Echium fastuosum, pianta resistente al clima secco e dalla splendida fioritura

L’ Echium fastuosum è una bellissima pianta perenne e sempreverde, appartenente alla famiglia delle Borraginacee. Questa pianta è originaria dell’isola di Madeira, nell’oceano atlantico ed è infatti nota anche con il nome di “pride of Madeira” ovvero orgoglio di Madeira.

Caratteri botanici e coltivazione

L’ Echium fastuosum raggiunge dimensioni di 1,50-2,40 m in altezza. Le spighe fiorite, lunghe circa 60 cm, appaiono in primavera, arricchendo la pianta con bellissimi colori e sfumature blu-lavanda.

Essendo una pianta originaria di un arcipelago dal clima piuttosto caldo e secco, l’ Echium fastuosum predilige terreni molto asciutti. Questo aspetto è da tenere presente quando si coltiva, e richiede quindi irrigazioni limitate e brevi solo nei periodi estivi, avendo cura di non bagnare troppo le foglie. Inoltre è importante coltivare questa pianta su un terreno che sia leggero e con una buona capacità dello sgrondo dell’acqua in eccesso. Al contrario in terreni pesanti, l’ Echium fastuosumsoffre e va incontro a marciumi radicali dovuti a malattie fungine.

Echium fastuosum, pianta resistente al clima secco

L'Echium fastuosum è caratterizzato per le sue infiorescenze che appaiono in primavera

L’ Echium fastuosum teme anche il freddo: difficilmente sopravvive per lungo tempo a temperature inferiori a zero gradi. La coltivazione può essere effettuata sia in vaso che in piena terra, ma solo in quest’ultimo caso la pianta potrà accrescersi e svilupparsi dando il meglio di sé dal punto di vista estetico ed ornamentale. Non richiede particolari fertilizzazioni.

L’esposizione migliore è in pieno sole. La moltiplicazione di questa pianta può essere effettuata facilmente per talea prelevando a luglio porzioni di rametti giovani di 10-15 cm e ponendoli a radicare in terriccio misto a sabbia in proporzioni uguali. L’ Echium fastuosum inoltre si riproduce anche per seme, in questo caso però i fiori potranno avere una tonalità diversa rispetto alla pianta madre. Il primo anno dopo la semina, la pianta produce in genere una prima rosetta di foglie, dal secondo anno inizia a produrre le caratteristiche spighe fiorite.

Echium fastuosum: curiosità

Echium fastuosum

I fiori di questa pianta sono vistati spesso dalle api e dalle farfalle

Le foglie e i fiori di Echium fastuosum contengono sostanze irritanti per la pelle, per cui è bene maneggiare questi fiori con cura, magari indossando dei guanti e magliette a maniche lunghe.

I fiori di questa pianta sono estremamente apprezzati dalle api.

Pertanto questa pianta può quindi essere presa in considerazione nei giardini di chi pratica l’apicoltura, anche perché il miele che si ottiene dai fiori ha un sapore particolarmente gradevole.

In Australia e Nuova Zelanda questa specie tende ad uscire dai giardini ed a divenire una pianta infestante, adattandosi molto bene ai climi caldi e secchi di queste zone.

Dove coltivare l’ Echium fastuosum

Per le sue caratteristiche è da tenere presente che in Italia la coltivazione di questa pianta con successo è difficile al nord e nelle zone interne soggette a gelate invernali e primaverili.

Al contrario nelle regioni del sud Italia, nelle isole e in tutte le zone costiere, questa pianta può dare un valore aggiunto al giardino grazie alla sua spettacolare fioritura primaverile. Inoltre, visto che nelle condizioni ideali questa pianta si accrescerà notevolmente (oltre 2 metri in altezza) sarà opportuno porre l’ Echium fastuosum in una zona con uno spazio sufficiente a svilupparsi senza però “inglobare” le altre piante.

La Nandina domestica: un pianta policroma
Le foglie hanno colori mutevoli, i fiori sono bianchi, le bacche sono rosse e resistono durante tutto l’inverno: è la Nandina domestica. Resiste al fr...
Coltivazione, conservazione e proprietà dell’Acetosella
L’Acetosella appartiene alla famiglia delle Ossalidacee. Si tratta di una pianta erbacea perenne. Dal rizoma di modeste dimensioni crescono steli lung...
I GIRASOLI: coltivazione, cura e nemici
I girasoli sono piante molto apprezzate soprattutto per il loro colore e la loro dimensione. Una delle caratteristiche principali, da cui deriva an...
La semina nell'orto e i trapianti nel mese di settembre
Dopo aver ripulito le aiuole da tutte le coltivazioni estive ormai esaurite è il momento giusto per iniziare a seminare e piantare i nuovi ortaggi che...
Curare fiori e aiuole nel mese di Ottobre
Con l'arrivo dell'autunno le operazioni da svolgere per curare fiori e aiuole sono molti. Alcuni esemplari stanno esaurendo del tutto le loro fioritur...
Le piante Composite, dal giardino alla tavola
Le composite (dette anche asteracee) sono la famiglia di piante da fiore più numerosa, con oltre 20.000 specie: circa il 10% di tutte le specie da fio...
Piante in casa: superfici di coltivazione
Per gli amanti delle piante che non dispongono di un giardino la scelta è obbligata, ci si deve orientare all’acquisto delle piante da interno. Gli es...
L’Anice, pianta tutta da scoprire
L’aroma dell’anice è sicuramente più conosciuto della pianta aromatica. Sia liquori che dolci utilizzano da sempre il suo particolarissimo odore. Non ...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!