Come avere fioriture invernali: la forzatura dei bulbi

Tulipani

Tulipani

La tecnica di forzatura dei bulbi viene comunemente utilizzata dai vivaisti in questa stagione, in modo tale da ottenere piante con fioriture invernali, pronte per essere vendute durante il periodo natalizio.

Normalmente si vedono giacinti forzati, da qualche anno è possibile trovare con facilità anche narcisi forzati. Tra le ultime bulbose presenti sul mercato con processo di forzatura attualmente troviamo anche i tulipani nani, muscari e fritillarie con fiore piccolo.

Il processo di forzatura dei bulbi si può ottenere anche a casa propria, senza la necessità di doverli acquistare in vivaio. In questo modo una splendida fioritura natalizia sarà garantita.

Basta un frigorifero per forzare i bulbi

Il presupposto necessario per ottenere fioriture invernali è che i bulbi con fioriture primaverili entrino in vegetazione, ciò si può ottenere abbassando le temperature: questo particolare processo si chiama vernalizzazione, riproduce scrupolosamente ciò che di norma accade in natura lasciando i bulbi nel terreno durante la fredda stagione invernale.

 fioriture invernali

Narciso Bridal Crown

Se si vuole ottenere un effetto dello stesso tipo è necessario riporre i bulbi all’interno del frigorifero di casa: utilizzate un sacchetto di plastica nero e riponete i bulbi all’interno del vano verdura (si tratta del più umido e di quello che raggiunge le temperature più basse). La plastica nera è invece utile per evitare che i bulbi si disidratino e appassiscano; un fenomeno del genere è facilmente riconoscibile: i tessuti in questo caso si presentano fortemente raggrinziti e cotti.

Vi consigliamo di conservare i bulbi all’interno del frigorifero per circa quaranta giorni. Trascorso questo tempo osserverete la comparsa del germoglio, è quindi il momento di collocare il bulbo all’interno di terriccio leggero e ben drenato. In questa prima, e delicata, fase è necessario mantenere il substrato sempre umido.

Se si vuole ottenere un effetto gradevole vi consigliamo di piantare i bulbi in maniera piuttosto fitta, distanziandoli non più di due centimetri l’uno dall’altro: una volta fioriti avrete ciotole davvero fitte e decisamente decorative.

Una volta piantati i bulbi è necessario coprirli con il terreno, vanno poi tenuti in un luogo buio fino a quando non compaiono gli apici. Successivamente è possibile trattare queste bulbose come normali piante da appartamento, scegliendo per loro un luogo sufficientemente luminoso e dalle temperature piuttosto miti. Ricordatevi di bagnare i bulbi a giorni alterni.

L’importanza della luce

Narciso Tete – à – tete

Narciso Tete – à – tete

Come abbiamo appena ricordato quando si termina la forzatura in frigorifero e spuntano gli apici le bulbose possono essere trattate normalmente.

E’ importante trovare la giusta collocazione per il vaso; evitate comunque di collocare le piante in posizione di mezzombra, rischiate la produzione di tessuti poveri che purtroppo rischiano di piegarsi con facilità sotto il peso del bocciolo fiorale.

Un modo semplice per verificare se la posizione scelta è quella ottimale consiste nel valutare il colore dei tessuti: se questi si presentano con un colore pieno, non troppo chiaro o giallognolo, sicuramente la posizione è quella giusta.

Far crescere al meglio le bulbose dopo la fioritura

Come per tutte le bulbose anche in questo caso a fine fioritura è necessario eliminare alla base gli scalpi fiorali. Successivamente diventa necessario spostare i vasi e le ciotole in un ambiente più fresco (sono perfette le stanze senza sistema di riscaldamento).

Frittilarie

Frittilarie

Le foglie, come accade per tutte le bulbose a fine fioritura, non vanno eliminate: solo mantenendole si può far si che il bulbo si rigeneri in modo tale da poterlo utilizzare per un altro ciclo di vita.

In questa fase si consiglia di aggiungere all’acqua di bagnatura del fertilizzante specifico per piante verdi: utilizzate metà dosaggio indicato. Quando il terreno inizia a sgelare e le temperature diventano più miti, sarà possibile ripiantare i bulbi in piena terra.

Stella di Natale, caratteristiche e consigli per curarla
Il nome scientifico è Euphorbia pulcherrima, ma tutti la conosciamo come Stella di Natale. Si tratta di è una pianta tropicale appartenente alla fa...
SPATIFILLO: cure e caratteristiche della pianta
Il fiore di cui vi voglio parlare oggi, è molto amato in quanto risulta essere elegante e raffinato all'interno di ogni ambiente. E' una pianta...
La Camelia: un fiore invernale
La camelia può essere coltivata sia in vaso che in piena terra. Il periodo di fioritura va dal mese di dicembre fino all’inizio della primavera. La C...
Il frutteto: coltivare gli alberi da frutto
Per coltivare frutti saporiti non sono necessari grandi accorgimenti; basta una piccola porzione di terra in giardino, in alternativa andranno bene an...
Seguire il calendario lunario di Maggio 2011
Nel mese di Maggio il giardino è al suo massimo splendore, trabocca di fiori e di ogni tipo di profumo. Anche orto e frutteto sono in piena attività. ...
L’orto in casa: coltivare fra le doppie finestre
Una soluzione che spesso non si considera è quella di collocare una piccola serra fiorita proprio tra lo spazio protetto che si trova fra le doppie fi...
Piante particolari che divertono, piante educative
Normalmente si apprezzano le piante per il loro valore decorativo, ne esistono però alcune che non sono particolarmente belle ma possono essere un imp...
Caldo: annaffiare le piante nel modo giusto
Tra gli impegni più importanti dei mesi di luglio e agosto c’è di sicuro quello di dissetare le nostre piante di casa, fornendo loro il giusto grado d...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!