Contro le zanzare scegliamo le piante giuste

Con l’aumentare dell’umidità, soprattutto nelle ore più fresche delle giornate estive, quando si potrebbe godere di un po’ di meritato riposo, qualche presenza sgradita disturba il nostro relax al fresco: sono le zanzare. I modi naturali per tenere lontani questi fastidiosi insetti sono molti.

Zanzara

Zanzara

Per prima cosa si deve sapere che le zanzare amano i depositi di acqua stagnante, ed è proprio lì che depositano le loro uova. Non fa nessuna differenza se l’acqua è dolce o salmastra, stagnante o pulita, le zanzare riescono ad adattarsi con facilità a qualsiasi condizione; le larve sono in grado di svilupparsi in un periodo temporale di soli 6 – 8 giorni.

Il primo passo: eliminare uova e larve

La prima cosa da fare per evitare la proliferazione di questi insetti è eliminare ogni ristagno d’acqua ed eventuali cause dei ristagni, soprattutto se in prossimità delle finestre. Solitamente sono fonti di ristagno sottovasi, innaffiatoi, recipienti vuoti ormai dimenticati da tempo sui davanzali delle finestre.

Geranio odoroso

Geranio odoroso

Quando non è possibile eliminare i ristagni, come nel caso dei sottovasi, si consiglia di inserire dei filamenti o dei pezzetti di rame non trattato: usatene 200 grammi per litro di acqua.

Il rame non trattato si ossida facilmente, producendo quantità di ioni e ossido di rame che sono in grado di bloccare la schiusa  delle uova di zanzare.

In ogni caso si può anche procedere con lo svuotare i sottovasi almeno una volta a settimana, in modo tale da impedire la conclusione del ciclo riproduttivo degli insetti (durando appunto circa 6 – 8 giorni).

Piante anti zanzare

Se si vuole evitare che questi fastidiosi insetti entrino in casa si può scegliere di collocare sui davanzali vasi di geranio odoroso, questi esemplari in particolare hanno un effetto repulsivo in grado di tenere lontani gli insetti.

Anche il basilico produce un effetto dello stesso tipo sugli insetti, solo che ne servirebbero ingenti quantità per ottenere un risultato soddisfacente.

Erba gatta

Erba gatta

L’erba gatta, quella comunemente tenuta in casa e amata dai felini, riesce ad allontanare le temute zanzare: al suo interno è contenuta una sostanza chiamata nepetalactone, si tratta di un particolare olio essenziale che agisce come repellente naturale per le zanzare.

Si suggerisce di realizzare un infuso di erba gatta, per poi spruzzarlo, con un normale spruzzatore, contro le zanzare. In alternativa, data la sua facilità di crescita, si consiglia di piantare intorno alla propria abitazione un folto numero di cespugli di erba gatta.

L’erba limone viene spesso utilizzata contro le zanzare; questa è ricca di citronella: si tratta di un olio essenziale ricavabile dallo stelo della pianta.

Anche l’utilizzo di canne di bambù può essere utile. Collocate sul vostro balcone o terrazzo un vaso con alte canne di bambù, queste non sono dei repellenti per le zanzare ma sono in grado di attirare le libellule, questi insetti sono ghiotti di zanzare.

Un trucco durante il barbecue

Basilico anti zanzare

Basilico

Quando si parte per le vacanze o ci si allontana da casa per qualche giorno è buona norma ricordarsi di porre al riparo dalla pioggia i vari contenitori di acqua che facilmente causano ristagni d’acqua, diventando i luoghi ideali per la riproduzione delle zanzare.

Se qualcuno si occupa di bagnare il giardino durante la vostra assenza assicuratevi che eviti di dimenticare contenitori sparsi per il giardino o che si favorisca in qualche modo eventuali ristagni di acqua.

Un consiglio interessante per chi decide di preparare un barbecue all’aperto durante la bella stagione: se volete tenere lontani sia zanzare che ogni altro tipo di insetto fastidioso, buttate sulla carbonella accesa qualche foglia di salvia o qualche rametto di rosmarino; queste erbe aromatiche produrranno un piacevole aroma per noi, ma avrà un effetto repellente per la maggior parte degli insetti.

Un prato verde rigoglioso: il sogno di tutti gli amanti del giardino
Storia del prato verde all’inglese L’utilizzo dei tappeti erbosi all’interno del giardino si diffuse alla fine del XVIII secolo soprattutto negli a...
L’Hippeastrum, meglio conosciuto come Amaryllis: cura della pianta e curiosità
Come abbiamo precedentemente esposto l’hippeastrum può essere coltivato sia all’aperto che al chiuso. I bulbi conservati in questa maniera produrranno...
Le carote: tanta vitamina A ad un prezzo ridotto
carota appartiene alla famiglia delle Ombrellifere, si adatta bene ad ogni situazione. In ogni caso predilige un clima di tipo temperato e umido. So...
La melanzana: si semina a marzo si raccoglie in estate
Si tratta di una coltivazione estiva tipica dei paesi con climi caldi. E’ infatti l’ortaggio per eccellenza dell’estate. A dimostrazione di ciò esiste...
Moltiplicazione delle piante per talea
La moltiplicazione delle piante, detta anche propagazione agamica, si distingue dalla riproduzione sessuale o per seme. La moltiplicazione si b...
La passiflora, coltivazione e curiosità
La Passiflora è una pianta rampicante dal fiore inconfondibile. Predilige per la sua crescita luoghi caldi e terreno ben drenato. Cresce anche nelle r...
La cura del prato: cosa fare prima dell’arrivo del freddo
Se si vuole un bel prato nella stagione primaverile è necessario curarlo a partire dall’autunno. Esistono due strade principali: la prima consiste nel...
Creare un giardino particolare e d'effetto scegliendo piante dal fogliame metallizzato
Le piante dia riflessi metallici non sono tra le più comuni, attualmente sono però molto utilizzate nei giardini e nelle composizioni verdi. Utilizzat...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!