Concimazione e fertilizzazione delle piante: consigli utili

Spesso le piante vengono coltivate in terreni non abbastanza buoni o non del tutto adatti alla loro crescita; ciò avviene per esempio nei vasi, fioriere e aiuole che spesso sono di dimensioni limitate rispetto alle necessità della pianta.

In queste situazioni spesso non ottimali i nutrienti necessari per lo sviluppo si esauriscono in un tempo piuttosto breve, costringendoci a svolgere operazioni di concimazione più volte nell’anno.

Concimi e fertilizzanti

Le sostanze nutritive necessarie per la crescita dei fiori

Concime in pastiglie

Concime in pastiglie

La tecnica di concimazione di base delle piante si svolge aggiungendo alla terra di coltivazione humus o sterco fermentato, questa operazione si dovrebbe compiere alla fine del periodo invernale.

Un concime di questo tipo, se il terreno di base è di buona qualità, di solito basta per garantire uno sviluppo nella norma per la maggior parte delle piante legnose ed erbacee presenti nei nostri giardini.

Questo tipo di fertilizzazione è ottimale per i giardini piuttosto ampi; se invece le piante si trovano alloggiate in cortili, terrazzi, o nel terreno immediatamente limitrofo alla casa si presentano alcuni inconvenienti.

Prima di tutto, anche se si maneggia con cura il fertilizzante, questo sprigiona un odore decisamente sgradevole, in più si rischia di macchiare di nero intenso la zona di lavoro.

Un altro problema che si riscontra è la difficoltà nel dosare in maniera omogenea ogni anno tale fertilizzante quando le piante si trovano alloggiate nei

Bio - fertilizzante

Bio - fertilizzante

vasi o nelle fioriere. Questo fertilizzante occupa molto spazio, in vasi e fioriere lo spazio è già limitato e il suo utilizzo è altamente sconsigliato.

Ora questo fertilizzante viene comunemente venduto sotto forma di piccoli cilindri compressi di letame fermentato, seccato e compresso, in questo modo può essere maneggiato ed utilizzato con molta più semplicità

Oltre ai concimi organici esiste anche la possibilità di utilizzare concimi chimici. Sul mercato ne esiste una gran varietà, si dovrà porre attenzione a quali sono le nostre effettive esigenze, e soprattutto quali si adattano meglio alle esigenze delle nostre piante coltivate in appartamento.

In qualsiasi negozio è facile reperire fertilizzanti liquidi, a rilascio graduale, incapsulati o in barrette, oppure concime granulare solubile; sono tra i più usati e più consigliati.

Erica

Erica

Per le piante da appartamento o comunque contenute in piccoli vasi o fioriere presenti su balconi, cortili e terrazze, si consiglia l’utilizzo di fertilizzante liquido. Questo tipo di fertilizzante è molto semplice da utilizzare: si scioglie nell’acqua di annaffiatura e nella maggior parte dei casi è particolarmente indicato per favorire i periodi di fioritura.

Se non avete molto tempo da dedicare alle piante ma volete una fioritura abbondante e rigogliosa vi consigliamo l’utilizzo di concimi che liberano in maniera progressiva le sostanze nutrienti, questi riescono ad assolvere per circa due mesi il bisogno nutrizionale delle piante alle quali verranno somministrato.

Concimi e ammendanti

Tutte le piante necessitano di elementi minerali di base. Quelli principali sono: Azoto (N), Fosforo (P) e Potassio (K); ne esistono anche di secondari, un po’ meno importanti dei tre elencati, ma allo stesso modo necessari.

Nello specifico l’azoto ha la funzione di stimolare la produzione della clorofilla, questa contribuisce alla colorazione verde, più o meno intensa

Ortensia blu

Ortensia blu

a seconda delle quantità, delle foglie e ritarda la produzione e successiva maturazione dei frutti. Il fosforo lavora al contrario, potenziando e accelerando le fasi di riproduzione; in ultimo il potassio si occupa di rendere le piante più vigorose e resistenti per resistere a malattie ed agenti atmosferici sfavorevoli.

E’ quindi molto importante somministrare alle piante, soprattutto durante la fioritura, fertilizzanti ricchi di fosforo e potassio, ma con un basso contenuto di azoto.

Nella coltivazione delle piante si ricorre anche all’uso degli ammendanti; questi si occupano di aumentare l’acidità del terreno. Soprattutto per piante appartenenti alla famiglia della Camelia, dell’Erica, del Rododendro e dell’Azalea si procede aggiungendo al substrato o terra di castagno o fondi di caffè.

In commercio ci sono anche prodotti che provocano il cambiamento della colorazione dei fiori.

Uno di questi è il solfato di alluminio; questo contribuisce a regalare un colore bluastro ai fiori dell’Ortensia.

In alternativa il medesimo effetto di mutazione cromatica si può ottenere aggiungendo nella cavità della piantagione o pezzi di ferro arrugginiti, o mattoni sbriciolati, si intensificherà la colorazione rossa.

Costuire una SERRA faidate per l’inverno
Ormai le temperature gelive mettono quotidianamente alla prova le vostre piantine. Il freddo le attacca ogni giorno e spesso, soprattutto nelle r...
Le bulbose: da fiore, primaverili o estive, una categoria di piante a parte
Nel giardino esistono differenti tipologie di piante. Alcune hanno uno sviluppo decisamente prevedibile durante tutto l’anno. Altre, come le bulbose, ...
Seguire il calendario lunario di Maggio 2011
Nel mese di Maggio il giardino è al suo massimo splendore, trabocca di fiori e di ogni tipo di profumo. Anche orto e frutteto sono in piena attività. ...
I gerani: coltivazione e parassiti dei re dei balconi
I gerani sono diffusissimi, è piuttosto strano immaginarsi balconi e giardini sprovvisti di questi esemplari. Va segnalato che negli ultimi anni quest...
Le caratteristiche del terreno sono la base di un giardino in salute
Il terreno è un vero e proprio complesso ecosistema dove interagiscono fattori fisici, chimici e biologici. Nel terreno si trovano parti solide, li...
Curare il prato, le siepi ed i rosai nel mese di settembre
Ecco la check list di cosa fare durante il mese di settembre per mantenere al meglio alberi, arbusti, rosai e prati.
Piante profumate e fiori profumati da coltivare in casa
Tra le attrattive delle piante, in particolare quelle da fiore, c’è anche la profumazione. E’ importante considerare che però non sempre sono solo i f...
Il fico, albero coltivato da millenni
Il nome scientifico del fico è Ficus carica, con riferimento al fatto che questa pianta si ritiene abbia origine in Asia minore e precisamente nella r...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!