Come curare le piante grasse in inverno

piante grasse inverno

Nelle giuste condizioni le piante grasse in inverno possono rimanere all'aperto

Molti di voi avranno sicuramente una pianta grassa in casa e sul balcone.

Le piante grasse infatti, sono tra le più apprezzate in ambito domestico, soprattutto perchè non richiedono grandi cure e sono molto resistenti.

Inoltre, la loro varietà sia a livello strutturale che per quanto riguarda la fioritura, rendono le piante grasse delle piacevoli piante ornamentali capaci di realizzare composizioni variegate di assoluto piacere estetico.

Durante l’estate le piante grasse spesso e volentieri vengono collocate sul balcone, in ambienti all’aperto, freschi e arieggiati. Con l’arrivo dell’inverno la prima cosa che viene quindi in mente, è quella di ritirare le piante, proteggendole in un ambiente chiuso, lontano da sbalzi termici bruschi in modo da evitare le gelate invernali.

In realtà non sempre è necessario in quanto le piante grasse sono abituate a sopravvivere in ambienti ostili, desertici, conosciuti per i loro sbalzi termici estremi, che variano da temperature molto calde, fino a raggiungere anche gli zero gradi centigradi o temperature ancora più basse.

Questo tipo di adattamento ambientale è garantito dalla presenza, in alcune piante, di una struttura apposita che evita il congelamento, consentendole di vivere in ambienti anche particolarmente difficili.

Ciò che è invece deleterio e importante, da ricordare quindi sempre, indipendentemente dalla stagione, è che la pianta grassa, come tutte le piante ha un “Tallone d’Achille”: si tratta delle eccessive bagnature che la possono portare anche alla morte.

Come curare le piante grasse

L'eccesso di acqua è deleterio per la salute delle piante grasse

Come molte piante, infatti, non ama i ristagni, ma per lei c’è un aspetto importante da considerare: essendo un tipologia di pianta abituata anche a periodi di lunga siccità, è dotata di un apparato che le consente di calibrare, conservare e nutrirsi in modo costante anche in momenti di siccità.

In presenza di un’abbondante quantitativo d’acqua, la pianta grassa non riesce ad equilibrarsi, le radici soffocano e muoiono velocemente, provocando di conseguenza, la morte della pianta grassa.

Ma adesso vediamo le cure invernali per mantenerla in salute fino alla successiva fioritura e oltre.

Il terreno più adatto

Il terreno, avendo un ruolo importante durante tutto l’anno, ricopre un ruolo fondamentale anche durante la stagione invernale.

Come ogni pianta, anche quelle grasse, prediligono un terriccio particolare; più adeguato sarà e maggiore sarà la possibilità di garantirle una crescita sana ed equilibrata.

La prima cosa da sapere è che è consigliabile un terreno ben permeabile all’acqua, in modo che la pianta riceva il giusto nutrimento senza subire ristagni.

Il terreno ideale è quello composto da un mix di torba e di sabbia di fiume. Ovviamente in tutti i garden center sono acquistabili specifici sacchi di terriccio appositamente studiati per le piante grasse.

Le cure invernali per le piante grasse

Dopo aver detto che le piante grasse non temono il freddo, avrete capito che non è necessario riporle al riparo all’interno della casa, ma che invece, conviene lasciarle all’esterno tenendo a mente qualche piccolo accorgimento utile per mantenerle in salute.

Per garantire quindi il ciclo naturale di vita della pianta grassa, lasciamola sul balcone, ricordandoci solo di collocarla in un punto riparato, in modo da evitare eventuali piogge, molto frequenti in questo periodo, che invece possono essere estremamente dannose.

Da novembre fino a marzo poi, è meglio evitare di bagnarle in modo che non le si metta a rischio gelate.

In questo periodo è fondamentale che le piante grasse si regolino autonomamente, equilibrando il rilascio dell’acqua che hanno raccolto e conservato per i periodi stagionali e termici più complessi.

Un altro aspetto fondamentale è quello riguardante la luce che deve essere abbondante e costante durante tutto l’arco della giornata; questo consente che si scaldi durante le ore più calde, preparandosi adeguatamente alle gelate notturne.

Non è necessario poi coprirla, in modo tale che riesca a respirare liberamente senza ostruzioni.

Come avete visto non sono necessari grandi accorgimenti, ma basta solo qualche attenzione in più per garantirle di sopravvivere, preparandosi al meglio alla prossima primavera e alla prossima fioritura.

L’irrigazione del giardino
L’irrigazione è una tecnica agricola che affonda le sue radici nel passato. In Italia venne valorizzata in particolare dagli arabi che la importaro...
L’ambiente e la scelta delle piante del giardino
Scegliere le giuste essenze vegetali è una delle chiavi di volta nella ideazione e progettazione dei giardini e degli spazi verdi. E’ indispensabil...
Stella di Natale, caratteristiche e consigli per curarla
Il nome scientifico è Euphorbia pulcherrima, ma tutti la conosciamo come Stella di Natale. Si tratta di è una pianta tropicale appartenente alla fa...
L’Aloe Vera e i suoi benefici
L’aloe è e una pianta grassa. E’ una pianta che tollera bene la siccità ma resiste difficilmente a temperature inferiori agli 0°C. Una temperatura mit...
La melanzana: si semina a marzo si raccoglie in estate
Si tratta di una coltivazione estiva tipica dei paesi con climi caldi. E’ infatti l’ortaggio per eccellenza dell’estate. A dimostrazione di ciò esiste...
Coltivazione, conservazione e proprietà dell’Acetosella
L’Acetosella appartiene alla famiglia delle Ossalidacee. Si tratta di una pianta erbacea perenne. Dal rizoma di modeste dimensioni crescono steli lung...
Preparare le fioriture primaverili: i bulbi da fiore in cassetta
Un balcone fiorito piace a tutti, soprattutto se le fioriture sono in coincidenza con l’arrivo della primavera. Se si agisce per tempo molte bulbose c...
Coltivare in inverno: la brina, un fenomeno molto comune a dicembre
Il freddo è arrivato, ce ne siamo ormai resi conto. Le giornate sono più corte e le ore di luce sono sempre meno. Se si abita nelle ragioni del nord l...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!