Cosa fare a Gennaio: gestire le piante in casa e sul terrazzo

Durante i mesi invernali orto e giardino hanno sicuramente bisogno di meno cure, ma per gli amanti delle piante i piccoli lavori da sbrigare non si fermano mai. Ci sono infatti le piante in casa e in terrazzo che anche in questo periodo hanno bisogno di cure e attenzioni per superare in maniera corretta questo periodo.

Tra le operazioni essenziali da svolgere sicuramente è importante stabilire un giusto grado di umidità negli ambienti.

I termosifoni tra dicembre e gennaio sono in pieno regime e l’aria è molto secca, ciò potrebbe compromettere la crescita sana delle piante ospitate in casa. In più, sempre a causa dei termosifoni, si sviluppano enormi quantità di polvere, che andranno sicuramente a depositarsi sul fogliame dei nostri esemplari, ostruendone i pori. In questo caso diventa molto importante una periodica pulizia della parte aerea delle piante, in modo tale d garantire una corretta traspirazione. In ultimo non dimentichiamoci di controllare l’eventuale presenza di parassiti: un ambiente caldo e umido è perfetto per il loro prolificare indisturbato.

Attenzione ai parassiti delle piante in casa

Ragnetto Rosso

Ragnetto Rosso

Come abbiamo appena accennato il clima domestico che si crea all’interno dei nostri appartamenti durante i mesi invernali diventa spesso l’habitat perfetto per la prolificazione e la diffusione dei parassiti. Tra i più diffusi c’è sicuramente il ragnetto rosso, noto anche come Tetranichus urticae. L’azione del parassita è piuttosto pericolosa per le piante che ne subiscono l’attacco: questo infatti succhia via la linfa dalle foglie. Lasciando poi piccole macchie gialle che via via con il tempo tendono ad allargarsi, provocando lo sfibramento della pianta.

Nebulizzate le piante per stabilire il giusto grado di umidi

Nebulizzate le piante per stabilire il giusto grado di umidi

E’ comunque piuttosto facile capire se le nostre piante stanno subendo un attacco parassitario di questo tipo, tra le foglie compaiono sottili ragnatele ben visibili. Per vedere invece il parassita vero e proprio è necessario munirsi di una lente di ingrandimento.

Una volta constatata la presenza del ragnetto rosso si può intervenire in due modi differenti: spruzzando sul fogliame una soluzione di acqua e sapone di marsiglia, oppure affidandoci ad un antiparassitario specifico.

Il giusto grado di umidità

La maggior parte delle piante ospitate nei nostri appartamenti sono di origine tropicale, amanti delle alte temperature, ma richiedono anche un grado di umidità che alle volte non si riesce a mantenere (in particolare durante l’inverno). Che fare allora per riequilibrare l’ambiente e cercare di farle sopravvivere al meglio?

Per prima cosa possiamo affidarci agli umidificatori d’ ambiente, controllate che questi siano sempre pieni di acqua. Successivamente è consigliabile nebulizzare il substrato, in più almeno due volte al mese si può procedere con un intervento drastico: lasciate a bagno in un contenitore pieno d’acqua le vostre piante per almeno 30 minuti, successivamente fatele sgocciolare bene prima di ricollocarle. Se tutto ciò non fosse sufficiente vi consigliamo di nebulizzare anche la parte aerea delle piante almeno una volta a settimana.

Per facilitare la creazione di un giusto microclima consigliamo di raggruppare il più possibile le piante durante i mesi invernali. Sarà anche più semplice nebulizzarle.

Per quanto riguarda invece le piante collocate all’esterno normalmente non è necessario fornire loro dell’acqua durante i mesi freddi, basta infatti l’umidità ambientale che normalmente si sviluppa in particolare durante la notte. In più l’evaporazione diurna è quasi minima in questo periodo.

Si possono lavare i vasi

Si possono lavare i vasi

Consigliamo comunque di controllare ciclicamente la condizione dei vasi e del substrato, soprattutto per tutti gli esemplari che sono posti al riparo da eventuali precipitazioni. Se si attraversano periodi particolarmente ventosi si consiglia di inumidire il terreno utilizzando uno spruzzatore.

Operazioni di pulizia

Una buona strategia per evitare il prolificare di parassiti e la formazione di malattie fungine in generale consiste nel mantenere sempre puliti sia i vasi che il substrato delle piante.

Per quanto riguarda il substrato sicuramente vi sarete accorti della patina biancastra che normalmente lo ricopre: si tratta di depositi costituiti in gran parte da sali minerali presenti nell’acqua di irrigazione, soprattutto se normalmente si usa quella del rubinetto. Consigliamo di eliminare periodicamente questo strato, aiutandovi anche solo con un cucchiaio. Per ripristinare la situazione ottimale potete procedere sostituendo la parte superficiale con del terriccio fresco.

Un altro elemento importante da considerare è la pulizia dei vasi che ospitano le nostre piante. In questo periodo molti vasi e cassette sono ormai vuoti, è quindi il momento migliore per pulirli in maniera adeguata, in modo tale da renderli pronti all’uso.

Controllate sempre i sottovasi

Controllate sempre i sottovasi

Forse in pochi lo sanno ma i vasi sono il veicolo più rapido per trasmettere malattie da una pianta all’altra, consigliamo quindi di procedere lasciando immersi tutti i contenitori in acqua e (poca) candeggina, basteranno circa trenta minuti per disinfettarli al meglio.

Per eliminare le macchie di calcare sui vasi di coccio scegliete una soluzione di acqua e aceto: torneranno come nuovi.

Dopo la pulizia dei vasi non dimenticatevi dei sottovasi. In inverno sono praticamente inutili, ma se si decide di lasciarli al loro posto è necessario pulirli, eliminando soprattutto l’eventuale acqua ristagnante. L’acqua nel sottovaso è infatti la causa più comune di marciumi radicali, è bene quindi stare attenti. In più in inverno le temperature rigide potrebbero far ghiacciare il terreno, con conseguente deperimento della pianta.

Bordure per il giardino ed il prato
I bordi che delimitano un giardino o un prato sono di estrema utilità perché impediscono sia alle zolle che al manto erboso di espandersi a dismisura,...
La melanzana: si semina a marzo si raccoglie in estate
Si tratta di una coltivazione estiva tipica dei paesi con climi caldi. E’ infatti l’ortaggio per eccellenza dell’estate. A dimostrazione di ciò esiste...
Piante verdi dalle foglie curiose e particolari
Oltre alla bellezza dei fiori per la maggior parte delle piante ornamentali gran parte dell’interesse risiede nelle foglie. Queste ricoprono gli steli...
Le rose, il prato e le siepi, cosa fare in Luglio
Cosa fare durante i mesi estivi per curare al meglio rose, prati e siepi.
Poco spazio? Coltiva le erbe aromatiche in pareti verticali
Anche con poco spazio a propria disposizione è possibile realizzare una coltivazione di piante aromatiche utili per insaporire la cucina. Basta sfrutt...
Duranta Repens: una novità sui toni dell'azzurro
La Duranta Repens è una pianta arbustiva appartenente alla famiglia delle Verbenacee. Questo esemplare è presente sul mercato da appena tre anni; il s...
Cura di orto e frutteto in previsione del riposo invernale: come mantenere il terreno
La stagione fredda, nonostante comporti il riposo vegetativo della maggior parte delle piante, è comunque un periodo di forte stress per il terreno. P...
L’Anice, pianta tutta da scoprire
L’aroma dell’anice è sicuramente più conosciuto della pianta aromatica. Sia liquori che dolci utilizzano da sempre il suo particolarissimo odore. Non ...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!