Ficus: perfette piante da appartamento

Il ficus è una pianta originaria dei territori tropicali, appartiene ad una famiglia molto vasta di esemplari sempreverdi: le Moracee. Le piante appartenenti a questa famiglia sono molto differenti l’una dall’altra: ci sono arbusti, alberi, esemplari rampicanti e pendenti.

Tra le caratteristiche che accomunano quasi tutti gli esemplari di questa famiglia c’è una sorta di lattice velenoso composto per la maggior parte di caucciù.

Esistono circa 20 specie di ficus normalmente utilizzate come esemplari da appartamento. Tra queste segnaliamo anche l’albero della gomma:

Ficus Benjamina

Ficus Benjamina

questa pianta ha foglie dalla forma ovale che raggiungono una lunghezza di circa 30 centimetri dal colore verde scuro. Le foglie giovani di questa pianta si presentano invece avvolte da un’altra foglia dal colore rosso.

Per far crescere al meglio ogni esemplare di ficus è opportuno collocare la pianta in una posizione luminosa o al massimo semi ombreggiata. Scegliete un luogo dove la temperatura si mantiene costante ed evitate di sottoporre la pianta a pericolose correnti d’aria. Abbiamo accennato al fatto che le varietà di ficus, anche da appartamento, sono molteplici. Se ospiterete a casa vostra un esemplare con foglie colorate ricordatevi che queste piante necessitano di più luce, più calore e più umidità.

Il ficus non ha bisogno di molte cure. Per quanto riguarda le innaffiature utilizzate dell’acqua tiepida, ne serve davvero poca; nei mesi autunnali e invernali è possibile sospendere quasi del tutto le innaffiature, è importante controllare che le radici non siano però esposte al freddo. Si tratta di piante con un apparato fogliare molto sviluppato, sarà quindi necessario spruzzare spesso le foglie e pulirle dai depositi di polvere con un panno umido. Durante i mesi più caldi si consiglia di procedere con fertilizzazioni e se si presenta la necessità si deve procedere con il rinvaso solo nella stagione primaverile.

E’ possibile potare la pianta per aggiustarne la forma, anche se ciò quasi sicuramente porterà ad una nuova ramificazione.

I metodi di moltiplicazione del ficus sono: talea in primavera e margotta in estate.

Ecco le specie e varietà più comuni di ficus

  • Ficus Elastica: molto decorativo, la varietà “Decora” ha foglie verde scuro, la varietà “Doescheri” ha foglie macchiettate.
  • Ficus Benjamina: dotato di ramificazioni frondose e pendenti. Nella varietà “Variegata” è dotato di foglie colorate.
  • Ficus Lyrata: è ideale per gli ambienti molto spaziosi.
  • Ficus Pumila: ha getti sottili, rampicanti e pendenti, radici aeree che lo rendono perfetto per la crescita in cesti sospesi.
  • Ficus Deltoidea: si tratta di una varietà epifita dalla crescita lenta.

Analizziamo cause e problemi principali che colpiscono il ficus

Ficus Elastica Variegata

Ficus Elastica Variegata

Il ficus è una pianta molto robusta e resistente. In determinate condizioni ambientali non completamente adatte alla sua crescita purtroppo può subire dei danni o addirittura essere colpito da delle fastidiose malattie. Di seguito riportiamo un rapido elenco di danni e attacchi ai quali può essere sottoposto il ficus, con relative soluzioni del problema.

Danni legati all’ambiente

I principali danni dovuti al luogo nel quale si trova la pianta del ficus sono dovuti solitamente alle basse temperature e alla scarsa illuminazione. Per quanto riguarda le basse temperature è importante stare molto attenti alle correnti fredde, soprattutto in inverno. La pianta non deve mai scendere al di sotto dei 14 – 15°C. Basse temperature causano l’accartocciamento, e conseguente ingiallimento delle foglie. Successivamente si assiste alla caduta della parte aerea, nei casi più gravi questo problema può portare anche alla morte della pianta.

Quando il ficus si trova in un ambiente scarsamente illuminato inizia a perdere le foglie. A differenza del caso precedente questa volta rimangono di colore verde brillante. Il problema può essere risolto con estrema facilità: basterà infatti portare l’esemplare in un luogo più illuminato, ma sempre al riparo dai raggi solari diretti.

Per favorire la ripresa completa della pianta si possono utilizzare dei concimi azotati.

Gli attacchi fungini

Sono in particolare tre i problemi maggiormente diffusi in caso di attacco fungino: le macchie fogliari, la fumaggine e la muffa grigia.

Le macchie fogliari solitamente si presentano sul margine della foglia o al centro. Sono macchie a forma tondeggiante, normalmente di colore giallo marrone. Se la malattia si trova già in fase avanzata si può assistere alla marcescenza della zona interessata. Di norma questo fenomeno attacca le foglie più basse, poiché più facilmente a contatto con il terriccio.

Ficus Elastica

Ficus Elastica

 

La fumaggine è una malattia fungina causata dai residui di zucchero secreti da afidi e cocciniglie che solitamente attaccano le piante già indebolite da altri problemi. Si tratta di una malattia facilmente riconoscibile poiché ricopre le foglie con una sostanza nerastra, nei casi più gravi tende anche a deformarle. Quando gli attacchi proseguono a lungo le foglie tendono ad ingiallire per poi cadere.

Anche la muffa grigia è una malattia fungina facilmente riconoscibile, lascia infatti aree marce e molli dal colore scuro. Questa malattia porta al deperimento molto rapido degli esemplari più piccoli (poiché spesso più deboli).

E’ possibile difendersi dagli attacchi fungini ma è necessario agire con molta tempestività. Oltre all’utilizzo di prodotti specifici, controllate che siano adatti alle piante d’appartamento, si consiglia di procedere lavando le piante con del semplice sapone di Marsiglia. Esistono poi delle strategie preventive, come per esempio evitare le innaffiature abbondanti con conseguente ristagno di acqua, anche la scarsa ventilazione e l’eccesso di concimi azotati deve essere evitato.

Attenzione agli insetti

Ficus Robusta

Ficus Robusta

Gli insetti sono spesso un problema per le piante. Tra i più comuni pronti ad attaccare anche gli esemplari d’appartamento ci sono Cocciniglie, Tripidi, Afidi e Acari. Tutti attaccano le foglie, portandole ad un rapido deperimento, che se non curato con rapidità può portare anche alla morte dell’esemplare.

Per risolvere il problema si può operare in due modi: o cercando di prevenire la comparsa degli insetti, oppure correndo ai ripari in maniera tempestiva.

Per quanto riguarda i metodi preventivi di norma sono gli stessi che si applicano per evitare la comparsa delle malattie fungini. Per quanto riguarda invece la risoluzione del problema è possibile affidarsi a vivai e garden center per l’acquisto di prodotti specifici. E’ comunque indispensabile, in primo luogo, individuare la causa della comparsa di questi insetti, una volta eliminata sarà possibile cercare di risolvere il problema in maniera efficace.

L’ ORCHIDEA: scegli quella che fa' per te
Esistono più di 35.000 specie di orchidee nel mondo, che vengono altrettanto suddivise in 700 generi differenti. Solitamente nei maggiori centri co...
Gli Astri, i fiori di settembre
Settembre è il mese degli astri; si tratta di piante erbacee perenni che costano davvero poco, durano a lungo senza particolari cure, sono facili da r...
Proboscidea Louisianica: una pianta quasi carnivora
Si chiama Proboscidea Louisianica, o lusitanica, non si può definire una vera e propria pianta carnivora. Agisce catturando piccoli insetti con facili...
L’orto in casa: coltivare fra le doppie finestre
Una soluzione che spesso non si considera è quella di collocare una piccola serra fiorita proprio tra lo spazio protetto che si trova fra le doppie fi...
Coltivare piccoli arbusti in vaso
Spesso e volentieri chi abita in appartamento, magari con un piccolo balcone, rinuncia alla possibilità di avere un arbusto in casa, ritenendo che pos...
L'orchidea in un viaggio che dura 3000 anni al castello di Pralormo
Abbiamo già parlato in un precedente articolo di MESSER TULIPANO, evento botanico nel quale ogni primavera si possono ammirare oltre 75.000 tulipa...
I Sedum, un genere di piante grasse di facile coltivazione
Il genere Sedum appartiene alla famiglia delle crassulacee, ovvero delle piante grasse. Il nome Sedum deriva dal latino sedeo, mi siedo, ed allude al ...
Pieris: sfumature di colore rosato in giardino
Se nel vostro giardino state già coltivando Camelie e Rododendri vi suggeriamo di provare a coltivare anche una Pieris. Si tratta infatti di una piant...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!