza.

In commercio sono presenti dei compost industriali che vengono venduti e utilizzati per arare i terreni agricoli.

Ma per piccole realtà, il metodo che vi ho descritto, è il più utile e funzionale.

Inoltre è una fabbricazione economica, perchè non prevede alcun costo, solo pazienza e voglia di rigirare il composto qualche volta all’anno.

Quindi non mi resta che augurarvi: Buon lavoro!

Stella di Natale: consigli pratici per moltiplicarla e cotivarla
dicembre fa la sua comparsa un po’ ovunque una pianta che, con i suoi colori sgargianti, ben si addice agli addobbi e alle luci propri del periodo na...
Il Melo: coltivazione, potatura, varietà e curiosità
l melo è un albero dalle origini antichissime. Dei frutti di quest’albero si hanno reperti già in epoca preistorica. Presente da sempre sia nella mito...
Innaffiare le piante d’appartamento: tecniche di irrigazione
Per prima cosa bisogna tenere ben presente che ogni specie ha delle proprie necessità particolari per quanto riguarda il bisogno d’acqua. Esistono ino...
L’Aglaonema: una pianta d’appartamento che sopporta molte avversità
L’Aglaonema appartiene alla famiglia delle Aracee. Si tratta di piante sempreverdi ed erbacee originarie prevalentemente dell’Asia del Sud. In questa ...
L'ACANTO dai giardini ai capitelli corinzi
L'Acanto, Acanthus Mollis, è una pianta che comunemente viene associata ai capitelli corinzi dei grandiosi templi Greci; in realtà, in natura, è u...
Preparare il prato ai mesi freddi
Il prato è la parte del giardino che necessita delle cure maggiori; se si tratta inoltre di una varietà particolarmente delicata, solitamente con erba...
Come avere fioriture invernali: la forzatura dei bulbi
La tecnica di forzatura dei bulbi viene comunemente utilizzata dai vivaisti in questa stagione, in modo tale da ottenere piante in fiore pronte per es...
Il Bambù, pianta ornamentale dai molti usi
I Bambù appartengono alla famiglia delle poaceae o graminacee così come i cereali. Queste piante sono originarie delle regioni tropicali e sub tropica...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!