Gli insetti infestanti primaverili: la Metcalfa

Attenzione agli insetti infestanti primaverili

Col periodo primaverile oltre alla ripresa vegetativa della maggior parte delle piante potrebbero comparire fastidiosi infestanti.

Di seguito alcune informazioni su un infestante in particolare che colpisce giardino, terrazzo, casa e orto: la Metcalfa.

La Metcalfa

La metcafa viene anche chiamata farfalla salterina.

insetti infestanti Metcalfa

Metcalfa

Nonostante il nome non ha nulla a che fare con le farfalle, infatti con le ali chiuse questo insetto ricorda vagamente la forma delle farfalle.

A sottolineare il fatto che non appartenga alla famiglia delle farfalle ciò è supportato anche dal fatto che questo insetto praticamente non vola, anzi si limita semplicemente a saltellare da un ramo all’altro.

Originaria dell’America è arrivata in Italia verso gli anni ’90; si diffonde rapidamente su vaste aree. Quando è arrivata in Italia si è diffusa su rose e rosai,colonizzando molto velocemente e devastando sia alberi che siepi.

Ultimamente lo sviluppo di questo parassita delle piante si è un po’ fermato, diminuendo la sua azione distruttiva.

L’apparato boccale della metcalfa è sia pungente che succhiatore; il parassita procede pungendo i tessuti vegetali e successivamente succhiando la linfa.

Soprattutto sulle piante erbacee annuali il danno provocato può essere piuttosto grave, infatti può arrivare a determinare l’arresto della crescita fino al danneggiamento dei germogli.

Inoltre il danno estetico è piuttosto rilevante. Questo parassita infatti produce una sostanza biancastra, cerosa e piuttosto appiccicosa, che ricoprirà tutta la pianta.

Con climi particolarmente miti e umidi già a fine aprile la metcalfa inizia ad infestare, anche se la sua vita è piuttosto breve, circa  7 – 10 giorni, me ne prolificano più generazioni.

Con i primi freddi, in concomitanza con l’inizio dell’autunno, questi insetti spariscono, lasciando sulle piante le uova e le relative larve.

Cosa fare contro la metcalfa

Per arginare il problema su rosai e arbusti colpiti da questi parassiti si potranno eliminare le secrezioni utilizzando getti d’acqua corrente.

Se le piante sono in fioritura si dovrà evitare.

L’utilizzo di getti d’acqua è particolarmente utile per le siepi folte, dove i parassiti sono più difficili da eliminare.

Utilizzando una base di si debellerà il parassita con maggiore efficacia.

Questa andrà somministrata ogni 7 – 10 giorni fino a quando l’insetto non sarà scomparso.

La Scelta dei Rampicanti nel giardino:Glicine,Passiflora, Buganvillea,Edera,Vite Canadese
Come scegliere le piante  rampiacanti Le piante rampicanti possono trovare un valido impiego nella decorazione del giardino, abbellendo la faccia...
Il giardino in Aprile: scegliere i colori dei fiori delle piante perenni
Aprile è il mese migliore per dar vita alle nuove aiuole di piante perenni. Le fioriture sono differenti ed è importante decidere gli accostamenti cro...
Concimazione e fertilizzazione delle piante: consigli utili
Spesso le piante vengono coltivate in terreni non abbastanza buoni o non del tutto adatti alla loro crescita; ciò avviene per esempio nei vasi, fiorie...
Risparmiare con un tetto verde
I tetti verdi sono delle ottime soluzioni sia per edifici esistenti che per nuove edificazioni. Si tratta di soluzioni costruttive di grande valore es...
Curare le piante in vaso, prevenire i danni peggiori
Anche per le piante in vaso l’estate risulta un periodo difficile da sostenere, in particolare il mese di agosto, quando normalmente si raggiungono le...
Proboscidea Louisianica: una pianta quasi carnivora
Si chiama Proboscidea Louisianica, o lusitanica, non si può definire una vera e propria pianta carnivora. Agisce catturando piccoli insetti con facili...
Tutto sul porro: dalla semina alla raccolta
Il porro è un ortaggio appartenente alla famiglia delle Liliacee, stretto parente sia del giglio che della cipolla, ha da sempre un posto d’onore all’...
Pensare per tempo alle varietà primaverili: la pianta di pesco
L’origine del nome di questa pianta ne fissa la terra d’origine il Persia, ma l’origine effettiva del pesco è da ricercarsi in Cina, dove effettivamen...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.