Curarsi con le piante in dolcezza: la farmacia verde

I rimedi verdi sono ottimi per curare i malanni più comuni come il mal di gola, le distorsioni, l’insonnia e ogni tipo di scottatura solare.

Si tratta di erbe molto versatili, ottime da utilizzare normalmente, ma anche da portare in vacanza e sempre con sè per essere pronti in caso di ogni evenienza.

Di seguito presentiamo una selezione delle erbe più comuni, differenziate a seconda della modalità di utilizzo.

Farmacia verde: Piante solo per uso esterno

Il Tea Tree, un rimedio contro le punture di insetti

Il Tea Tree, noto anche come Melaleuca alternifolia, è un albero originario dei territori dell’Australia, è possibile raccoglierlo durante tutto l’anno. Dai rami di questo albero si raccogliere un olio essenziale in grado di curare molteplici disturbi.

 farmacia verde

Tea Tree o Melaleuca alternifolia

L’utilizzo principale di questo olio essenziale è come antisettico per risolvere problemi cutanei, come per esempio fastidiose punture di insetti o piccole lesioni superficiali. E’ possibile utilizzare poche gocce di tea tree insieme con dell’olio d’oliva o dell’olio di mandorla dolce. Basterà applicare la sostanza ottenuta direttamente sulla zona interessata dal disturbo: disinfetterà, toglierà l’infiammazione e funzionerà da ottimo cicatrizzante. E’ possibile utilizzare anche l’olio puro, soprattutto se ci si trova in viaggio e non si dispone di un altro olio: in questo caso ne basterà un’unica goccia. In commercio esistono anche pomate a base di tea tree, forse un po’ più comode da trasportare rispetto all’olio concentrato.

Questo portentoso rimedio naturale è in grado di contrastare le micosi, anche quelle che normalmente colpiscono le unghie. Basterà applicarlo sulle zone interessate, favorendone l’assorbimento con un massaggio. Si consiglia l’uso di questo olio anche per curare infiammazioni del cavo orale, come afte o gengiviti. Basterà diluire qualche goccia in mezzo bicchiere d’acqua, mescolare bene e praticare dei risciacqui.

Arnica: perfetta contro gli ematomi

Arnica

Arnica

L’Arnica montana è una pianta di colore giallo diffusa prevalentemente nei territori montani. Si utilizza normalmente per curare ematomi, contusioni, strappi muscolari e tutti i danni relativi alle articolazioni.

Normalmente è possibile reperire creme o gel a base di arnica: vanno applicate più volte al giorno sulle parti interessate dal dolore, massaggiando per assorbire.

E’ possibile utilizzare anche la tintura madre: si tratta della sostanza concentrata, andrà quindi diluita in acqua. Se è possibile si consiglia di arricchirla anche con della glicerina e applicarla sulle parti doloranti utilizzando una garza. Il trattamento va ripetuto più volte al giorno. Questo estratto naturale non va mai utilizzato per usi interni, ne a contatto con mucose. Inoltre si consiglia di utilizzarlo sull’epidermide priva di escoriazioni o ferite: potrebbe provocare irritazioni.

Piante per uso esterno e interno

Camomilla: non favorisce solo il sonno

Tutti conoscono le virtù della Camomilla per rilassarsi e calmare il sonno, ma è possibile utilizzare questo fiore per risolvere anche altri piccoli disturbi.

Camomilla

Camomilla

Si può utilizzare la camomilla in caso di difficoltà digestive, mal di testa, problemi mestruali e legati alla menopausa. Inoltre ha una ottima capacità lenitiva e antisettica sia per l’epidermide che per gli occhi.

E’ possibile utilizzarla in infusione sia per curare i disturbi digestivi, che applicata come impacco sugli occhi per ottenere un effetto lenitivo e anti congestionante.

Normalmente si può reperire l’olio essenziale di Camomilla. In commercio si trova in piccoli flaconcini da 10 ml facilmente trasportabili e utilizzabili. Per esempio si possono aggiungere alcune gocce nell’acqua del bagno, si otterrà un effetto rilassante in grado di contrastare nervosismo e tensione. Mischiare qualche goccia di olio essenziale in un barattolo di crema neutra sarà utili per creare un perfetto trattamento notturno da applicare sulla pelle del viso stanca e irritata.

Menta: ottima per il mal d’auto

Menta Piperita

Menta Piperita

La Menta Piperita è perfetta da portare in viaggio, poiché è in grado di curare un gran numero di piccoli, ma fastidiosi, disturbi. Ha infatti ottime proprietà espettoranti e rinfrescanti, rendendola un rimedio davvero versatile.

Per esempio consumare infuso di menta freddo, somministrato a piccole dose, allevia i disturbi legati alla chinetosi (mal d’auto, mal di mare, mal d’aereo). Basterà mettere in infusione una piccola quantità di menta in acqua bollente. Inoltre se ne potranno apprezzare anche le qualità rinfrescanti, ottime principalmente nel periodo estivo.

Consumare un po’ di menta a fine pasto favorisce la digestione, ed è in grado di evitare fastidiosi disturbi intestinali. Spesso si può utilizzare la menta anche per curare il mal di testa.

L’infuso di menta viene comunemente utilizzato per eseguire risciacqui e gargarismi per risolvere problemi legati al cavo orale o alla gola: ha proprietà antisettiche, rinfrescanti e leggermente analgesiche.

Nelle giornate più calde si consiglia di provare un piacevolissimo bagno rinfrescante e tonificante aggiungendo all’acqua una piccola quantità di menta racchiusa in un sacchettino di tela o di garza. La menta può essere acquistata normalmente a peso in erboristeria, ma è facilmente reperibile in bustine filtro.

Da bere e da mangiare

Il Ribes Nero ridà tono

Ribes Nero

Ribes Nero

Da ribes nero, comunemente presente nella maggior parte dei boschi delle zone collinose o montane, si estrae un gemmoderivato dalle molte proprietà.

Si tratta di un perfetto antinfiammatorio in grado di alleviare da molti disturbi. Tra le proprietà più importanti è in grado di inibire le

reazioni allergiche, aiuta a contrastare asma e riniti allergiche, in più allevia il prurito in caso di punture di insetti che solitamente irritano la cute.

Con il gemmoderivato che si ricava dal ribes nero si possono contrastare anche i problemi derivati da eritemi solari e orticaria. Inoltre allevia i dolori provocati da gastriti, coliti, reumatismi, artriti e infezioni delle vie aeree causate da influenza.

E’ utile anche per curare emicrania, mal di testa e spossatezza generale. Ma le proprietà benefiche del ribes nero non sono ancora finite: elimina gli eccessi di urea e di colesterolo, stimola le difese immunitarie e può essere utilizzato in caso di ipotensione. In casi estremi può essere utilizzato anche per curare stomatiti e afte.

Normalmente il derivato del ribes nero si può acquistare in boccette da 50 ml dotate di contagocce.

Mirtillo nero come astringente

Il mirtillo nero si trova comunemente nella maggior parte delle zone montane. Si tratta di un ottimo astringente. Ha anche ottime proprietà protettive per i vasi sanguigni. In più è in grado di migliorare la vista, utile soprattutto per chi deve passare molte ore alla guida. E’ possibile acquistarlo in varie forme: essiccato, in estratto, come tintura madre e gemmo derivato.

Un’erba di campo: il Tarassaco
Il Tarassaco appartiene alla famiglia delle composite ed è comunemente noto come dente di leone o soffione. Si tratta di una erbacea perenne di piccol...
Seguire il calendario lunario di Luglio 2011
Luglio è un mese caratterizzato dal colore: tutte le aiuole e le bordature sono ricche di fioriture, nell’orto e nel frutteto i raccolti sono al massi...
La Dracaena draco: una pianta elegante millenaria
La Dracaena draco, o sangue di drago (Drakaina = femmina del drago) è una pianta monocotiledone originaria delle isole Canarie appartenente alla f...
Tutto sul porro: dalla semina alla raccolta
Il porro è un ortaggio appartenente alla famiglia delle Liliacee, stretto parente sia del giglio che della cipolla, ha da sempre un posto d’onore all’...
Perché il costo dello zafferano è così alto?
Tutti conosciamo lo zafferano e lo abbiamo usato almeno una volta nella nostra vita per preparare un risotto. Solitamente si vende in polvere, i pisti...
Piante aromatiche e problemi fitosanitari: come risolverli
Le piante aromatiche per natura sono molto resistenti ed in grado di adattarsi con facilità alle diverse condizioni ambientali. Di solito i problemi f...
Piante spontanee del Mediterraneo. Due lamiacee: il the siciliano e il camedrio femmina
Piante spontanee del Mediterraneo: Prasium majus, il the siciliano Il the siciliano è una labiata spontanea di molte regioni italiane che si affaccia...
Il Bambù, pianta ornamentale dai molti usi
I Bambù appartengono alla famiglia delle poaceae o graminacee così come i cereali. Queste piante sono originarie delle regioni tropicali e sub tropica...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.