Il glicine: rampicante primaverile per eccellenza

I glicini e la loro fragranza dolce non possono mancare come sfondo scenografico di ogni primavera; il loro impeto vegetativo è un chiaro vitalità e rinnovamento.

W. Brachybotrys

W. Brachybotrys

Nonostante sia senza dubbio uno dei rampicanti più conosciuti e diffusi al mondo si fa ancora un po’ di confusione sulla sua esatta specie di provenienza e sul periodo esatto di fioritura.

Il glicine fa fiori fino all’estate

W. Floribunda Macrobotrys

W. Floribunda Macrobotrys

Glycinia, nome originario del genere al quale appartengono i glicini, deriva dal greco glykos, che vuol dire “dolce”; sicuramente si fa riferimento al succo appiccicoso e dolciastro presente all’interno dei fiori, molto ricercato dagli insetti impollinatori, e soprattutto dalle api.

I glicini appartengono alla famiglia delle Leguminose, ciò si intuisce facilmente osservando la forma particolare del fiore, molto simile a quella dei fiori di pisello e fagiolo, anche se in questo caso si presentano riuniti in grappoli dalla lunghezza variabile a seconda della varietà. Per esempio la W. Floribunda “Macrobotrys” raggiunge addirittura la lunghezza di oltre un metro.

I fiori del glicine hanno una tonalità che varia dal bianco al violetto, per poi passare dal celeste al lavanda, fino al più carico rosa o rosa porpora, a seconda delle specie, al giorno d’oggi innumerevoli.

Nella famiglia dei glicini il più precoce, W. Sinensis, fiorisce tra aprile e maggio; le specie americane, W. Frutescens, fioriscono in giugno; in luglio fiorisce la più tardiva W. Brachybotrys.

Vigore allo stato puro

Il glicine, non necessita di molte attenzioni, è una pianta poco esigente che sopporta bene anche l’inquinamento presente nelle nostre città.

W. Sinensis

W. Sinensis

E’ infatti una presenza costante sia nei giardini storici che nei luoghi dalle ambientazioni più moderne, lo si vedrà spesso come macchia di colore con la funzione di ricoprire muri, pergolati e griglie di dimensioni considerevoli.

Inoltre è molto usato come ornamento per balconi e terrazzi, in questo caso si predilige il W. F. “Amethyst Fall”. Oppure lo si può far crescere, secondo la tradizione cinese, come un albero dalle dimensioni ridotte, soprattutto la W. Floribunda è da prediligere per questo scopo.

Il glicine è utilizzato da sempre all’interno dei nostri giardini come punto focale al quale rivolgere la nostra attenzione, non solo quando lo si trova sottoforma di albero, ma anche quando è coltivato a spalliera o a ghirlanda.

W. Frutescens

W. Frutescens

Utilizzare il glicine come rampicante

Quando si decide di utilizzare il glicine come rampicante è importante tener presente il suo notevole sviluppo, soprattutto la specie W. Sinensis molto comune nel nostro paese.

Si deve quindi avere a disposizione uno spazio davvero ampio, anche perché non solo la parte aerea si sviluppa notevolmente; anche le radici sono caratterizzate da un’espansione rapida; a tal motivo non devono mai essere collocate in prossimità di pavimentazioni o muretti, perché questi rischiano di essere gravemente danneggiati durante la crescita dell’esemplare.

Nelle prime fasi di sviluppo della pianta i fusti necessitano di un tutore o di una legatura per procedere con lo sviluppo in altezza, in maniera tale da indirizzarle verso il luogo di espansione desiderato. Raggiunto il periodo maturo i rami principali lignificano, raggiungendo anche un notevole diametro.

Potare il glicine

Per questa pianta le potature sono essenziali, sia per mantenere uno sviluppo rigoglioso dei fiori, sia per limitare il diffondersi quasi invasivo dei rami, che a lungo andare acquistano anche un peso notevole, difficilmente sopportato dalla pianta.

Si consiglia quindi una riduzione biennale degli steli prodotti, in modo tale da dare origine ad un esemplare ordinato, con i rami ben posizionati. In questa maniera sarà molto più semplice apprezzare la bellezza dell’infiorescenza prodotta.

Più la pianta diventa di dimensioni ragguardevoli, maggiori saranno le cure da dedicarle.

In più se le cure non vengono prestate con costanza diventerà sempre più difficile gestire l’esemplare.

Insetti infestanti d’origine asiatica: S.O.S. dall’Inghilterra

Il glicine è una pianta molto robusta, anche se ultimamente le specie presenti in Inghilterra sono state vittima di un parassita di origine asiatica: l’Eulecanium excrescens.

Il parassita è lungo circa un centimetro, con guscio convesso e marrone, tipico della famiglia delle cocciniglie. Questo pericoloso parassita si nutre della linfa della pianta e una grave infestazione può addirittura portare alla morte dell’esemplare.

La Royal Horticultural Society si è occupata di lanciare un allarme a livello europeo, stimando la diffusione di questo parassita in tempi piuttosto brevi.

Insetti infestanti

Eulecanium excrescens

L’innalzarsi delle temperature rende questo parassita, amante delle temperature calde, il nemico peggiore dei nostri glicini. Diventa quindi importante tenere sotto stretto controllo ogni esemplare di questa pianta, cercando di evitarne l’insediamento.

Questo parassita può essere eliminato, o almeno controllato, solo manualmente o con una canna di irrigazione, poiché la diffusione avviene tramite vento o attraverso gli uccelli; l’eliminazione mediante insetticidi specifici in questo caso sarebbe quindi inutile, poiché di difficile attuazione.

Il periodo migliore per trattare le piante è il momento il cui si stanno schiudendo le uova, quindi nel periodo tra maggio e giugno.

Ficus: specie da giardino e da appartamento
Il Ficus Questo vasto genere di piante che appartiene alla famiglia delle Moracee è uno dei più polimorfi del regno vegetale e comprende, secondo u...
La Robinia e i suoi fiori colorati
La robinia si riconosce dall’albero da fusto sottile e chioma ampia. Il fogliame è sempre mosso dal vento. Le specie più piccole, specialmente in prim...
Una fioriera per l’estate
L'estate è un periodo gioviale, dove l'allegria ed il relax cercano di prendere il sopravvento nei confronti della stanchezza e dello stress. I...
Come risparmiare l’acqua in giardino
Nei mesi estivi è normale verificare un aumento del consumo idrico. Le piante coltivate hanno infatti bisogno di maggiori quantitativi di acqua per le...
Curare le piante in vaso, prevenire i danni peggiori
Anche per le piante in vaso l’estate risulta un periodo difficile da sostenere, in particolare il mese di agosto, quando normalmente si raggiungono le...
Preparare le fioriture primaverili: i bulbi da fiore in cassetta
Un balcone fiorito piace a tutti, soprattutto se le fioriture sono in coincidenza con l’arrivo della primavera. Se si agisce per tempo molte bulbose c...
L'orchidea in un viaggio che dura 3000 anni al castello di Pralormo
Abbiamo già parlato in un precedente articolo di MESSER TULIPANO, evento botanico nel quale ogni primavera si possono ammirare oltre 75.000 tulipa...
Il fico, albero coltivato da millenni
Il nome scientifico del fico è Ficus carica, con riferimento al fatto che questa pianta si ritiene abbia origine in Asia minore e precisamente nella r...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!