Consigli su come curare i giardini rocciosi in estate

Praticare l'irrigazione a pioggia - livello minimo

Praticare l'irrigazione a pioggia - livello minimo

La stagione estiva è sempre il periodo più problematico per tutte le piante. Anche il giardino roccioso non fa eccezioni e ha bisogno di cure specifiche per non subire troppo il caldo eccessivo, soprattutto nel mese di agosto: si presenta infatti come il mese più difficile in assoluto da affrontare.

Sono tre gli elementi che contribuiscono alla disidratazione improvvisa della maggior parte delle piante: per prima cosa nei mesi centrali dell’estate il caldo eccessivo fa aumentare la traspirazione del terreno, in più le radiazioni solari sono maggiori e di forte intensità; in ultimo, soprattutto nelle zone costiere, non si deve dimenticare la buona ventilazione che contribuisce a seccare notevolmente, e rapidamente il terreno.

Se il fenomeno persiste, e non si corre rapidamente ai ripari, in breve tempo si può arrivare anche alla morte degli esemplari.

L’importanza delle bagnature quotidiane

Tra le operazioni più importanti da svolgere durante il periodo estivo c’è senza dubbio l’irrigazione.

Si consiglia di praticare irrigazioni quotidiane ma contenute. E’ infatti inutile utilizzare enormi quantità di acqua, anche perché irrigazioni eccessivamente abbondanti causano percolazione dell’acqua negli strati più profondi del terreno, diventando quindi inutilizzabile e irraggiungibile dall’apparato radicale delle piante ospitate nel giardino.

Il sistema migliore per bagnare il giardino roccioso è senza dubbio l’irrigazione a pioggia. Nel periodo estivo sarà opportuno regolarlo al minimo, in modo tale da far bagnare il terreno in maniera molto lenta: solo in questo maniera l’acqua riesce ad essere catturata completamente dall’apparato radicale e spesa per saziare i bisogni idrici della pianta. In più utilizzando l’irrigatore a pioggia al minimo si rende meno invasivo l’effetto “a pioggia battente”, altamente sconsigliato poiché comporta il trascinamento e lo smottamento dello strato superficiale del terreno.

Consigli su come

Giardino roccioso con succulenta in fiore

Anche per i giardini rocciosi è opportuno irrigare dopo il tramonto: più tardi si praticherà l’irrigazione minore sarà la quantità di acqua evaporata a causa del contatto con il terreno surriscaldato dalle lunghe ore di irraggiamento solare.

Nei giardini rocciosi praticare irrigazioni quantitativamente limitate, ma continue nel tempo, può rivelarsi un problema per alcune piante.

Gli esemplari più esigenti potrebbero aver bisogno di maggiori quantità di acqua, per le piante meno esigenti, come le succulente per esempio, le quantità di acqua fornite durante l’irrigazione potrebbero invece rivelarsi eccessive.

Si consiglia quindi di praticare una pacciamatura al piede per le piante con maggiore esigenza idrica: in questo modo si è in grado di ridurre le quantità di acqua persa con il fenomeno di evotraspirazione.

Per le piante succulente invece sarebbe necessario, al momento della messa a dimora della pianta, predisporre uno strato drenante piuttosto spesso, formato da ghiaia e ciottoli collocati disposti a vespai: in questo modo si può limitare molto la possibilità di marciumi radicali.

Pulire, tagliare e concimare il giardino roccioso

Esempio di realizzazione di giardino roccioso

Esempio di realizzazione di giardino roccioso

Oltre ad irrigare nel periodo più caldo dell’estate è importante mantenere pulito il giardino roccioso. La cadenza della pulizia dovrebbe essere settimanale. Si consiglia di praticarla con regolarità, eliminando tutti i fiori secchi e i residui vegetali presenti, ciò perché le bagnature potrebbero causare fenomeni di marcescenze, molto spesso veicolo privilegiato di malattie fungine e attacchi parassitari.

Per favorire la fioritura estiva, e prolungare quella successiva è necessario aggiungere all’acqua di bagnatura del fertilizzante specifico per piante da fiore. Controllate che i nutrimenti siano arricchiti di potassio e fosforo, ma che presentino un basso contenuto di azoto.

Attenzione al fenomeno della traspirazione

Attenzione al fenomeno della traspirazione

Nel mese di agosto si deve anche tenere sotto controllo l’”esuberanza” delle piante. Alcuni esemplari vivono proprio in questo periodo la loro stagione più rigogliosa. Sarà quindi opportuno ridurre tutti i rami cresciuti eccessivamente, in maniera tale da ridare una forma alla pianta.

Per quanto riguarda le piante da fiore, quando la fioritura arriva al termine, sarà necessario pulire tutti i fiori appassiti, tagliando

direttamente al piede degli scapi. Con questa operazione si evita che la pianta generi i semi, in più si garantirà una seconda fioritura prevista nel periodo autunnale, si sicuro meno intensa di quella estiva, ma piacevole.

Il Fiore di Loto una pianta acquatica resistente e a crescita rapida
Il Fiore di Loto è una pianta acquatica originaria di America, Asia e Australia. Si divide in due specie principali: Nelumbo Lutea e Nelumbo Nucifera,...
Innaffiare il prato durante la stagione estiva
Innaffiare il prato è un’operazione lunga e costosa, comunque necessaria – soprattutto durante la stagione estiva – se si vuole ottenere un giardino r...
Un albero di noci nel frutteto
Il noce appartiene alla famiglia delle juglandacee. Si tratta di esemplari longevi che riescono a raggiungere altezze considerevoli, fino anche a 30 m...
Cura di orto e frutteto in previsione del riposo invernale: come mantenere il terreno
La stagione fredda, nonostante comporti il riposo vegetativo della maggior parte delle piante, è comunque un periodo di forte stress per il terreno. P...
Cura delle piante grasse: come pulirle
Tra le operazioni da svolgere normalmente per mantenere al meglio le nostre piante d’appartamento c’è anche la pulizia delle piante grasse, anche se –...
Come curare i bonsai in inverno
Per prima cosa è necessario spendere alcune parole per spiegare cosa sono i Bonsai. Il termine bonsai ha origine da due ideogrammi giapponesi: il prim...
I Sedum, un genere di piante grasse di facile coltivazione
Il genere Sedum appartiene alla famiglia delle crassulacee, ovvero delle piante grasse. Il nome Sedum deriva dal latino sedeo, mi siedo, ed allude al ...
Albicocco, un albero dai frutti ricchi di vitamine
L’albicocco è una pianta da frutto appartenente alla famiglia delle rosacee. Molti botanici ritenevano che questa pianta avesse origine dall’Armenia, ...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!