Cura delle piante in Primavera, consigli per averle sane e forti

E’ finito l’inverno, ormai tutti ce ne siamo accorti, e i primi caldi invogliano gli appassionati del verde a portare fuori le proprie piante per permettere loro di godere del tepore primaverile.

Cura delle piante in Primavera

Primula

In realtà nel mese di aprile e in alcuni casi nel mese di maggio, il clima può comportare dei rischi per la salute delle piante che, per tutto l’inverno, sono rimaste all’interno delle abitazioni protette dal freddo e dal gelo invernale.

Proprio per questo motivo, è sempre meglio tener sotto controllo alcuni aspetti fondamentali che, consentiranno un proseguo equilibrato della vita delle vostre piante, garantendogli la fioritura o la crescita, in modo sano e forte.

Ecco alcuni consigli utili, per conservare le vostre piante al meglio, nel principio della bella stagione.

La cura delle piante

Innaffiare le piante

Come si sa’ con l’arrivo della bella stagione, aumentano le temperature e proprio per questo motivo, diventerà necessario innaffiare più spesso le vostre piante, ovviamente a seconda delle caratteristiche della pianta.

Ad esempio se possedete una pianta come la Neoregelia, sarà necessario collocare un dosatore d’acqua rivolto verso la terra, in questo modo l’acqua verrà rilasciata in modo graduale ed equilibrato senza risultare discostante e pericoloso.

In generale, tutte le piante necessiteranno di una maggiore annaffiatura, la terra dovrà essere sempre umida senza mai esagerare.

Anche le piante grasse accetteranno maggiormente l’annaffiatura, ovviamente sempre fatta in ragionevoli dosi. Da maggio fino a novembre le piante grasse richiederanno un’annaffiatura settimanale, in modo da garantirle il giusto nutrimento senza mai provocare un ristagno idrico che, diventerebbe altresì dannoso.

Innaffiare le piante

Margherita

A seconda della pianta e della sua dimensione si avranno caratteristiche e dosi differenti d’acqua; in ogni caso l’acqua dovrà inumidire completamente il terreno senza creare ristagni.

Le piante a foglia larga, ad esempio il Ficus, dovranno essere nebulizzate, in modo da idratare la foglia, garantendole vitalità e colore acceso.

Se invece avete in casa piante amanti dell’umidità come l’Iris Louisiana, allora munitevi di un sottovaso con dell’argilla espansa, bagnate l’argilla, a quel punto sarà lei stessa, a rilasciare gradualmente l’acqua, nutrendo il terreno.

L’importanza del sole nella cure delle piante

Dopo l’inverno molti di voi vorranno esporre le piante al sole in modo diretto, pensando che magari possa essere per loro un toccasana. In realtà se avete conservato per tutto l’inverno la pianta all’interno della vostra abitazione, un eccesso di luce diretta potrebbe provocare dei problemi alla pianta, ad esempio seccarla in modo anomalo.

Se ci pensate un attimo la pianta durante l’inverno ha ricevuto la luce del sole ma protetta dal vetro della finestra e poi è stata illuminata da un sole meno forte rispetto a quello primaverile.

Proprio per questo, esporre le piante in modo deciso alla luce diretta e costante potrebbe essere deletereo. Sarebbe meglio abituare la pianta al sole diretto in modo graduale.

Temperatura e cure per le piante in primavera

Come vi ho accennato nelle righe precedenti il sole è più caldo, ma si sa’ “la primavera è pazzerella” e in alcuni momenti, soprattutto in zone più fredde, si fanno sentire ancore temperature più rigide.

Se quindi vi rendete conto che, soprattutto di notte, la temperatura scende al di sotto degli 8°C, attendete ancora un po’ prima di portare fuori le vostre piante, che altrimenti ne soffrirebbero.

annaffiare piante

Girasole

Un altro aspetto importante è togliere le parti secche e marcescenti, regalando alla pianta un aspetto rinnovato. Se poi vi rendete conto che la vostra pianta è un po’ stretta nel suo vaso, questo è il periodo giusto per effettuare i rinvasi, preferendo dei vasi di qualche centimetro più grande, in modo da consentire alla pianta di crescere.

Se volete anche moltiplicarla, potete decidere di prelevare le talee in modo da poterle radicare in acqua, coltivandole poi nel terreno in modo da rinfoltire la vostra pianta.

Altro aspetto importante è la concimazione perchè consente di fornire gli apporti nutritivi necessari per la sua crescita. Sarà importante scegliere il concime adatto alla propria pianta in modo da fornire il corretto nutrimento.

Questi piccoli consigli vi permetteranno di curare le vostre piante in questo periodo dell’anno, in modo adeguato, garantendone una crescita sana e forte!

Tagliaerba elettrico: silenzioso ed ecologico dal taglio pulito
Non fa rumore, non disturba i vicini, non sporca, non inquina e può essere facilmente utilizzata da chiunque: si tratta della rasaerba elettrica, stru...
Rose e roseti: spazi romantici per i vostri giardini
E’ ormai molto diffuso destinare una parte del giardino alla coltivazione di vari esemplari di rose. Ormai questa comune, ma spesso singolare, spe...
Piante verdi dalle foglie curiose e particolari
Oltre alla bellezza dei fiori per la maggior parte delle piante ornamentali gran parte dell’interesse risiede nelle foglie. Queste ricoprono gli steli...
Le peonie risvegliano il giardino in primavera
Le peonie appartengono alla famiglia delle erbacee che durante l’inverno si essiccano completamente, per poi svegliarsi con l’inizio della primavera, ...
La potatura estiva o potatura verde
La potatura comprende una serie di interventi che servono a modificare in maniera completamente naturale il modo di vegetare e di produrre frutti di u...
Il ribes: coltivazione e proprietà di una pianta resistente al freddo
Il ribes è l’unica pianta appartenente alla famiglia delle Grossulariacee, tipica delle regioni montane. Il genere Ribes comprende diverse specie, di ...
Il melograno è bello tutto l’anno e fruttifica ad ottobre
Il melograno, o Punica Granatum, è una pianta originaria dei territori ad oriente dell’Afghanistan. Questo esemplare era già conosciuto da Babilonesi,...
Coltivare in inverno nell'orto: la bietola
La bietola, Beta Vulgaris, è un ortaggio molto antico. Appartiene alla famiglia delle Chenopodiaceae ed è molto utilizzata in cucina per insalate e pe...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!