Al mare o in montagna: curare il giardino e l’orto ad Aprile

Nel mese di Aprile, con l’arrivo della primavera e di un clima più mite, ci sono molti lavori da fare in giardino e nell’orto che variano a seconda della zona in cui ci troviamo.

Montagne e clima rigido

Calendula

Calendula

Quando ci si trova in presenza di un clima particolarmente fresco è solo nel mese di aprile che si possono cominciare le attività. Nell’ultima parte del mese si può passare alla semina di fagioli, spinaci e lattughe estive.

In substrato leggero e lavorato, con l’aggiunta di sabbia per ottenere un ottimo drenaggio, si possono mettere a dimora le piante aromatiche.

Sul balcone è arrivato il momento di preparare le fioriere che conterranno gerani, petunie, calendule e tutta una serie di fiori estivi. Queste piante sono molto sensibili al freddo, è necessario essere sicuri che non ci saranno più gelate; nel caso ritardate un po’ gli spostamenti.

Dafne

Dafne

Se avete un giardino roccioso è il momento giusto per collocare nuove piante di conifere, magari insolite e dal fogliame particolare, queste si accorderanno alla perfezione con la maggior parte delle graminacee ornamentali e rustiche.

Al mare o dove il clima è mite

Dove il clima è particolarmente mite nel mese di aprile alcune piante ornamentali di tipo rampicante, come per esempio glicine e bignonia, sono già in piena fase di sviluppo vegetativo.

Bignonia

Bignonia

Il loro sviluppo va comunque tenuto sotto controllo: sarà opportuno tagliare i rami eccessivamente vigorosi; così facendo si stimolerà lo sviluppo di nuovi rami laterali da far crescere lungo la struttura di supporto.

In più si consiglia di fare una pacciamatura o di terriccio e foglie o di compost, questa operazione non solo arricchirà il terreno, ma sarà utile per preservare le radici dai periodi di siccità estivi.

Peperoncini

Peperoncini

Se il clima è caldo e si aggira già fra i 18° – 20° C si possono già seminare e mettere a dimora gli ortaggi che preferiscono queste temperature: zucchine, zucche, melanzane pomodori, peperoni, peperoncini piccanti, fagioli, meloni retati e d’inverno e molti altri.
Le piante in vaso e in aiuola necessitano di acqua proprio in questo periodo, non fategliene mai mancare, soprattutto se il clima è ventilato e tendente alla siccità.

Usate stallatico maturo per concimare sia alberi, che arbusti che siepi.

L’orto e il frutteto nel mese di Maggio
Di seguito verranno elencate le principali attività da svolgee nell'orto e nel frutteto durante il mese di maggio.
Coltivazione delle rose rampicanti
Maggio è il mese delle rose e sono in molti quelli che decidono di avere in casa o nel proprio giardino un roseto da ammirare e odorare. Un tipo di...
Coltivazione, conservazione e proprietà dell’Acetosella
L’Acetosella appartiene alla famiglia delle Ossalidacee. Si tratta di una pianta erbacea perenne. Dal rizoma di modeste dimensioni crescono steli lung...
Il Ginkgo e le sue foglie a ventaglio
Il Ginkgo, nella sua varietà più nota “biloba”, è un albero dalle fattezze maestose e svettanti. E’ molto facile trovarlo all’interno dei giardini pu...
Cambio di stagione: arriva l’autunno in giardino
Nonostante l’ondata di caldo, da alcuni definita anomala, che sta investendo parte dell’Italia in questo inizio ottobre, è ormai giunto il momento di ...
Fioriture invernali che sfidano il freddo
Quando si pensa all’inverno e ad un giardino invernale la prima immagine che viene in mente è quella di una landa desolata, magari invasa da neve. Non...
Il prato in inverno: la neve
Da sempre consideriamo i ristagni come i nemici maggiori di qualsiasi pianta, quindi anche dei prati. Seguendo questo ragionamento è facile supporre c...
Coltivare in inverno nell'orto: la bietola
La bietola, Beta Vulgaris, è un ortaggio molto antico. Appartiene alla famiglia delle Chenopodiaceae ed è molto utilizzata in cucina per insalate e pe...


Un commento di Al mare o in montagna: curare il giardino e l’orto ad Aprile

  1. Giorgio

    28 gennaio 2013 at 15:38

    Se posso rendere pubblica la mia esperienza, a mie spese, anzi, a spese della pianta: avevo piantato una bellissima bognonia al mare, ad aprile ha avuto una prima “pelata” delle foglie con una ventata di salsedine, ma si era ripresa, invece a fine luglio, in piena fioritura, un’altra burrascata salmastra l’ha seccata definitivamente…
    Deduzione: le bignonie, pur rustiche, non resistono alla salsedine ed al vento della costa romagnola. Giorgio

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.