La Forsizia (Forsythia), una pianta dalla particolare fioritura

La Forsythia è una pianta appartenente alla famiglia delle oleaceae (come l’olivo). Le specie facenti parte di questo genere hanno origine tra la Cina ed il Giappone; esiste tuttavia anche una specie di Forsythia originaria dell’Europa (precisamente dei Balcani), detta appunto Forsythia europea. Il nome Forsythia deriva da William Forsyth, famoso giardiniere scozzese che operò nei giardini di Kensington di Londra e fondatore della Società Reale di Orticoltura.

La Forsizia è un arbusto a foglie decidue che può raggiungere dimensioni di 2-3 metri. Le piante di Forsythia possono essere utilizzate all’interno del giardino per creare siepi o singolarmente. All’interno del genere Forsythia vi sono molte specie coltivate a scopo ornamentale, tutte accomunate dall’essere piante amabili e di particolare valore.

Una fioritura particolare

A rendere particolarmente apprezzata questa pianta è sia la bellezza dei fiori di colore giallo intenso e sia l’epoca di fioritura molto particolare. Infatti laForsizia fiorisce prima della schiusura delle gemme fogliari. A marzo è quindi possibile vedere gli arbusti di Forsizia completamente ricoperti di fiori gialli con un notevole effetto ottico. Ad aprile con la schiusura delle gemme a foglia e con la crescita delle foglioline, si creerà poi una gradevole effetto cromatico di sfumature gialle e verdi.

Coltivazione della Forsizia

Il valore estetico della Forsythia è dato dalla bellezza dei fiori di colore giallo intenso dalla particolare epoca di fioritura

Questa specie è rustica e frugale, si adatta bene a condizioni difficili e non richiede cure particolari. Questo aspetto le rende piante utilizzabili anche laddove non è possibile effettuare irrigazioni. La propagazione può essere effettuata per talea semilegnosa prelevando una porzione di rametto a fine primavera o inizio inverno. La Forsythia si può moltiplicare anche per margotta, piegando un ramo fino al terreno, ricoprendolo con terriccio lasciando fuoriuscire l’apice vegetativo. Dopo l’ emissione delle radici avventizie il ramo può essere tagliato e piantato nel terreno.

Potatura della Forsizia

I fiori di Forsythia vengono prodotti dai rami di un anno di età, per cui sarà necessario ogni anno intervenire con una drastica potatura. Le operazioni di taglio dei rami vanno effettuate alla fine del periodo della fioritura, eliminando tutti i rami che hanno già dato luogo a fioritura.

Attenzione a potare al momento giusto: non si deve intervenire in inverno, altrimenti si rischia di far perdere valore estetico alla prossima fioritura. Inoltre non si deve avere timore di danneggiare troppo la pianta con i tagli di potatura, infatti essendo la Forsythia una pianta dal rapido accrescimento, i rami nuovi prenderanno prontamente il posto di quelli rimossi.

Specie più famose di Forsythia

Le sfumature gialle e verdi delle piante di Forsythia danno luogo ad accostamenti cromatici molto apprezzati

La Forsythia veridissima, che prende il nome dal colore intenso delle foglie è la specie maggiormente coltivata. Caratterizzata dal portamento eretto, questo arbusto è caratterizzato dai fiori giallo oro che appaiono tra i primi in primavera.

La Forsythia suspensa invece differisce dalla specie precedente per il portamento più pendente dei rami, la fioritura non è abbondante come in Forsythia veridissima.

Gli estratti di piante di Forsythia suspensa hanno trovato impiego nella medicina cinese da secoli. Ancora oggi questa pianta è al centro di studi per la presenza di una grande quantità di sostanze dalle proprietà antibatteriche.

Modellare le piante con la potatura
Le piante coltivate per scopi ornamentali possono avere due tipi di conformazione della chioma: naturale o modificata. La conformazione modificata ...
Lavanda: profumo e colore di Provenza
La lavandula officinalis appartiene alla famiglia delle Labiate. Si tratta di un piccolo arbusto sempreverde, che raggiunta la maturazione può raggiun...
Il peperoncino: coltivazione, proprietà e conservazione
Il peperoncino appartiene alla famiglia delle solanacee. Nei suoi climi d’origine (America centrale e meridionale) è una pianta perenne. Si presenta c...
Arredamento per esterno e accessori da giardino per l’estate 2011
La bella stagione porta con sé la voglia di uscire di casa e chi ha un giardino ama rilassarsi dopo il lavoro o durante una pausa nel proprio spazio a...
La Passiflora: molte varietà, alcune curiosità e qualche consiglio per la coltivazione
Oltre all’aspetto decorativo questa pianta possiede un’azione sedativa che coinvolge il sistema nervoso centrale, agendo in particolare sui centri del...
Quando e come piantare le rose nel modo giusto
Se vogliamo avere delle belle rose che decorino il nostro giardino è importante, prima di tutto, piantarle nella maniera corretta. Di seguito vi sveli...
Pensare per tempo alle varietà primaverili: la pianta di pesco
L’origine del nome di questa pianta ne fissa la terra d’origine il Persia, ma l’origine effettiva del pesco è da ricercarsi in Cina, dove effettivamen...
Albicocco, un albero dai frutti ricchi di vitamine
L’albicocco è una pianta da frutto appartenente alla famiglia delle rosacee. Molti botanici ritenevano che questa pianta avesse origine dall’Armenia, ...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!