Un’erbacea perenne dal fogliame che stupisce: il Coleus

Il genere Coleus è una pianta di origine tropicale, appartiene alla famiglia delle Labiatae, comprende circa 150 specie differenti e provenienti quasi per la maggior parte dall’Asia è dall’Africa. Si tratta un’erbacea perenne da esterno caratterizzata da foglie stupefacenti. Solitamente si comporta da annuale o biennale e ha dimensioni, a seconda delle differenti varietà, comprese tra i 30 e i 70 centimetri di altezza.

Coleus Blumei

Coleus Blumei

Questa pianta viene comunemente utilizzata per riempire bordature o aiuole, ma può essere scelta anche come pianta da coltivare in casa. Qualsiasi uso si faccia di questo esemplare l’elemento che più colpisce è il fogliame altamente decorativo: le foglie si presentano intensamente colorate, con eleganti variegature e disegni che ne arricchiscono l’interno. Grazie al suo particolare apparato fogliare il coleus viene normalmente considerato una delle piante a ciclo primaverile – estivo dal maggiore impatto decorativo.

Poche cure per ottenere una pianta splendida

Nei giardino normalmente sono presenti ibridi originati dall’incrocio della specie Coleus Blumei con altri esemplari botanici.

Sono piante rustiche, in grado di essere coltivate bene sia in piena terra che in vaso. Gli interventi di manutenzione e le cure necessarie sono davvero minime e non occupano molto tempo. L’operazione più importante da compiere con regolarità è quella di eliminare i piccoli fiori appena se ne rileva la presenza: si tratta di una fioritura poco significativa, per questo è più opportuno lasciare spazio allo sviluppo di nuove foglie.

Moltiplicare il Coleus

E’ possibile moltiplicare il Coleus per talea di stelo con semplicità, realizzatela a partire da fine estate: una volta eseguita la talea andrà messa al riparo in un luogo caldo, meglio spostarla in una serra o in casa. Si tratta di un’operazione facile da eseguire, con enormi percentuali di radicamento e attecchimento. Ecco alcune regole per una corretta esecuzione:

  1. Per prima cosa è necessario partire da una pianta sana, in ottime condizioni vegetative, non soggetta a deperimento o eventuali attacchi
     Coleus  pianta

    Coleus - fogliame decorativo

    parassitari. E’ importante valutare le foglie: devono essere di dimensioni normali ma dal colorito brillante.

  2. Prima di eseguire la talea si deve procedere con l’allestimento del vaso che la accoglierà. Se si vuole una pianta vigorosa si deve scegliere un vaso, o una ciotola di 20 – 22 centimetri di diametro: all’interno si potranno collocare almeno 4 o 5 talee. Ricordatevi di posizionare sul fondo del vaso uno strato di argilla espansa: servirà per mantenere un ottimo drenaggio e non incorrere in fenomeni di marcescenza causati da un eccessivo ristagno idrico.
  3. La preparazione del substrato che dovrà accogliere le talee è un’altra operazione fondamentale. Si può acquistare del terriccio già pronto oppure realizzarlo da soli mixando una parte di terriccio torboso setacciato e una parte di sabbia di fiume. In questa fase non si devono aggiungere fertilizzanti, serve un terriccio soffice e poroso in grado di eliminare l’acqua in eccesso.
  4. Per eseguire le talee utilizzate la zona centrale della pianta: tagliate porzioni integre di stelo per circa 10 – 12 centimetri.
  5. Le porzioni appena tagliate andranno poi accorciate di qualche centimetro: eseguite il taglio basale sempre poco al di sotto di un nodo fogliare.
  6. Eliminate circa metà della lamina fogliare: in questa prima fase è necessario diminuire la traspirazione, si evita il rinsecchimento della talea causato dall’eccessiva perdita di acqua.
  7. La talea ottimale deve essere lunga 7 – 8 centimetri, avere al massimo due o tre foglie ridotte per superficie. E’ necessario metterle a radicare appena tagliate, se lasciate all’aperto rischiano di disidratarsi molto rapidamente.
  8. Per velocizzare il processo di radicazione si consiglia di usare degli ormoni radicanti in polvere: vanno posti alla base del taglio prima di interrare la talea.
  9. Posizionate quindi le talee interrandole per almeno un terzo della loro lunghezza. Il terriccio va poi premuto leggermente attorno alla talea per compattarlo.
  10. Completata la messa a dimora bagnate con quantità di acqua modeste. Il vaso ha necessità di ambienti caldi, con temperature comprese tra i 23 e 25°C. Per favorire il processo di radicazione si consiglia di avvolgere il vaso in un telo di plastica forato, basterà un sacchetto. Controllate sporadicamente che il terreno non si asciughi, se necessario bagnate nuovamente.
erbacea perenne

Il Coleus è una erbacea perenne

Se le condizioni ambientali sono favorevoli la radicazione delle talee si ottiene in circa 3 – 4 settimane. Contemporaneamente si assiste alla comparsa dei nuovi germogli. Le vecchie foglie invece si seccano e cadono. Per tutto l’inverno si consiglia di alloggiare la pianta in un luogo protetto. A tarda primavera si potrà procedere con la messa a dimora.

E’ possibile moltiplicare il Coleus anche da seme. Normalmente si trovano in vendita semi di coleus da piantare nei mesi di febbraio e marzo: è necessario utilizzare ambienti riparati e riscaldati.

L’ideale è utilizzare apposite cassette da semina normalmente realizzate in polistirolo; vanno poi riempite con terriccio torboso e sabbia di fiume. Si ottengono ottimi risultati mantenendo le temperature costanti tra 20 e 22°C, in 15 – 20 giorni si ottiene la germinazione. Controllate spesso il terriccio, deve sempre essere umido, in più l’ambiente deve essere opportunamente areato e luminoso.

La messa a dimora del Coleus

In primavera, quando le temperature sono più miti, è possibile mettere a dimora il Coleus. Se si sceglie di metterlo a dimora in vaso si deve scegliere un mix

Esemplari di Coleus

Esemplari di Coleus

formato da terriccio universale fertile e sabbia di fiume. Il pH del substrato deve essere compreso tra 6 e 7 e deve essere dotato di un ottimo drenaggio.

Per vegetare al meglio questa pianta ha bisogno di luce, evitate quindi i luoghi ombrosi o semiombrosi. Allo stesso modo va evitata anche la luce diretta del sole, potrebbe provocare bruciature sul fogliame, in particolare negli esemplari più giovani.

Nei mesi più caldi procedete con irrigazioni regolari ed abbondanti, evitando di bagnare il fogliame. Il coleus soffre acqua fredda e calcarea.

Nonostante si tratti di una pianta dalle esigenze limitate è necessario procedere con delle fertilizzazioni regolari, si otterrà una produzione di fogliame elevato. Appena impiantato si consiglia di fertilizzare ogni 10 – 12 giorni, utilizzando sostanze ricche di azoto. Dopo 3 o 4 volte sostituire utilizzando fertilizzanti ricchi in fosforo, ferro e potassio.

Coltura idroponica: la coltivazione senza terra, solo in acqua
Il sistema di coltivazione idroponica ci consente di far crescere le piante senza l'impiego di terra. Nell'articolo si riportano le prime informazioni...
Vasi per piante: materiali e tecniche di pulizia
Esistono molti tipi di vasi ma vengono quasi tutti realizzati con quattro principali materiali: terracotta, cemento, legno e plastica. Verranno elenc...
Duranta Repens: una novità sui toni dell'azzurro
La Duranta Repens è una pianta arbustiva appartenente alla famiglia delle Verbenacee. Questo esemplare è presente sul mercato da appena tre anni; il s...
I lavori di settembre: cosa fare nell’orto e nel frutteto
Ecco la l’elenco dei lavori da eseguire nel mese di settembre per mantenere al meglio orto e frutteto.
La semina nell'orto e i trapianti nel mese di settembre
Dopo aver ripulito le aiuole da tutte le coltivazioni estive ormai esaurite è il momento giusto per iniziare a seminare e piantare i nuovi ortaggi che...
Il pistacchio, una pianta resistente
Il pistacchio (Pistacia vera), è un albero appartenente alla famiglia delle Anacardiacee originario dell’Asia centrale. La coltivazione del pistacchi...
Allestire l'acquario in modo da creare un effetto armonioso
Non sempre si considera che la vegetazione all’interno della vasca dei pesci è molto importante per mantenere in equilibrio l’ecosistema che si crea n...
Cure indispensabili per le piante tropicali da appartamento
Molte delle piante ospitate nelle nostre case sono di origine tropicale. Durante i mesi invernali queste vengono ricoverate all’interno, bisogna prest...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!