COMPOST come fare un fertilizzante naturale da soli

Oggi parliamo di un fertilizzante naturale che vi potete preparare in casa: il compost.

Il compost è una soluzione sostenibile per coltivare il proprio orticello

Il compost è il risultato della decomposizione di materie organiche che danno origine ad un terricciato ottimo per essere utilizzato come fertilizzante di un terreno prima di essere arato.

Il fertilizzante naturale, è adatto per tutti i terreni e migliora la struttura del suolo, aumentando la biodiversità del terreno.

La presenza del compost, negli ultimi anni, è diventata fondamentale per un adeguata preparazione del terreno.

Il compost ha origini organiche e quindi prevede il riciclo di materie organiche che per decomposizione, si sciolgono creando la miscela.

Questo tipo di soluzione, oltre ad essere acquistata, è possibile crearla in casa, con pochi, ma utili passaggi, che permettono di riciclare i propri rifiuti organici, per poi utilizzarli nel proprio orticello casalingo.

Occorrente necessario per realizzare il compost

Per realizzare il compost fai da te, sono utili pochi oggetti.

Per prima cosa è necessario avere un contenitore in grado di conservare i rifiuti organici.

Dopodichè è necessario creare un apporto adeguato di umidità, magari inserendo meccanicamente dell’acqua piovana all’interno del contenitore.

Altra cosa importante è garantire il passaggio dell’aria che permette di iniziare il processo di decomposizione dei nostri rifiuti organici.

Oltre all’utilizzo di un contenitore, se ne siete privi, è possibile creare una buca nel terreno, ma bisogna essere consapevoli che il processo di decomposizione sarà lento.

Cosa riciclare per creare il compost

Per realizzare un compostaggio ottimale, è possibile inserire all’interno del contenitore foglie, scarti del proprio giardino, rami e tutto ciò che risulta rifiuto carbonioso.

Inoltre tutto ciò che rappresenta l’organico domestico come, il guscio d’uovo, il caffè e ogni altro materiale totalmente organico.

compost fai da te

Per quanto riguarda altri rifiuti casalinghi, è possibile inserire della carta, del cartone, a patto che non siano stampate.

Anche i tessuti naturali possono entrare a far parte della creazione del fertilizzante.

L’uso della carne e del pesce è possibile, ma è importante fare una precisazione. Nella decomposizione questi due elementi, emanano un odore sgradevole che rischia di diventare insopportabile e, soprattutto rende probabile, l’avvicinamento dei ratti.

La soluzione migliore è utilizzare materiali che, nel loro scioglimento, non emanino grandi odori, rilasciando comunque le sostanze naturali e nutritive, necessarie per la realizzazione del terricciato.

Come fare il compost da soli

In realtà i passaggi non sono molti. Per prima cosa, come ho già accennato prima, è necessario garantire il giusto apporto di umidità, ma questo non vuol dire che il contenitore debba essere fradicio.

Il materiale deve essere umido, non marcio e non secco. Altra cosa importante da fare, per far circolare adeguatamente l’acqua e l’aria, è rigirare i rifiuti 2-3 volte l’anno. In questo modo ogni elemento organico si equilibrerà all’altro.

fertilizzante naturaleRigirare i rifiuti è un passaggio fondamentale, perchè garantisce la regolare decomposizione di tutti gli elementi posti all’interno del contenitore.

A questo punto avrete un ottimo fertilizzante pronto ad aiutarvi nella creazione del vostro giardino o del vostro orto.

La procedura del compostaggio è una soluzione alternativa per un riciclo consapevole.

Riciclare i propri rifiuti nel modo adeguato, può quindi diventare un valido aiuto nella coltivazione del vostro orto.

L’uso del compost è una soluzione ecologica e sostenibile, in grado di offrire il massimo rispetto dell’ambiente e del suo ciclo di vita, dalla nascita del materiale organico, fino alla sua decomposizione.

Il fertilizzante domestico realizzato è carico di vitamine e di altre sostanze nutritive, che permettono di far crescere rigogliose le vostre piante in totale rispetto e in piena naturalezza.

In commercio sono presenti dei compost industriali che vengono venduti e utilizzati per arare i terreni agricoli.

Ma per piccole realtà, il metodo che vi ho descritto, è il più utile e funzionale.

Inoltre è una fabbricazione economica, perchè non prevede alcun costo, solo pazienza e voglia di rigirare il composto qualche volta all’anno.

Quindi non mi resta che augurarvi: Buon lavoro!

La Viola del Pensiero: un fiore invernale
Le viole del pensiero sono piante ibride dalla vita breve, della durata un anno o massimo due. Provengono dall’Europa e dalla Turchia. Queste piante ...
Impianti di irrigazione: tipologie per irrigare al meglio
Innaffiare le piante è senza dubbio un impegno, si è ripagati dallo spettacolo offerto dalla natura: l’odore di terra bagnata, le gocce su foglie e fi...
Gerani in inverno, come farli sopravvivere anche ad estate conclusa
I gerani sono i protagonisti dell’estate, si trovano con facilità e colorano i giardini e i balconi con allegria. Di solito a fine stagione vengono el...
Piante in balcone: attenzione al freddo autunnale
Nelle aree del nord Italia il freddo è già arrivato, per quanto riguarda i territori del centro e del sud le temperature si mantengono ancora miti. E’...
Hypericum un genere di piante medicinali
Hypercum è un genere di piante appartenente alla famiglia delle clusiacee originarie principalmente dell’Europa e del Nord America, ma anche dell’Asia...
Echium fastuosum, pianta resistente al clima secco e dalla splendida fioritura
L’ Echium fastuosum è una bellissima pianta perenne e sempreverde, appartenente alla famiglia delle Borraginacee. Questa pianta è originaria dell’isol...
Le Orchidee selvatiche del genere Ophrys: fiori che assomigliano a insetti
Il genere Ophrys appartiene alle orchidacee e comprende circa un centinaio di specie di origine europea. La maggior parte di queste specie è distri...
Bulbose anche in inverno
Avrete forse fatto caso che le bulbose sono sempre più presenti nei negozi di fiori e nei garden center già a partire dal mese di novembre. Si tratta ...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!