Creare il giardino roccioso alpino: accorgimenti utili

Semprevivo

Semprevivo Semprevivum tectorum

Per realizzare un giardino alpino è opportuno scegliere territori dai climi estivi non troppo caldi o afosi.

Le piante non soffrono le alte temperature ma lo scarso ricircolo d’aria tipico di questi climi; in più anche un substrato scarsamente drenante costituisce un problema per la sopravvivenza delle specie alpine. Ed è per questi motivi che sarà opportuno collocare il giardino roccioso in angoli ventilati, evitando però le correnti d’aria.

Anche l’eccessivo irraggiamento solare può essere dannoso per alcune specie, meglio optare per zone d’ombra almeno nelle ore più calde della giornata.

Se queste condizioni non sussistono c’è sempre la possibilità di scegliere una pianta alpina in grado di adattarsi alle condizioni più inospitali: il Semprevivo (semprevivum tectorum).

Utilizzate terriccio asciutto e ben drenato, un po’ di sabbia e pietrisco: condizioni ottimali per coltivarlo in vaso o cassetta. Questa specie resiste bene anche nelle zone assolate della pianura, regalando un piccolo spazio di bellezza alpina.

Il giglio delle Dolomiti si può coltivare anche in giardino

I gigli di martagone e i gigli rossi dei laghi sono due bellissime fioriture delle Alpi in grado di crescere anche in giardini e terrazzi.

Gigli di martagone

Gigli di martagone

Il giglio di martagone ha fiori di colore rosso intenso, rosa pallido e porpora che si riuniscono in un’infiorescenza di 3 – 5 fiori. Tutte e due questi esemplari fanno parte di specie protette, partendo dai bulbi possono essere coltivate anche in giardino.

E’ opportuno piantare i bulbi in autunno, scavando buche profonde. Non è necessario trapiantarli nel corso degli anni, ed è opportuno distanziare parecchio un bulbo dall’altro, se collocati nello stesso vaso.  Prediligono un substrato di crescita ricco, umido, permeabile e di tipo friabile: è importante che durante il periodo estivo non si surriscaldi o si asciughi troppo.

I gigli necessitano di cure particolari se coltivati in vaso, soprattutto se si decide di farli rifiorire negli anni; evitate quindi con molta attenzione i raggi diretti del sole.

Rampicante d’alte quote

 giardino roccioso alpino

Clematis alpina “Pink Flamingo"

La clematide alpina è una pianta molto comune nei boschi di montagna. Si tratta di una pianta di piccole dimensioni, perenne, con foglie caduche e piccoli fiori lilla, che fioriscono a inizio estate. Il substrato ideale per questa pianta deve essere calcareo e siliceo, non umido e con bassi valori nutrizionali.

Per la coltivazione in giardino si deve optare per una varietà specifica di questa pianta: la Clematis alpina “Pink Flamingo”. Questo esemplare fiorisce regalando piccole campanelle dondolanti di colore rosa: i fiori sono semidoppi e seguono dei frutti decisamente decorativi. L’ambiente di coltivazione deve essere fresco e, soprattutto nel periodo più caldo, vanno evitati i raggi diretti del sole.

Le genziane e le campanule anche in giardino

Il colore tipico delle genziane è il blu, ma è facile trovarne anche di colore giallo, come la genziana lutea.

Genziana lutea

Genziana lutea

Queste piante sono tipiche dell’habitat alpino delle regioni europee con clima temperato, ma si trovano facilmente anche in Asia e America.

In Italia ne troviamo alcune specie nei territori alpini, queste fioriscono durante il periodo estivo. Nei vivai è molto semplice trovarle in vasetti già fiorite. Sono piante fragili, sarà quindi opportuno trasferirle in breve tempo nei giardini rocciosi dal terreno drenato e fertile.

Se decidete di ottenerle mediante semina potrebbe rivelarsi un’operazione piuttosto lunga. Il seme è infatti dotato di una vitalità piuttosto modesta, ed è solito avere un periodo di dormienza. E’ importante esporre i semi per un periodo di 4 – 5 settimane a basse temperature alternate, in seguito vanno interrati a non più di un centimetro di profondità. Le prime piante spunteranno dopo circa 60 – 80 giorni.

Le campanule sono delle piante erbacee perenni perfette per bordature, aiuole e muretti. Anche la coltivazione in vaso è consigliata, ma solo se in ambienti freschi. Le varietà sono molte e i colori dei fiori variano dal blu, al bianco, al rosa e al viola.

Anche per questa pianta è opportuna una sistemazione di mezz’ombra, evitando i raggi diretti del sole nelle ore centrali della giornata. Il terreno deve essere ben drenato e sempre umido, patisce infatti l’umidità.

Come coltivare la stella alpina in giardino e in vaso

Stella Alpina

Stella Alpina

La stella alpina ha rischiato per un lungo periodo di estinguersi, a causa di una raccolta sconsiderata. Ora finalmente sta ripopolando le nostre Alpi con successo.

Si tratta comunque di una specie protetta, ma è facile trovarla su prati e roccaglie d’alta quota. In vaso è semplice da coltivare, anche iniziando dai semi.

La semina si deve effettuare ad inizio primavera. Utilizzate terriccio torboso con aggiunta di sabbia e vasetti per collocare le sementi. Il ristagno idrico va assolutamente evitato, soprattutto nella prima fase di germinazione: il rischio di marcescenza delle radici è sempre in agguato negli ambienti con scarsa aerazione.

Quando spuntano i germogli si dovranno tenere solamente le piante più resistenti, dovranno rimanere in un vasetto a fortificarsi per circa due mesi. Quando si saranno irrobustite a sufficienza si possono interrare o in giardino o in vaso.

Per la coltivazione della stella alpina in giardino è importante preparare un substrato specifico poroso e ben drenato, deve essere composto da sabbia, ghiaia e terra di abete. Per quanto riguarda l’esposizione sarà opportuno collocare le piantine in un luogo soleggiato ma riparate da eventuali piogge. La posizione ideale sarebbe a ridosso di una parete rocciosa.

Se si opta per la crescita in vaso si deve scegliere un contenitore profondo, dotato di strato drenante. Spesso le piante coltivate in vaso non riescono a sopravvivere all’inverno, sarà quindi necessario trattarle come piante annuali. Attualmente è facile trovare le stelle alpine nei migliori garden center.

Il giardino delle QUATTRO STAGIONI: non rinunciamo alla sfioritura
E' nato un nuovo concetto tra gli architetti del paesaggio e del verde: seguire, all'interno del proprio giardino, il normale ciclo di vita del fiore ...
Il BUCANEVE: un fiore invernale
Il bucaneve in gergo scientifico è stato battezzato come “Galanthus nivalis” ma la maggior parte delle persone lo conosce come “Stella del mattino”. ...
Dry Garden: spettacolo di forme e colori
Le piante che provengono da aree desertiche e subdesertiche riscuotono sempre più interesse nel nostro paese. La diffusione di questo fenomeno si può ...
Curiosità: perché le api non visitano i fiori rossi
Vi è mai capitato di vedere un’ape che si posa su un papavero? Dopo averci pensato bene vi accorgerete che in effetti non vi è mai capitato. Potrebbe ...
La Buddleja, l'albero delle farfalle tra colori e profumi
La Buddleja è una pianta rustica e vigorosa, è una delle specie migliori se si vuole un giardino colorato, ricco di profumi e pieno di meravigliose fa...
I fiori delle Alpi e il giardino alpino (Alpine Garden)
E’ proprio nel periodo tra giugno e luglio che le Alpi e gli Appennini si popolano di piccole meraviglie. La coltivazione di questi particolari esempl...
Le erbe di campo in cucina: un tesoro gastronomico spesso dimenticato
Fiori e foglie di erbe selvatiche possono sicuramente essere considerati un vero e proprio tesoro per i nostri piatti. In cucina hanno da sempre rives...
Le piante Composite, dal giardino alla tavola
Le composite (dette anche asteracee) sono la famiglia di piante da fiore più numerosa, con oltre 20.000 specie: circa il 10% di tutte le specie da fio...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!