Contro il vento: come proteggere le piante

Il freddo intenso e le correnti d’aria possono creare molti più danni di quanto si possa immaginare. Il vento e l’abbassamento di temperatura sono una costante della stagione fredda in arrivo, ciò si rivela una rischiosa minaccia per il verde: le piante perdono di vitalità e il terreno ne risente, è quindi importante proteggere in maniera adeguata il nostro giardino. Inoltre l’azione del vento può avere conseguenze ancora più gravi: si possono presentare rotture di steli o di rami, anche con conseguenze pericolose; in più il vento forte può addirittura compromettere lo sviluppo di alcuni esemplari più sensibili. E’ quindi importante trovare un rimedio prima che la situazione si aggravi.

Contro il vento

Contro il vento: staccionate aperte per protezione

Esistono soluzioni semplici e relativamente economiche per risolvere questo problema, noi vi consigliamo di optare per la realizzazione di staccionate, o più semplicemente l’utilizzo di barriere mobili in cannicciati è ottima per qualsiasi esigenza.

Cosa fare contro il vento se le piante sono di taglia piccola

Quando le piante da proteggere sono di modeste dimensioni non servono rimedi troppo complicati o dispendiosi (sia per quanto riguarda le energie per montarlo che per quanto riguarda l’esborso economico). La soluzione ottimale in questo caso è un semplice paravento realizzato con sottili canne di bambù.

Attenzione al vento

Attenzione al vento

E’ facile ritrovare questa soluzione principalmente nelle località di mare, il funzionamento è dei migliori: le piante saranno completamente protette dall’azione del vento e delle correnti d’aria, i raggi solari e l’acqua invece non saranno ostacolati.

Per la messa in opera del paravento fate molta attenzione ad avvolgere la pianta con estrema cura, evitate quindi di piegare (o ancora peggio spezzare) i rami in maniera accidentale.

Dopo aver avvolto completamente l’esemplare procedete fissando i bordi del paravento l’uno all’altro: basterà usare dei semplici laccetti di fil di ferro da annodare in più punti.

Ogni tanto controllate la tenuta dei laccetti, deve essere ben salda in maniera da proteggere sempre al meglio la pianta.

Proteggere le piante d’alto fusto 

Gli alberi più grandi spesso hanno la necessità di proteggere la chioma, trattandosi della parte più soggetta alle intemperie e all’azione del vento. Per realizzare questo tipo di protezione si deve utilizzate una speciale rete frangivento: si tratta di un telo realizzato in particolare tessuto non tessuto dotato di maglie a piccoli e grandi fori.

Normalmente è possibile trovare reti frangivento realizzate con maglie più o meno larghe a seconda delle esigenze specifiche e del tipo di esposizione alla quale è soggetto l’esemplare da proteggere.

E’ importante valutare attentamente anche il contesto nel quale è inserita la pianta: per esempio se vi trovate in territori marini si consiglia di

L'azione del vento potrebbe danneggiare le piante

L'azione del vento potrebbe danneggiare le piante

scegliere un tessuto non tessuto con maglie fitte in grado di trattenere anche i granelli di sabbia.

Anche il questo caso non risulta troppo complicato collocare la protezione sulla chioma dell’albero. Una volta fissata la rete sulla parte superiore della chioma si deve procedere assicurandola al tronco utilizzando delle fettucce morbide, in questo modo si preserva la corteccia da eventuali abrasioni.

Per preservare anche il piede dell’albero vi consigliamo di raccogliere delle foglie secche e collocarle alla base del fusto: saranno un ottimo rimedio contro il gelo radicale.

Barriere frangivento per proteggere il giardino

E’ possibile proteggere tutto il giardino e non solo le piante singolarmente. In questo caso si tratta di un’operazione un po’ più lunga e costosa.

Per proteggere il proprio giardino completamente si può scegliere di utilizzare una staccionat acontro il vento, è una valida alternativa all’utilizzo di una barriera naturale composta da siepi.

Canne di bambù da usare come protezione

Canne di bambù da usare come protezione

A seconda dell’intensità del vento è possibile optare per due opzioni differenti: staccionata compatta o in alternativa staccionata aperta. Si consiglia di evitare la staccionata compatta in zone soggette ad intense raffiche di vento, in questo caso potrebbero crearsi delle turbolenze dannose per le piante, poiché potrebbero scuoterle in tutte le direzioni.

La staccionata aperta subisce molte meno pressioni da parte dei venti: l’aria passerà con più facilità, senza scatenare turbolenze e danneggiare pericolosamente le piante.

Un prato verde rigoglioso: il sogno di tutti gli amanti del giardino
Storia del prato verde all’inglese L’utilizzo dei tappeti erbosi all’interno del giardino si diffuse alla fine del XVIII secolo soprattutto negli a...
Jasminum Nudiflorum (Gelsomino di San Giuseppe): una pianta invernale
Continua la mia ricerca nel trovare piante che possano fiorire durante il periodo invernale. Questo perchè ritengo sia importante poter coltivare i...
Bordure per il giardino ed il prato
I bordi che delimitano un giardino o un prato sono di estrema utilità perché impediscono sia alle zolle che al manto erboso di espandersi a dismisura,...
Le malattie fungine delle rose: come proteggerle
Le rose non vanno difese semplicemente dai parassiti a noi ben noti. Esiste infatti una serie di malattie, denominate fungine, che rischiano di danneg...
Le caratteristiche del terreno sono la base di un giardino in salute
Il terreno è un vero e proprio complesso ecosistema dove interagiscono fattori fisici, chimici e biologici. Nel terreno si trovano parti solide, li...
Creare un giardino a risparmio idrico
La scarsità di acqua può essere un problema stagionale o un problema di tipo strutturale. E’ comunque molto importante tenerne conto, poiché rappresen...
Creare aiuole fiorite e splendidi vasi con le viole
Le viole sono bellissimi fiori colorati con poche pretese. Sono perfetti per dare una nota di colore allegra alle aiuole, alle bordature e ai nostri t...
Punteruolo rosso delle palme, quali sono le specie più resistenti da mettere in giardino?
L’arrivo in Italia del Punteruolo rosso delle palme, Rhynchophorus ferrugineus, avvenuto tra il 2005 ed il 2006, ha determinato, nel corso di 7 anni, ...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!