Giardinaggio di ottobre: curare alberi, arbusti, rosai e prati

La nuova stagione è alle porte, ma l’estate ha lasciato il segno del suo passaggio. Con l’abbassarsi delle temperature e l’aumentare delle intemperie è opportuno preparare le piante al meglio, soprattutto in previsione dell’arrivo dell’inverno. Ecco le prime operazioni da svolgere.

  • Con l’abbassarsi graduale delle temperature iniziano a cadere le foglie. E’ importante eliminare le foglie secche dal prato in modo tale da limitare la comparsa di sgradevoli malattie fungine, solitamente favorite dalla loro presenza.
    Cryptomeria japonica globosa nana

    Cryptomeria japonica globosa nana


  • Le temperature miti rendono ancora favorevoli le talee di rose e piante arbustive, ricordatevi però di conservare i vasetti al riparo dal freddo, soprattutto durante la stagione invernale.
  • E’ opportuno attuare un po’ di manutenzione per le siepi. Per prima cosa concima tele con stallatico maturo, interrandone anche una parte; successivamente potete proteggerne la base con una leggera pacciamatura formata da corteccia sminuzzata. Soprattutto le siepi di età più giovane devono essere protette dalle basse temperature.
  • Nella stagione autunnale, ma soprattutto in quella invernale, l’apporto idrico si riduce notevolmente. E’ quindi il momento di ritirare tutti i tubi di irrigazione, ricordandosi naturalmente di svuotarli prima di archiviarli. In caso si impianto fisso è necessario verificarne lo stato, in modo tale da limitare eventuali danni causati dal gelo. Se potete cercate di riparare la centralina da umidità e gelo.

Abbellire i giardini autunnali con le conifere nane

Le conifere nane sono piante di tipo sempreverde, grazie alla loro natura e all’enorme varietà di forme e di colori sono elementi decorativi anche nei mesi più freddi.

Juniperus squamata "Blue Star"

Juniperus squamata "Blue Star"

E’ possibile scegliere con semplicità la forma che meglio si adatta al nostro giardino, dalla sferica tipica della Cryptomeria japonica globosa, alla piramidale della Picea pungens glauca, alle più comuni cespugliose o striscianti. Per quanto riguarda le colorazioni si può spaziare dalle molte tonalità di verdi o alle più particolari sfumature in giallo o in azzurro. Inoltre alcune varietà di conifere nane, in particolare nel periodo autunnale, tendono ad assumere toni rossastri.

La particolarità di questi esemplari è che sono facilmente accostabili ad altre piante e ben si adattano agli spazi limitati. E’ possibile ricreare con facilità panorami normalmente presenti in natura anche quando lo spazio è davvero poco. Una soluzione particolare potrebbe essere quella di ricreare un boschetto in miniatura proprio nel vostro giardino, se invece preferite qualcosa di particolare esistono anche esemplari che amano rimanere isolati, proprio a causa delle loro caratteristiche specifiche.

Scegliere le conifere nane risulta una scelta ottima se si vogliono avere fioriere decorative anche durante la stagione invernale. Durante la stagione primaverile sarà poi possibile trapiantare al piede di queste piante tutta una serie di annuali in grado di dare colore alla composizione. Per le piante da vaso vi consigliamo di optare per tutti quegli esemplari di piccola dimensione, l’effetto sarà migliore.

Utilizzare le conifere anche in caso di pendii

Le conifere non sono solamente esemplari dall’alto valore decorativo, si tratta anche di piante utili per consolidare i terreni particolarmente scoscesi. Esistono poi specie particolarmente adatte a svolgere questa funzione, come per esempio la Juniperus squamata. Il suo comportamento strisciante, tipico delle piante tappezzanti, e la sua colorazione blu intensa, la rende perfetta per i pendii irregolari.

Se volete invece un tocco di colore vi consigliamo un piccolo Pinus mugus, la varietà “Gnom Aurea” è caratterizzata da apici dorati in netto contrasto con il restante verde scuro della chioma.

La crescita piuttosto lenta di questi esemplari li rende particolarmente adatti ad essere ospitati anche all’interno di giardini rocciosi.

Risolvere il problema della crescita delle radici

Picea pungens glauca

Picea pungens glauca

La crescita delle radici degli alberi adulti più spesso risultare un grave problema, soprattutto se incontrollata. Normalmente un esemplare adulto sviluppa un apparato radicale di dimensioni pari alla chioma, con una profondità che si aggira intorno ai 50 – 80 centimetri. Spesso, al momento dell’impianto dell’albero, si sottovaluta questo aspetto, sottovalutandone soprattutto le conseguenze future.

Si tratta comunque di un problema evitabile, basterà indirizzare nella giusta maniera lo sviluppo radicale al momento dell’impianto. Solitamente per far ciò si deve utilizzare una speciale membrana che ha il compito di comportarsi da barriera meccanica: le soluzioni più comode comportano il suo posizionamento o attorno all’apparato radicale, oppure in prossimità degli elementi che vanno preservati dal contatto con le radici.

Soprattutto se sono presenti tubature sotterranee è meglio proteggerle con queste membrane protettive, così da evitare eventuali rotture accidentali.

L’ottimo aiuto della cenere, ma non per le varietà acidofile

Giardinaggio di ottobre

Rododendro - Acidofila

In questo periodo molte piante, in particolare quelle da orto, hanno bisogno di reintegrare sali minerali.

Utilizzare cenere di legna pura(si deve evitare di mescolarla con altre sostanze, soprattutto di origine chimica, che risulterebbero nocive) garantisce un apporto di potassio e fosforo davvero provvidenziale.

La cenere non può essere utilizzata per tutte le tipologie di piante, poiché si tratta di un fertilizzante a pH basico. Evitate quindi tutti i tipi di piante acidofile come rododendri, azalee, ortensie, felci, gardenie, eriche, e molte altre.

La Robinia e i suoi fiori colorati
La robinia si riconosce dall’albero da fusto sottile e chioma ampia. Il fogliame è sempre mosso dal vento. Le specie più piccole, specialmente in prim...
Come fare un GIARDINO ROCCIOSO
Si potrebbe definire, senza voler risultare dissacrante, il “giardino zen” europeo. L’ho definito così perché si tratta sempre di un angolo di pa...
Scegliere il Platano per valorizzare parchi e giardini
Il Platanus Orientalis, cioè quello nostrano, grazie alla particolare corteccia dalla colorazione cangiante, ha un grande valore ornamentale. In più s...
Le piante autunnali: l'Erica
L’erica è una pianta autunnale che si trova facilmente in vendita già a partire dalla fine del mese di agosto. Si tratta di una pianta molto gradevole...
Cambio di stagione: arriva l’autunno in giardino
Nonostante l’ondata di caldo, da alcuni definita anomala, che sta investendo parte dell’Italia in questo inizio ottobre, è ormai giunto il momento di ...
L’orto in casa: coltivare fra le doppie finestre
Una soluzione che spesso non si considera è quella di collocare una piccola serra fiorita proprio tra lo spazio protetto che si trova fra le doppie fi...
Piante a fioritura invernale: KALANCHOE PUMILA
Anche oggi vi voglio parlare di una pianta in grado di fiorire per essere ammirata anche durante il periodo invernale. Ogni pianta ha infatti la sua s...
Il pero: coltivazione, esigenze e varietà
Il pero, Pyrus communis, appartiene alla famiglia delle rosacee, come il melo, il pesco, l’albicocco, il mandorlo, il susino e molti altri alberi prez...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!