I fitofarmaci per la salute delle nostre piante

La salute delle piante passa anche attraverso l’impiego dei fitofarmaci, è necessario però utilizzarli con moderazione. Qualsiasi sia la composizione, chimica o bio, è importante seguire poche, ma importanti, regole.

Cosa sono i fitofarmaci o agrofarmaci

Fitofarmaci o agrofarmaci

Fitofarmaci o agrofarmaci sertono per la salute delle piante

I fitofarmaci, detti anche agrofarmaci, sono tutte quelle sostanze utilizzate per cercare di contrastare ed eliminare i problemi di origine vegetale ai quali sono solitamente soggette le piante; tra questi per esempio curano malattie, fisiopatie, insetti e infestanti.

Fitofarmaci biologici

Solitamente si pensa ai fitofarmaci come a delle sostanze con origine chimica, in verità molti fitofarmaci possono avere anche un’origine naturale. In più attualmente le aziende investono molti fondi per la ricerca di rimedi biologici; dove non è possibile ricorrere a prodotti naturali si studiano soluzioni assolutamente sicure per le piante che verranno trattare.

Fitofarmaci specifici per ogni problema da risolvere

I fitofarmaci non possono essere utilizzati in maniera generica, ognuno ha una sua specificità e la sua azione mirata.

Questi farmaci possono essere divisi fondamentalmente in tre categorie differenti: quelli utilizzati per difendere le piante da attacchi diretti di insetti e parassiti animali, quelli per combattere le malattie fungine e quelli utilizzati per liberare i giardini dalla comparsa delle piante infestanti.

Per non sbagliarci è quindi importante capire bene quale problema hanno le nostre piante.

I giardinieri meno esperti possono raccogliere alcuni esemplari di insetti trovati nei vasi o sulle piante e portarli in un garden center;  professionisti esperti saranno in grado di aiutare e capire bene quale problema presenta la pianta, consigliando anche i prodotti specifici per trattarla.

Scegliere in maniera corretta come curare le piante permette una scelta sana del verde, che inoltre contribuirà con la salvaguardia di insetti preziosi come le api, di vitale importanza per il processo di impollinazione.

Una scelta di prodotti molto ampia

Esiste una vasta gamma di fitofarmaci che si differenzia sia per l’enorme specializzazione che per le modalità di utilizzo del prodotto.

Esistono prodotti pronti all’uso, solitamente liquidi o spray, oppure prodotti granulati da sciogliere in acqua, o fiale dotate di dosaggio controllato, giusto per fare qualche esempio.

Fitofarmaci Biologici

Fitofarmaci Biologici

La differenziazione di questi prodotti si ha anche per quanto riguarda la frequenza di utilizzo: alcuni vanno utilizzati tutti i giorni, altri invece durano l’intera stagione.

Trovandosi di fronte ad una moltitudine di prodotti scegliere quello giusto può sembrare complicato, ed è per questo motivo che anche in questo caso è bene affidarsi ad esperti del verde presenti nei garden center, in maniera tale da trovare la soluzione più semplice per le vostre esigenze.

Leggere le istruzioni dei fitofarmaci con attenzione

I fitofarmaci, per essere efficaci, vanno utilizzati seguendo scrupolosamente le indicazioni riportate su ogni confezione.

Il fai – da – te e l’approssimazione devono essere evitati poiché, oltre a non risolvere i problemi, potrebbero danneggiare ulteriormente la pianta. Nell’utilizzo di prodotti fitosanitari è fondamentale rispettare le dosi consigliate.

Dosi eccessive per esempio potrebbero eliminare i parassiti ma rischierebbero di danneggiare anche le piante dell’orto.

Utilizzare gli insetticidi

salute delle piante

Per mantenere la salute delle piante si possono usare fitofarmaci naturali

L’acaro è un aracnide, ed è tra i parassiti più comuni delle nostre piante. Gli orti sono invece infestati da afidi, cocciniglie, bruchi e lumache. Per combattere queste presenze sgradevoli in commercio esistono vari tipi di insetticidi.

Alcuni insetticidi vengono assorbiti direttamente dalle radici e agiscono dall’interno della pianta, entrando in circolazione nella struttura vegetale. Il vantaggio di questi prodotti è la loro durata, in questo modo le piante non hanno bisogno di cure continue.

Esistono altri tipi di insetticidi che agiscono per contatto: il prodotto si spruzza direttamente sugli insetti, questi verranno eliminati in poche ore o al massimo pochi giorni.

Utilizzare i fungicidi

I fitofarmaci in grado di eliminare le malattie fungine solitamente sono a base di rame, elemento assorbito in maniera piuttosto rapida dalle foglie. Va ricordato però che dosi massicce di rame rischiano di danneggiare la pianta, diventando nocivo. Anche in questo caso è opportuno rispettare scrupolosamente le indicazioni di dosaggio consigliate.

I fungicidi agiscono come gli insetticidi: se applicati direttamente sul fogliame creano una barriera in grado di difenderli dalle malattie; in alternativa possono essere assorbiti direttamente dalla pianta, agendo dall’interno.

Stella di Natale, caratteristiche e consigli per curarla
Il nome scientifico è Euphorbia pulcherrima, ma tutti la conosciamo come Stella di Natale. Si tratta di è una pianta tropicale appartenente alla fa...
L’AGRIFOGLIO: come coltivare un classico del Natale
Ogni anno a Natale le nostre case si riempono di simbologie che rappresentano la festività. L'albero di Natale, il vischio e ovviamente non può man...
Piante ed erbe infestanti: un difficile problema per prati e giardini
Un problema comune nella maggior parte dei giardini e spesso anche nei terrazzi di notevoli dimensioni sono quelle erbacce tenaci e insistenti davvero...
Un laghetto artificiale fiorito in giardino
Basterà poco per rivitalizzare e rendere più attraente il vostro giardino. Sarà infatti molto facile ottenere un rigoglioso giardino d’acqua utilizzan...
Per una spettacolare fioritura estiva pensiamoci a Maggio
Durante il mese di maggio la maggior parte delle piante fiorisce, si assiste ad un rapido cambiamento giorno per giorno. E’ proprio questo il mese giu...
Il rosmarino: coltivazione e proprietà
Il rosmarino (Rosmarinus officinalis) è una pianta arbustiva sempreverde, appartenente alla famiglia delle labiate diffusa nei paesi del bacino del Me...
Anthemis maritima o camomilla maritima, come coltivarla in giardino
La camomilla maritima, in termine tecnico scientifico, Anthemis maritima, è una piante selvatica erbacea che cresce in modo spontaneo in alcune zo...
Coltivare l'orto in città: corsi, spunti e idee al Castello di Pralormo
Come vi abbiamo già segnalato in altri nostri articoli presso il Castello medievale di Pralormo, To, si terrà dal 31 Marzo al 1 Maggio 2012 MESSER TUL...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!