Il giardino in primavera riprende vita: le aiuole

Prima dell’arrivo della bella stagione è fondamentale lavorare e arieggiare lo strato superficiale di terreno, andrà inoltre arricchito di concime e fertilizzante per favorire lo sviluppo dei fiori, questo per ottenere aiuole ricche di colori e dalla fioritura rigogliosa durante il periodo primaverile.

Il giardino in primavera: non è mai stato così splendente

giardino in primavera

Alberi di Giuda

Quando il clima inizia a diventare più mite e le temperature si alzano la linfa ricomincia a circolare negli steli delle piante ridando loro vitalità. Dopo alcuni mesi di letargo invernale prendono vita i germogli, che fino alla primavera sono rimasti protetti nella rassicurante forma di gemme.

E’ proprio questo il momento giusto per qualche operazione di miglioramento nell’aspetto generale del nostro giardino. Le piante presenti nel giardino in questo periodo necessitano di potenziare il più possibile la loro propensione alla produzione di fiori.

Sarà quindi utile, per una sorta di rigenerazione delle piante, eseguire operazioni di potatura, in modo tale da ridare nuovo vigore agli steli; potatura necessaria anche per eliminare rami storti, indeboliti e malati sempre presenti dopo il lungo inverno.

E’ anche molto importante aggiungere dei nutrienti al substrato. Sarà anche necessaria una nuova ossigenazione del terreno, questa si potrà ottenere attraverso una zappatura della parte superficiale del substrato. Muovere il terreno è utile anche per facilitare l’assorbimento da parte degli apparati radicali di tutti i nutrienti necessari.

Calendula

Calendula

Con l’arrivo della stagione primaverile ogni pianta e arbusto, che sia perenne o caduco, si risveglia da un lungo letargo. Iniziano a vedersi nuovi germogli, che poi daranno vita a foglie rigogliose, steli dai colori brillanti e fiori colorati e vitali che saranno poi gli artefici ultimi della rinascita di tutto il giardino. In questa stagione è facile apprezzare le meravigliose fioriture bianche della Magnolia e le ricchissime fioriture rosa, facilmente apprezzabili anche nelle città, degli Alberi di Giuda.

Per far risaltare ai maggiori livelli la bellezza del giardino fiorito è necessario collocare in modo strategico, tra l’autunno e l’inizio dell’inverno, gli esemplari di bulbose.

Gran parte della vitalità del giardino sarà regalato dalle piante stagionali e vivaci, ma anche le bulbose sono un gruppo importante, godendo soprattutto dell’ulteriore vantaggio di una fioritura – per la maggior parte degli esemplari – proprio tra l’inizio della stagione primaverile fino al sopraggiungere dell’estate. I fiori di queste piante non durano molto tempo, ma sono molto particolari e dalle tonalità sorprendentemente vivaci, come avviene per il Croco, il Tulipano o il Narciso.

Altro lavoro da effettuare prima del periodo di fioritura sarà quello di spostare le piante stagionali coltivate nelle aiuole climatizzate direttamente all’aperto, in attesa del momento più propizio della fioritura.

Le erbacee che compongono la maggior parte delle aiuole preferiscono senza dubbio climi miti e i raggi del sole, ma riescono a sopportare abbastanza bene anche delle eventuali gelate tardive che possono accompagnare l’inizio della stagione primaverile. Le specie più comuni che popolano i nostri giardino sono senza dubbio la Calendula, la Campanula, il Cerastio e la Verbena.

Come comporre le aiuole: accostamenti incantevoli

Croco

Croco

Spesso le aree che compongono il nostro giardino si differenziano per climatizzazione ed esposizione. E’ importante, per aumentare il valore attrattivo del giardino, cercare di legare e amalgamare fra loro aree indipendenti, le quali differiscono spesso per funzione e conformazione. Il rapporto di connessione deve essere creato da un elemento comune in grado di rapportarsi al meglio con ogni elemento che compone il giardino.

Per risolvere questo problema vengono in soccorso le aiuole. Se vogliamo dare un tocco aggiuntivo di colore ai nostri giardini dobbiamo imparare ad abbinare con criterio le differenti specie. Diventa quindi importante conoscere bene le condizioni particolari di ogni specie di piante che vogliamo accostare. In questa maniera sarà possibile realizzare composizioni e combinazioni di piante ornamentali affini fra loro sia per comuni necessità, sia per facilità di manutenzione, ma soprattutto per coincidenza nel momento di fioritura.

Un criterio di disposizione delle diverse specie può essere quello della dimensione. Se avete abbastanza spazio potrete organizzare la distribuzione in base all’altezza. Sarà comunque importante, in fase di definizione degli spazi, tener conto delle dimensioni che la pianta potrà assumere in fase di sviluppo. E’ importante fare attenzione al fatto che piante più piccole non vengano mai “inghiottite” o nascoste da

Cerastio

Cerastio

quelle più grandi.

Scegliendo con criterio le specie vegetali da ospitare nel giardino sarà possibile ottenere composizioni floreali che mostrino i fiori completamente sbocciati tutti nel medesimo momento, oppure scaglionare la fioritura, in maniera tale da prolungare la presenza di fiori all’interno delle aiuole.

I fitofarmaci per la salute delle nostre piante
La salute delle nostre piante passa anche attraverso l’uso dei fitofarmaci, è necessario però utilizzarli con moderazione. Qualsiasi sia la composizio...
Il Parco dei Cento Laghi, un territorio da favola
Il Parco dei Cento Laghi si colloca tra l’Emilia e la Toscana; è un territorio molto particolare, il clima favorevole rende la zona decisamente intere...
Un’antica pianta insetticida: Neem
Questa pianta viene utilizzata dagli agricoltori indiani da circa tremila anni. Si tratta di un albero a crescita spontanea presente in tutto il paese...
Gasteria Verrucosa: una piccola pianta succulenta elegante e senza spine
Questa piccola pianta grassa è molto facile da trasportare poiché è di modeste dimensioni; si tratta di un esemplare decorativo senza spine. Non ne es...
Il cavolo ornamentale: perfetto da coltivare sul balcone
Il cavolo non è solo un ortaggio, esistono infatti molte varietà della pianta decisamente decorative. Questi particolari esemplari di ortaggio derivan...
Come scegliere piccole serre da balcone per proteggere le piante durante l'inverno
In tutta Italia è ufficialmente arrivato il freddo, da Nord a Sud le temperature si sono abbassate e questo crea non pochi problemi per la sopravviven...
La lantana: pianta ornamentale o invasiva?
La lantana è una pianta arbustiva appartenente alla famiglia delle verbenacee originaria delle aree subtropicali americane. Questa pianta venne introd...
Bocche di Leone: pensiamoci in inverno
Durante l’inverno la maggior parte delle piante sono in riposo vegetativo e le fioriture risultano davvero sporadiche e isolate. Ma è proprio in quest...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.