Echium fastuosum, pianta resistente al clima secco e dalla splendida fioritura

L’ Echium fastuosum è una bellissima pianta perenne e sempreverde, appartenente alla famiglia delle Borraginacee. Questa pianta è originaria dell’isola di Madeira, nell’oceano atlantico ed è infatti nota anche con il nome di “pride of Madeira” ovvero orgoglio di Madeira.

Caratteri botanici e coltivazione

L’ Echium fastuosum raggiunge dimensioni di 1,50-2,40 m in altezza. Le spighe fiorite, lunghe circa 60 cm, appaiono in primavera, arricchendo la pianta con bellissimi colori e sfumature blu-lavanda.

Essendo una pianta originaria di un arcipelago dal clima piuttosto caldo e secco, l’ Echium fastuosum predilige terreni molto asciutti. Questo aspetto è da tenere presente quando si coltiva, e richiede quindi irrigazioni limitate e brevi solo nei periodi estivi, avendo cura di non bagnare troppo le foglie. Inoltre è importante coltivare questa pianta su un terreno che sia leggero e con una buona capacità dello sgrondo dell’acqua in eccesso. Al contrario in terreni pesanti, l’ Echium fastuosumsoffre e va incontro a marciumi radicali dovuti a malattie fungine.

Echium fastuosum, pianta resistente al clima secco

L'Echium fastuosum è caratterizzato per le sue infiorescenze che appaiono in primavera

L’ Echium fastuosum teme anche il freddo: difficilmente sopravvive per lungo tempo a temperature inferiori a zero gradi. La coltivazione può essere effettuata sia in vaso che in piena terra, ma solo in quest’ultimo caso la pianta potrà accrescersi e svilupparsi dando il meglio di sé dal punto di vista estetico ed ornamentale. Non richiede particolari fertilizzazioni.

L’esposizione migliore è in pieno sole. La moltiplicazione di questa pianta può essere effettuata facilmente per talea prelevando a luglio porzioni di rametti giovani di 10-15 cm e ponendoli a radicare in terriccio misto a sabbia in proporzioni uguali. L’ Echium fastuosum inoltre si riproduce anche per seme, in questo caso però i fiori potranno avere una tonalità diversa rispetto alla pianta madre. Il primo anno dopo la semina, la pianta produce in genere una prima rosetta di foglie, dal secondo anno inizia a produrre le caratteristiche spighe fiorite.

Echium fastuosum: curiosità

Echium fastuosum

I fiori di questa pianta sono vistati spesso dalle api e dalle farfalle

Le foglie e i fiori di Echium fastuosum contengono sostanze irritanti per la pelle, per cui è bene maneggiare questi fiori con cura, magari indossando dei guanti e magliette a maniche lunghe.

I fiori di questa pianta sono estremamente apprezzati dalle api.

Pertanto questa pianta può quindi essere presa in considerazione nei giardini di chi pratica l’apicoltura, anche perché il miele che si ottiene dai fiori ha un sapore particolarmente gradevole.

In Australia e Nuova Zelanda questa specie tende ad uscire dai giardini ed a divenire una pianta infestante, adattandosi molto bene ai climi caldi e secchi di queste zone.

Dove coltivare l’ Echium fastuosum

Per le sue caratteristiche è da tenere presente che in Italia la coltivazione di questa pianta con successo è difficile al nord e nelle zone interne soggette a gelate invernali e primaverili.

Al contrario nelle regioni del sud Italia, nelle isole e in tutte le zone costiere, questa pianta può dare un valore aggiunto al giardino grazie alla sua spettacolare fioritura primaverile. Inoltre, visto che nelle condizioni ideali questa pianta si accrescerà notevolmente (oltre 2 metri in altezza) sarà opportuno porre l’ Echium fastuosum in una zona con uno spazio sufficiente a svilupparsi senza però “inglobare” le altre piante.

Come fare un GIARDINO ROCCIOSO
Si potrebbe definire, senza voler risultare dissacrante, il “giardino zen” europeo. L’ho definito così perché si tratta sempre di un angolo di pa...
Curiosità: a cosa serve il profumo dei fiori
I fiori più profumati sono di solito quelli meno vistosi. Solitamente sono di colori tenui e piuttosto piccoli. Dai colori bianchi, verdi, giallo chia...
La mimosa, una pianta australiana integrata nel giardino mediterraneo
L’ Acacia dealbata, comunemente detta mimosa, è una pianta appartenente alla famiglia delle Leguminose, proveniente dalle zone tropicali e sub-tropica...
La sbocciolatura estiva delle Dalie
E’ proprio il mese di agosto il momento giusto per eliminare l’eccesso di boccioli fiorali laterali che si presentano su molte piante da fiore. Questa...
Curare le piante al ritorno dalle vacanze
Quando si torna dalle ferie è facile trovare le proprie piante un po’ sofferenti. Servono solo poche mosse per riportarle al normale splendore; di seg...
Piantare i bulbi a fine estate per la fioritura primaverile
Dalla metà del mese di settembre è possibile iniziare a piantare le bulbose per la fioritura primaverile; tra queste elenchiamo: tulipani, crochi, mus...
In autunno bacche e fiori colorati in giardino
Quest’anno l’autunno tarda ad arrivare ma tutti ne conosciamo i colori. Esiste una gamma di arbusti e di alberi in grado di regalare sorprendenti effe...
Bocche di Leone: pensiamoci in inverno
Durante l’inverno la maggior parte delle piante sono in riposo vegetativo e le fioriture risultano davvero sporadiche e isolate. Ma è proprio in quest...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!