Gli insetti infestanti primaverili: la Metcalfa

Attenzione agli insetti infestanti primaverili

Col periodo primaverile oltre alla ripresa vegetativa della maggior parte delle piante potrebbero comparire fastidiosi infestanti.

Di seguito alcune informazioni su un infestante in particolare che colpisce giardino, terrazzo, casa e orto: la Metcalfa.

La Metcalfa

La metcafa viene anche chiamata farfalla salterina.

insetti infestanti Metcalfa

Metcalfa

Nonostante il nome non ha nulla a che fare con le farfalle, infatti con le ali chiuse questo insetto ricorda vagamente la forma delle farfalle.

A sottolineare il fatto che non appartenga alla famiglia delle farfalle ciò è supportato anche dal fatto che questo insetto praticamente non vola, anzi si limita semplicemente a saltellare da un ramo all’altro.

Originaria dell’America è arrivata in Italia verso gli anni ’90; si diffonde rapidamente su vaste aree. Quando è arrivata in Italia si è diffusa su rose e rosai,colonizzando molto velocemente e devastando sia alberi che siepi.

Ultimamente lo sviluppo di questo parassita delle piante si è un po’ fermato, diminuendo la sua azione distruttiva.

L’apparato boccale della metcalfa è sia pungente che succhiatore; il parassita procede pungendo i tessuti vegetali e successivamente succhiando la linfa.

Soprattutto sulle piante erbacee annuali il danno provocato può essere piuttosto grave, infatti può arrivare a determinare l’arresto della crescita fino al danneggiamento dei germogli.

Inoltre il danno estetico è piuttosto rilevante. Questo parassita infatti produce una sostanza biancastra, cerosa e piuttosto appiccicosa, che ricoprirà tutta la pianta.

Con climi particolarmente miti e umidi già a fine aprile la metcalfa inizia ad infestare, anche se la sua vita è piuttosto breve, circa  7 – 10 giorni, me ne prolificano più generazioni.

Con i primi freddi, in concomitanza con l’inizio dell’autunno, questi insetti spariscono, lasciando sulle piante le uova e le relative larve.

Cosa fare contro la metcalfa

Per arginare il problema su rosai e arbusti colpiti da questi parassiti si potranno eliminare le secrezioni utilizzando getti d’acqua corrente.

Se le piante sono in fioritura si dovrà evitare.

L’utilizzo di getti d’acqua è particolarmente utile per le siepi folte, dove i parassiti sono più difficili da eliminare.

Utilizzando una base di si debellerà il parassita con maggiore efficacia.

Questa andrà somministrata ogni 7 – 10 giorni fino a quando l’insetto non sarà scomparso.

I parassiti delle piante: un rapido elenco dei più comuni
Ci sono molti infestanti che possono essere la causa di problemi per i vostri giardini e le vostre piante. Alcuni di questi attaccano un’intera gamma ...
Innestare le piante per renderle resistenti e produttive
L’innesto è un metodo di moltiplicazione delle piante che prevede l’unione di porzioni di piante diverse in modo da costituire un unico individuo....
Cosa fare ad Agosto nell’orto e nel frutteto
Nel mese di Agosto nell’orto e nel frutteto è il momento giusto per vangare le aiuole e prepararle alle nuove semine. Nel frutteto invece sarà opportu...
Le piante giuste per le situazioni più difficili
Esistono svariate situazioni che possono rendere particolarmente complicata la coltivazione di alcune piante. A seconda di queste differenti situazion...
Pensare per tempo alle varietà primaverili: la pianta di pesco
L’origine del nome di questa pianta ne fissa la terra d’origine il Persia, ma l’origine effettiva del pesco è da ricercarsi in Cina, dove effettivamen...
Approfittiamo dell'inverno per progettare l’orto
E’ proprio il periodo invernale il migliore per decidere come andrà sistemato l’orto nei prossimi mesi. Dotati di cara e penna possiamo ricreare gli s...
Ortiere e kit orto, tutto ciò che serve per coltivare l'orto sul terrazzo
Il fenomeno dell'orto sul terrazzo In città si assiste sempre più spesso al fenomeno sociale degli orti a km.0 che rappresenta la rivoluzionaria nece...
Il complesso mondo delle piante grasse
Siamo abituati a definire tutta una serie di esemplari come “piante grasse”. Va precisato che tale definizione è impropria dal punto di vista botanico...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.