HELENIUM: una pianta erbacea dalle mille sfumature

HELENIUM

Piante di HELENIUM

L’Helenium è una di origini Nord Americane.

All’interno di un qualsiasi giardino, è in grado di affascinare chiunque, colorando intere zone.

Queste piante hanno una struttura robusta e si ergono verso l’alto creando suggestivi manti colore.

Questo è il periodo dell’anno in cui i primi boccioli iniziano ad aprirsi, ed è proprio per questo motivo che si tratta di una bella pianta da avere nel proprio giardino, riuscirà infatti a colorare tutta la zona nella seconda parte dell’estate.

La varietà in commercio sono molteplici, infatti si contano circa 40 specie di Helenium.

Tutte le specie hanno la caratteristica principale di avere una fioritura molto rigogliosa e prolungata nel tempo, mentre si riconoscono l’una dall’altra per la loro dimensione e per il colore dei petali.

Ciò che rende piacevole la presenza dell’Helenium è il suo caratteristico fiore; apparentemente simile ad una grande margherita, in realtà ha una corolla di fiori ligulati che rivolgono lo sguardo verso il basso, rendendo la pianta slanciata verso l’alto. I suoi capolini hanno un diametro massimo di 8 cm e il suo fiore può avere differenti cromie a seconda della specie; i suoi petali possono variare dal colore giallo, al rosso con svariate sfumature d’effetto.

Ma vediamo esattamente di cosa ha bisogno per crescere rigogliosa e sana. In realtà, essendo una pianta selvatica, non ha bisogno di grandi cure e attenzioni, quindi può essere piantata anche dalle persone più inesperte.

Il terreno adatto

Fiori di Helenium

Fiori di Helenium

Il terreno è un aspetto relativo, proprio per il fatto che l’Helenium ha una capacità di adattamento molto elevata. Comunque se si vuole ricreare l’habitat più corretto, il terreno migliore è quello che ha un ricco substrato organico con l’aggiunta di un fertilizzante a cessione lenta, in modo da nutrirla con costanza ed equilibrio.

Con l’arrivo dei primi freddi è poi consigliabile proteggere il suolo con una pacciamatura.

Preparato il terreno, è necessario effettuare la messa a dimora.

La messa a dimora

Per la messa a dimora dell’Helenium non occorre grande impegno. Le radici sono resistenti e non hanno bisogno di una buca profonda in quanto si sviluppano in uno strato abbastanza superficiale. Tendenzialmente 30 centimetri di profondità bastano, soprattutto se viene acquistata in vivaio nei vasetti. Se si vuole creare una macchia di colore occorre poi piantare le piantine ad una distanza di 50 centimetri l’una dall’altra.

Dopo aver fatto la buca occorre inserire uno strato drenante e solo dopo aver bagnato abbondantemente la terra contenente la pianta, si potrà inserire l’Helenium nella buca aprendole le radici in modo che possa aggrapparsi correttamente nel terreno.

L’acqua necessaria

Per quanto riguarda le bagnature, soprattutto durante l’estate, l’Helenium richiede acqua in abbondanza in modo che il terreno resti umido e non provochi aridità dannosa per le piante.

Anche in questo caso creare ristagni risulta comunque dannoso, è quindi consigliabile non esagerare con l’uso dell’acqua, occorre quindi fare attenzione, dandogli tutta l’idratazione che le occorre, ma mai in eccedenza.

Esposizione e temperatura

L’esposizione è un aspetto importante per ottenere la crescita rigogliosa, riconosciuta alla pianta dell’Helenium.

E’ necessario esporre la pianta a pieno sole in modo che catturi più luce naturale possibile.

Poiché è una pianta che si sviluppa in altezza, se volete evitare l’utilizzo di sostegni appositi, evitate di collocare le vostre piantine in una zona esposta ai venti, in quanto tenderebbe a piegarsi e in casi estremi, a rompersi!

Aldilà di questo piccolo particolare, l’Helenium resiste bene sia alle temperature calde e secche che a quelle rigide invernali.

Malattie e nemici

L’Helenium, per quanto forte, non è immune alle malattie o agli attacchi da parte di batteri e funghi.

Uno dei maggiori nemici di questa pianta, è la chiocciola che si ciba delle sue foglie.

pianta erbacea perenne

Una pianta erbacea perenne

Per eliminare il problema è necessario utilizzare trappole ed esche che impediscono l’attacco da parte delle limacce e delle chiocciole.

Come avete visto è veramente semplice piantare una pianta di Helenium, non occorrono grandi attenzioni e cure. Basta solo verificare di tanto in tanto la sua crescita, potarla quando comincia a perdere la forma e tenere conto dei fattori spiegati in precedenza.

Dopodichè non resta che godersi le sfumature del fiore.

Il LIMONE LUNARIO: la pianta ideale per la fioritura invernale
Il limone lunario è una pianta ormai considerata italiana a tutti gli effetti, di natura sempreverde. Proprio per questo è ideale la sua presenza a...
Specchi d’acqua vitali: i giardini acquatici
I fiori d’acqua e tutte le piante coltivate all’interno di specchi d’acqua o giardini umidi vivono solo durante la bella stagione, cioè quando sono pr...
Le malattie fungine delle rose: come proteggerle
Le rose non vanno difese semplicemente dai parassiti a noi ben noti. Esiste infatti una serie di malattie, denominate fungine, che rischiano di danneg...
Anthemis maritima o camomilla maritima, come coltivarla in giardino
La camomilla maritima, in termine tecnico scientifico, Anthemis maritima, è una piante selvatica erbacea che cresce in modo spontaneo in alcune zo...
Alcune curiosità sulle arachidi
La pianta delle arachidi è un’annuale erbacea, non raggiunge grosse dimensioni (l’altezza rimane compresa tra i 30 e gli 80 centimetri), ed appartiene...
Giardinaggio di ottobre: curare alberi, arbusti, rosai e prati
La nuova stagione è alle porte, ma l’estate ha lasciato il segno del suo passaggio. Con l’abbassarsi delle temperature e l’aumentare delle intemperie ...
1500 varietà di rose antiche, moderne inglesi in mostra
Maggio è il mese delle rose e se amate questi fiori non potete perdervi il favoloso spettacolo della fioritura di queste piante meravigliose al Ca...
Attenzione ai parassiti delle piante. Anche per le piante d’appartamento
Il problema dei parassiti è tipico per le piante che si trovano all’esterno, ma purtroppo non lascia scampo neanche alle piante che vegetano all’inter...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!