COREOPSIS: il fiore che resiste tutto l’anno

Oggi vi voglio parlare del COREOPSIS, fiore resistente, in grado di avere una rifiorescenza molto elevata durante i 12 mesi dell’anno.
Il Coreopsis è una pianta importata dall’America nel XVIII secolo; attualmente si conoscono 115 specie di questo genere.

coreopsisE’ una pianta che può essere coltivata con molta facilità.
I petali del suo fiore sono ligulati e si distribuiscono in modo radiale intorno al nucleo.

Per rendersi conto della forma, ricorda molto la struttura della Margherita, solamente con petali più grandi e di moltissime varianti cromatiche, a seconda della specie che si decide di acquistare.
Solitamente le Coreopsis vengono acquistate per produrre fiori recisi, per creare piccole siepi a cuscinetto e per creare magari una macchia di colore in terreni impervi alla coltivazione di piante delicate.

Perfette piante da balcone

Inoltre le Coreopsis, essendo molto resistenti, sono particolarmente adatte per essere coltivate e mantenute sui balconi delle città inquinate.

Le piante in questione hanno un’elevata resistenza ai fumi e agli agenti inquinanti, risultando un’ottima scelta per arredare il proprio balcone metropolitano.

Coltivazione delle COREOPSIS

Come detto all’inizio, la Coreopsis è una pianta di facile coltivazione. E’, infatti, in grado di ambientarsi abbastanza bene, in ogni tipologia di suolo e a sbalzi termici.

In ogni caso di seguito, vi spiegherò tutti i passaggi che occorre effettuare per coltivarla e proteggerla garantendole le condizioni migliori.

piante perenni
In primo luogo bisogna creare dello spazio sufficiente per non far soffocare le radici.

Se si decide di coltivarle in vaso, occorre prenderne uno proporzionato alla pianta, in modo da avere sempre una parte di terriccio libera che consente lo sviluppo della radice durante tutto l’anno, mantenendo il substrato equilibrato e idoneo.

Le Coreopsis amano il sole e l’acqua.

Le piante di questa specie se vengono coltivate in zona d’ombra, non muoiono, ma ovviamente fioriscono meno e con ritardo.

Per quanto riguarda l’acqua in inverno occorrerà non annaffiarle, mentre d’estate sarà necessario ricordarsene tutti i giorni, evitando comunque un’eccessiva umidità che provocherebbe ristagni pericolosi.

Il terreno ideale è un suolo con grandi capacità drenanti, ma riesce anche ad adattarsi in altre condizioni, meno favorevoli.

COREOPSIS una pianta perenne

La Coreopsis è una pianta perenne e, per crescere bene, necessità di qualche piccola attenzione.

In autunno e in primavera sopporta ottimamente le medie temperature.

D’estate e in inverno occorre invece effettuare qualche piccola opera manutentiva, assolutamente non complicata.

In inverno, a temperature sottozero, sarà necessario proteggere almeno il terreno con foglie secche e piccoli ciuffi di paglia.
In estate a temperature estremamente elevate, bisogna ricordarsi di idratare le Coreopsis adeguatamente, perché se si sente in carenza d’acqua smette di produrre i suoi fiori.

Piccole cure

Per avere sempre le Coreopsis al massimo delle sue potenzialità, occorre effettuare una piccola operazione: ogni qualvolta capiti di vedere delle cime sfiorite, sarà necessario rimuoverle; in questo modo la pianta rimarrà forte giovane.
In ogni caso tutte queste operazioni manutentive, non sono obbligatorie, in quanto la pianta cresce anche allo stato brado.

Se però la si vuole vedere bella, forte, rigogliosa e fiorita, queste piccole attenzioni sono indispensabili.

Questo articolo vi mostra un’altra pianta resistente, in grado di rendere piacevole e colorato il vostro balcone anche durante la stagione invernale.

Questa e altre piante consentono di evitare un balcone o un giardino spoglio durante l’inverno, occorre solo un po’ di praticità e conoscenza, scegliendo le piante più adatte al periodo prescelto per la coltivazione.

Ogni stagione ha le sue bellezze, il fascino di questo periodo è proprio nascosto tra queste forme viventi, che resistono alle basse temperature mostrando la loro maggior forza nel colore e nella forma.

La Scelta dei Rampicanti nel giardino:Glicine,Passiflora, Buganvillea,Edera,Vite Canadese
Come scegliere le piante  rampiacanti Le piante rampicanti possono trovare un valido impiego nella decorazione del giardino, abbellendo la faccia...
La Viola del Pensiero: un fiore invernale
Le viole del pensiero sono piante ibride dalla vita breve, della durata un anno o massimo due. Provengono dall’Europa e dalla Turchia. Queste piante ...
Le BEGONIE: specie e cura di una delle piante più variegate e diffuse
La begonia è uno dei fiori più utilizzati e conosciuti al mondo, soprattutto per la sua varietà di specie, in grado di accontentare ogni gusto. ...
Le piante grasse: colori e tonalità
Durante il periodo estivo il giardino dei cactus si arricchisce di colori. In questo caso non si tratta solo dei fiori che regalano sfumature di color...
Piante in vaso: irrigare risparmiando acqua
Il problema maggiore nel gestire un terrazzo durante la stagione estiva è sicuramente l’irrigazione: con l’aumentare della temperatura deve diventare ...
Anthemis maritima o camomilla maritima, come coltivarla in giardino
La camomilla maritima, in termine tecnico scientifico, Anthemis maritima, è una piante selvatica erbacea che cresce in modo spontaneo in alcune zo...
Creare un giardino a risparmio idrico
La scarsità di acqua può essere un problema stagionale o un problema di tipo strutturale. E’ comunque molto importante tenerne conto, poiché rappresen...
Thunbergia Grandiflora: pianta decorativa o pianta infestante?
La Thunbergia Grandiflora è una pianta originaria del subcontinente indiano, attualmente è presente anche nel continente Australiano come pianta rinse...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!