Il giardino mediterraneo

La nascita del giardino ha storicamente la funzione di creare un ambiente esteticamente gradevole alla vista e che possa rinfrescare lo spirito avvicinando l’uomo alla natura.

Inoltre la creazione del giardino nel mediterraneo, ha il compito di creare una zona di fresco e refrigerio nei caldi mesi estivi.


Il Melograno si armonizza bene nei giardini mediterranei

Gli stili che hanno caratterizzato i giardini del mediterraneo sono essenzialmente due: quello arabo e quello rinascimentale.

Due stili principali del giardino mediterraneo

Lo stile arabo che ha come esempi i giardini dell’Alhambra a Granata e dell’Alcazar a Siviglia ed è basato sugli schemi tradizionali del giardino islamico. Questo stile di giardino è pratico, intimo e informale e ed è caratterizzato da corsi d’acqua che lo dividono in più parti.

Lo stile rinascimentale pone invece l’accento sulle proporzioni ed è caratterizzato da grandi fontane, terrazze e scalinate che lo rendono apparente e vistoso.

Entrambi gli stili hanno varcato il mediterraneo venendo “adattati e adottati” in molte regioni del globo.

La copertura del suolo

Il suolo del giardino può in genere venire coperto da superfici dure (pavimentazioni di vario genere) e con il prato o altre piante.

Nei giardini mediterranei il prato determina un piacevole e rinfrescante contrasto di verde con le zone limitrofe. E’da tenere presente che il clima mediterraneo richiede un tappeto erboso formato da specie resistenti al calore a alla mancanza d’acqua.

Tra le specie usate a questo scopo Cynodon dactylon e Stenotaphrum secundatum sono molto resistenti al caldo, richiedono poca acqua e possono anche essere utilizzate con successo nelle zone vicine al mare.

Altre possibili soluzioni nella copertura del suolo è l’uso di rampicanti come l’edera o piante aromatiche come la lavanda.

Muri, siepi e pergolati

Questi elementi caratterizzano e danno forma al giardino. Inoltre permettono di proteggere dal vento e danno ombra.

I muri richiedono poca manutenzione e possono venire coperti da rampicanti come edera, buganvillea, gelsomino etc.

Le siepi danno un senso di naturalità al giardino e spesso danno rifugio a uccelli, e piccoli animali tra le specie più utilizzate vi è il pittosporo, il bosso, l’alloro o la tuja.

Altro importante elemento sono le pergole che permettono un gradevole angolo di ombra nei mesi caldi e che possono essere anche queste abbellite con rampicanti come gelsomino o passiflora.

Laghetti e fontane

Anche un piccolo giardino può essere impreziosito da un laghetto o da una fontana. Negli ambienti mediterranei tuttavia l’elevata evaporazione e l’intorbidamento dell’acqua ne diminuisce il valore estetico, inoltre lo sviluppo di insetti come le zanzare può essere un problema.

L'alloro è una pianta tipica della macchia mediterranea

Per migliorare la qualità dell’acqua può essere installato un filtro biologico. La presenza di piccoli pesci nel laghetto che si nutrono di larve di zanzara può eliminare questo problema “biologicamente”.

Le piante acquatiche come ninfee e nelumbi (fiori di loto) possono rendere il laghetto un piccolo gioiello all’interno del giardino attraverso il colore dei fiori e la bellezza delle grandi foglie rotonde.

Piante mediterranee e introdotte

All’interno del giardino possono essere utilizzate sia piante tipiche della macchia mediterranea ovvero piante sclerofille quali l’alloro, il rosmarino, il carrubo, l’olivo, la pianta nana etc. oppure piante che sono state introdotte ed acclimatate nel corso dei secoli come gli agrumi, le varie specie di palme, il melograno, etc.

E’importante sempre tenere presente la possibile aridità dei mesi estivi. In questo contesto anche piante grasse e succulente come la yucca, le cactacee e le euphorbiacee possono trovare una valida applicazione per la loro resistenza all’aridità. Tra le specie ornamentali a fiore che bene si adatta alla scarsità d’acqua vi è l’oleandro.

Nella progettazione del giardino sarà importante che tutti questi elementi vadano ad armonizzarsi tra loro per rendere il giardino bello esteticamente e funzionale alle proprie necessità.

La rosa di Natale. Un fiore bianco fra la neve
La rosa di Natale fiorisce a dicembre. Il suo nome botanico è Elleboro. I suoi fiori bianchi crescono sotto la neve, anche con pochissimi raggi di sol...
La Viola del Pensiero: un fiore invernale
Le viole del pensiero sono piante ibride dalla vita breve, della durata un anno o massimo due. Provengono dall’Europa e dalla Turchia. Queste piante ...
Tipi di fiori differenti e infiorescenze
Chi è appassionato di giardinaggio e di fiori riesce a riconoscere quasi sicuramente i fiori di molte piante. Questa operazione risulta più complicata...
Le piante succulente in giardino: fiori meravigliosi e poche cure
Se ci troviamo in ambienti dalle condizioni sfavorevoli, cioè con scarsità d’acqua e temperature elevate, sarà difficile coltivare piante ornamentali ...
La Nandina domestica: un pianta policroma
Le foglie hanno colori mutevoli, i fiori sono bianchi, le bacche sono rosse e resistono durante tutto l’inverno: è la Nandina domestica. Resiste al fr...
Le malattie fungine delle rose: come proteggerle
Le rose non vanno difese semplicemente dai parassiti a noi ben noti. Esiste infatti una serie di malattie, denominate fungine, che rischiano di danneg...
I Sedum, un genere di piante grasse di facile coltivazione
Il genere Sedum appartiene alla famiglia delle crassulacee, ovvero delle piante grasse. Il nome Sedum deriva dal latino sedeo, mi siedo, ed allude al ...
Neve in arrivo. Come comportarsi.
Le previsioni meteo affermano che a breve tutta l’Italia sarà sotto la neve. La neve è sicuramente bella da vedere, amata dai più piccoli ma anche dai...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!