Gli insetti infestanti primaverili: la Metcalfa

Attenzione agli insetti infestanti primaverili

Col periodo primaverile oltre alla ripresa vegetativa della maggior parte delle piante potrebbero comparire fastidiosi infestanti.

Di seguito alcune informazioni su un infestante in particolare che colpisce giardino, terrazzo, casa e orto: la Metcalfa.

La Metcalfa

La metcafa viene anche chiamata farfalla salterina.

insetti infestanti Metcalfa

Metcalfa

Nonostante il nome non ha nulla a che fare con le farfalle, infatti con le ali chiuse questo insetto ricorda vagamente la forma delle farfalle.

A sottolineare il fatto che non appartenga alla famiglia delle farfalle ciò è supportato anche dal fatto che questo insetto praticamente non vola, anzi si limita semplicemente a saltellare da un ramo all’altro.

Originaria dell’America è arrivata in Italia verso gli anni ’90; si diffonde rapidamente su vaste aree. Quando è arrivata in Italia si è diffusa su rose e rosai,colonizzando molto velocemente e devastando sia alberi che siepi.

Ultimamente lo sviluppo di questo parassita delle piante si è un po’ fermato, diminuendo la sua azione distruttiva.

L’apparato boccale della metcalfa è sia pungente che succhiatore; il parassita procede pungendo i tessuti vegetali e successivamente succhiando la linfa.

Soprattutto sulle piante erbacee annuali il danno provocato può essere piuttosto grave, infatti può arrivare a determinare l’arresto della crescita fino al danneggiamento dei germogli.

Inoltre il danno estetico è piuttosto rilevante. Questo parassita infatti produce una sostanza biancastra, cerosa e piuttosto appiccicosa, che ricoprirà tutta la pianta.

Con climi particolarmente miti e umidi già a fine aprile la metcalfa inizia ad infestare, anche se la sua vita è piuttosto breve, circa  7 – 10 giorni, me ne prolificano più generazioni.

Con i primi freddi, in concomitanza con l’inizio dell’autunno, questi insetti spariscono, lasciando sulle piante le uova e le relative larve.

Cosa fare contro la metcalfa

Per arginare il problema su rosai e arbusti colpiti da questi parassiti si potranno eliminare le secrezioni utilizzando getti d’acqua corrente.

Se le piante sono in fioritura si dovrà evitare.

L’utilizzo di getti d’acqua è particolarmente utile per le siepi folte, dove i parassiti sono più difficili da eliminare.

Utilizzando una base di si debellerà il parassita con maggiore efficacia.

Questa andrà somministrata ogni 7 – 10 giorni fino a quando l’insetto non sarà scomparso.

Il giardino mediterraneo
La nascita del giardino ha storicamente la funzione di creare un ambiente esteticamente gradevole alla vista e che possa rinfrescare lo spirito avvici...
COMPOST come fare un fertilizzante naturale da soli
Oggi parliamo di un fertilizzante naturale che vi potete preparare in casa: il compost. Il compost è il risultato della decomposizione di ...
Ficus: Benjamin, Elastica, Diversifolia e Pumila le specie più conosciute
Il Ficus appartiene alla famiglia delle Moraceae, include numerosissime specie, di queste circa una quarantina vengono coltivate a scopo ornamentale. ...
Una piccola pianta succulenta: la Delosperma
La Delosperma è una piccola pianta succulenta in grado di crescere su suoli sassosi, poveri e con poco terreno. Si adatta bene ai giardini rocciosi, d...
La Gaillardia: una pianta erbacea perenne che resiste alle basse ed alle alte temperature
La Gaillardia è una pianta dai colori piuttosto accesi, originaria dell’America settentrionale. Conta almeno una decina di specie di erbacee perenni n...
Insetti dannosi: la metcalfa pruinosa
La Metcalfa pruinosa è un insetto Omottero; appartiene alla famiglia dei Flatidi. In Europa esistono solo pochissime rare specie appartenenti a questa...
Illuminare il giardino: molteplici soluzioni in grado di soddisfare qualsiasi esigenza
E’ necessaria la redazione di un vero e proprio progetto quando si decide di illuminare gli spazi esterni. Come per la realizzazione di qualsiasi altr...
Resistono alle basse temperature: coltiviamo le Rose rugose o di montagna
Le rose contano un enorme numero di specie, varietà, ed esemplari differenti. Esiste un piccolo gruppo, quello delle rose rugose, decisamente di nicch...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!