COREOPSIS: il fiore che resiste tutto l’anno

Oggi vi voglio parlare del COREOPSIS, fiore resistente, in grado di avere una rifiorescenza molto elevata durante i 12 mesi dell’anno.
Il Coreopsis è una pianta importata dall’America nel XVIII secolo; attualmente si conoscono 115 specie di questo genere.

coreopsisE’ una pianta che può essere coltivata con molta facilità.
I petali del suo fiore sono ligulati e si distribuiscono in modo radiale intorno al nucleo.

Per rendersi conto della forma, ricorda molto la struttura della Margherita, solamente con petali più grandi e di moltissime varianti cromatiche, a seconda della specie che si decide di acquistare.
Solitamente le Coreopsis vengono acquistate per produrre fiori recisi, per creare piccole siepi a cuscinetto e per creare magari una macchia di colore in terreni impervi alla coltivazione di piante delicate.

Perfette piante da balcone

Inoltre le Coreopsis, essendo molto resistenti, sono particolarmente adatte per essere coltivate e mantenute sui balconi delle città inquinate.

Le piante in questione hanno un’elevata resistenza ai fumi e agli agenti inquinanti, risultando un’ottima scelta per arredare il proprio balcone metropolitano.

Coltivazione delle COREOPSIS

Come detto all’inizio, la Coreopsis è una pianta di facile coltivazione. E’, infatti, in grado di ambientarsi abbastanza bene, in ogni tipologia di suolo e a sbalzi termici.

In ogni caso di seguito, vi spiegherò tutti i passaggi che occorre effettuare per coltivarla e proteggerla garantendole le condizioni migliori.

piante perenni
In primo luogo bisogna creare dello spazio sufficiente per non far soffocare le radici.

Se si decide di coltivarle in vaso, occorre prenderne uno proporzionato alla pianta, in modo da avere sempre una parte di terriccio libera che consente lo sviluppo della radice durante tutto l’anno, mantenendo il substrato equilibrato e idoneo.

Le Coreopsis amano il sole e l’acqua.

Le piante di questa specie se vengono coltivate in zona d’ombra, non muoiono, ma ovviamente fioriscono meno e con ritardo.

Per quanto riguarda l’acqua in inverno occorrerà non annaffiarle, mentre d’estate sarà necessario ricordarsene tutti i giorni, evitando comunque un’eccessiva umidità che provocherebbe ristagni pericolosi.

Il terreno ideale è un suolo con grandi capacità drenanti, ma riesce anche ad adattarsi in altre condizioni, meno favorevoli.

COREOPSIS una pianta perenne

La Coreopsis è una pianta perenne e, per crescere bene, necessità di qualche piccola attenzione.

In autunno e in primavera sopporta ottimamente le medie temperature.

D’estate e in inverno occorre invece effettuare qualche piccola opera manutentiva, assolutamente non complicata.

In inverno, a temperature sottozero, sarà necessario proteggere almeno il terreno con foglie secche e piccoli ciuffi di paglia.
In estate a temperature estremamente elevate, bisogna ricordarsi di idratare le Coreopsis adeguatamente, perché se si sente in carenza d’acqua smette di produrre i suoi fiori.

Piccole cure

Per avere sempre le Coreopsis al massimo delle sue potenzialità, occorre effettuare una piccola operazione: ogni qualvolta capiti di vedere delle cime sfiorite, sarà necessario rimuoverle; in questo modo la pianta rimarrà forte giovane.
In ogni caso tutte queste operazioni manutentive, non sono obbligatorie, in quanto la pianta cresce anche allo stato brado.

Se però la si vuole vedere bella, forte, rigogliosa e fiorita, queste piccole attenzioni sono indispensabili.

Questo articolo vi mostra un’altra pianta resistente, in grado di rendere piacevole e colorato il vostro balcone anche durante la stagione invernale.

Questa e altre piante consentono di evitare un balcone o un giardino spoglio durante l’inverno, occorre solo un po’ di praticità e conoscenza, scegliendo le piante più adatte al periodo prescelto per la coltivazione.

Ogni stagione ha le sue bellezze, il fascino di questo periodo è proprio nascosto tra queste forme viventi, che resistono alle basse temperature mostrando la loro maggior forza nel colore e nella forma.

L'ORTO d'appartamento
Se si abita in città spesso diventa difficile riuscire a realizzare il proprio orticello. La mancanza di giardini privati disponibili e le case...
Agrifoglio e vischio, le piante del Natale: come coltivare e addobbare
Agrifoglio e Vischio le piante del Natale Quando si parla del Natale, della sua magia, non si può far a meno di prendere in considerazione oltre ai...
La Nemesia Sunsatia: un ibrido che fiorirà fino all'autunno
La Sunsatia Proven Winners forse è una di quelle novità degne di nota. Questi ibridi di nuova realizzazione sono ideali per decorare barconi e giardin...
Terrazzi in fiore con i colori del Mediterraneo
Un’estate soleggiata e ventosa rischia di far diventare il nostro balcone un luogo spoglio e semi abbandonato. Per evitare che si verifichi questo fen...
Le rose, il prato e le siepi: cosa fare in giugno
Le rose, il prato e le siepi: cosa fare nel mese di giugno per curarle al meglio.
Il Sedum, una pianta grassa dalle molte varietà e dalle poche esigenza
Il sedum è una pianta succulenta rustica, quindi dalle poche esigenze. Ha bisogno di un terreno ben drenante, possibilmente non fertile, e di una posi...
Gasteria Verrucosa: una piccola pianta succulenta elegante e senza spine
Questa piccola pianta grassa è molto facile da trasportare poiché è di modeste dimensioni; si tratta di un esemplare decorativo senza spine. Non ne es...
Le piante giuste per le situazioni più difficili
Esistono svariate situazioni che possono rendere particolarmente complicata la coltivazione di alcune piante. A seconda di queste differenti situazion...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!