Gradevoli frutti di bosco: il lampone

Il lampone è un frutto buonissimo, cresce su un cespuglio robusto facile da coltivare.  Basteranno poche cure e questa pianta si ammalerà raramente. Ma non esistono solo i lamponi, c’è un gran numero di frutti di bosco decisamente insolito ma ottimi da coltivare, anche sul balcone di casa.

I frutti di bosco hanno un buon sapore, e inoltre contengono anche una moltitudine di sostanze nutritive molto utili soprattutto a bambini ed anziani, grazie in particolare all’alta concentrazione di vitamina C e sostanze minerali come il calcio.

Un po’ di storia e alcune curiosità

Frutti di bosco

Frutti di bosco

Le varietà di lampone coltivate fin dal XVI secolo in Europa erano centinaia. Attualmente molte sono andate perse, ma rimane il Lampone Rubus Idaeus, sicuramente il più amato fra i frutti di bosco, anche quello più facilmente coltivabile sia nei giardini che al bordo degli orti.

Di norma il colore del lampone è rosso intenso, ne esistono però altri tipi di colore giallo, decisamente meno gustosi, e alcune varietà americane di colore nero (R. occidentalis) o viola (R. neglectus).

Il nome europeo di questa pianta fu attribuito, nel 1753, direttamente dallo scienziato e botanico svedese Linneo, famoso per lo studio fatto sulla nomenclatura binomiale ancora utilizzata ai giorni nostri a livello internazionale.

Strettamente imparentata con i rovi, questa pianta cresce ai bordi degli orti di montagna allo stato selvatico e a notevoli altitudini. Il frutto è molto dolce ed ha conquistato un enorme successo, tanto da dargli uno spazio crescente in negozi e supermercati durante tutto l’anno.

Per tutto ciò si deve in parte ringraziare il lavoro svolto da organizzazioni che riuniscono i produttori locali, come la Sant’Orsola, che ormai da tempo si sono specializzati, oltre che nella produzione, anche nella commercializzazione del prodotto.

Frutti di bosco Sant'Orsola

Frutti di bosco Sant'Orsola

Quest’organizzazione ha sede a pochi chilometri da Trento, nella valle dei Mòcheni: è la principale produttrice italiana di frutti di bosco, ma anche punto di riferimento per chi si occupa di queste produzioni speciali. Naturalmente non si limitano coltivare lamponi, sono specializzati anche in more, ribes, mirtilli, uva spina, fragoline di bosco, ciliegie trentine e mini kiwi.

La coltivazione del Lampone

Il lampone è una pianta cespugliosa di tralci biennali, è in grado di svilupparsi ogni anno, in maniera da garantire un continuo rinnovamento dell’arbusto stesso.

I tralci producono frutti o una volta durante il secondo anno di vita (unifere), o due volte (bifere).

lampone coltivazione

Rubus Idaeus

Le varietà unifere fruttificano tra giugno e luglio, quelle bifere tra settembre e ottobre il primo anno e tra giugno e luglio il secondo. La presenza contemporanea di tralci di un anno e di due anni garantisce due periodi di fruttificazione e di raccolta.

Il lampone cresce bene ad altitudini tra gli 800 e i 1000 metri; ha bisogno di un clima freddo utile a far sviluppare una gran quantità di fiori, che poi si tramuteranno in frutti.

Il substrato di crescita deve essere fresco e leggero, il terreno argilloso è da evitare, anche quello calcareo (meglio se è un po’ acido). Un certo grado di umidità del terreno è tollerato, l’importante che questo sia ben drenato e mai secco. Si tratta di una pianta che ha come habitat naturale il sottobosco, quindi è preferibile collocarla in ambienti ombreggiati; a causa delle alte temperature raggiunte è quindi del tutto impossibile coltivare lamponi in meridione ad altitudini inferiori ai 1000 metri. Se si mantengono queste condizioni di base sarà molto difficile che la pianta si ammali.

Per tutte le varietà conosciute è opportuna una concimazione nel periodo autunnale: usate abbondante fertilizzante organico ricco di azoto. Nel periodo estivo è importante garantire un costante apporto di acqua: ogni pianta ha bisogno di circa 30 litri al mese, un po’ meno se le precipitazioni sono particolarmente abbondanti. Essendo particolarmente sensibile all’asfissia radicale sarà comunque opportuno evitare gli eccessi di acqua.

lampone nero

Rubus occidentalis

In autunno si renderà necessaria una pacciamatura al piede dell’arbusto, realizzata con foglie cadute o in alternativa sostanze organiche. Nel periodo invernale si deve potare la pianta: vanno eliminati alla base tutti i tralci che hanno fruttificato durante il periodo estivo, eccezion fatta per le varietà rifiorenti. I rami secchi vanno eliminati anche perché potrebbero essere un facile rifugio per i parassiti, pronti a presentarsi la stagione seguente.

I getti più robusti vanno invece lasciati intatti: per le varietà non rifiorenti daranno frutti al secondo anno di vita, per quelle rifiorenti avverrà già dal primo anno.

L’orto e il frutteto nel mese di Aprile
Durante il mese di aprile ci si deve occupare anche dell'orto e del frutteto. E' importante tenere sotto controllo il ciliegio per evitare l'insorgenz...
Le rose, il prato e le siepi, cosa fare in Luglio
Cosa fare durante i mesi estivi per curare al meglio rose, prati e siepi.
Come risparmiare l’acqua in giardino
Nei mesi estivi è normale verificare un aumento del consumo idrico. Le piante coltivate hanno infatti bisogno di maggiori quantitativi di acqua per le...
Piante autunnali: la Cosmea (Cosmos bipinnatus)
La Cosmea ( Cosmos bipinnatus) è una delle piante più comuni della famiglia delle Composite. La pianta è originaria dell'America centro meridio...
Il cavolo ornamentale: perfetto da coltivare sul balcone
Il cavolo non è solo un ortaggio, esistono infatti molte varietà della pianta decisamente decorative. Questi particolari esemplari di ortaggio derivan...
Il melograno è bello tutto l’anno e fruttifica ad ottobre
Il melograno, o Punica Granatum, è una pianta originaria dei territori ad oriente dell’Afghanistan. Questo esemplare era già conosciuto da Babilonesi,...
Aromatiche poco conosciute: la Santoreggia
La santoreggia è nota anche come erba dei Satiri. I romani utilizzavano normalmente quest’erba aromatica, Satureia Hortensis, per insaporire le salse ...
I Sedum, un genere di piante grasse di facile coltivazione
Il genere Sedum appartiene alla famiglia delle crassulacee, ovvero delle piante grasse. Il nome Sedum deriva dal latino sedeo, mi siedo, ed allude al ...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!