Al mare o in montagna: curare il giardino e l’orto in giugno

In montagna con il clima rigido

Lillà

Lillà

Aspettate fino a fine mese per portare fuori le piante d’appartamento e collocarle all’ombra. Anche le succulente possono essere portate all’aperto a fine mese, ma vanno messe al sole. E’ comunque importante fare attenzione alle nottate particolarmente fredde: in caso di burrasche primaverili, o di abbassamento della temperatura fino ai 13 – 14°C, utilizzate un telo di non tessuto per proteggere le piante dall’escursione termica.

Con l’alzarsi della temperatura giunge il momento di trapiantare gli ortaggi estivi. Consigliamo di acquistare piantine già germogliate, piuttosto che praticare la semina, si otterranno esemplari più resistenti agli sbalzi climatici.

Si devono potare lillà e forsizie, in maniera tale da consentire il rinnovamento dei rami che regaleranno abbondanti fioriture la primavera prossima.

Anche nei territori di montagna si devono concimare i rosai. Utilizzate un prodotto in granuli dall’effetto immediato, in più vanno sempre tenute sotto controllo le gemme per escludere attacchi di afidi.

Al mare con il clima mite

Le piante vanno irrigate in maniera abbondante per tutto il mese di giugno; il terreno ha la necessità di essere mantenuto fresco nella fase

Graminacee ornamentali

Graminacee ornamentali

importante dello sviluppo. Con l’arrivo del caldo sarà opportuno diminuire le innaffiature, le piante entreranno infatti nella fase di riposo estivo.

Fino ad inizio mese è ancora possibile piantare delle bordature di graminacee ornamentali, utilizzando piante acquistate in vaso. Per il primo anno è opportuno irrigare in abbondanza. Passata questa prima fase più delicata saranno in grado di resistere bene a periodi di siccità.

E’ importante non lasciare il terreno privo di vegetazione: l’intervento del sole e la salinità potrebbero renderlo del tutto sterile. Se manca qualsiasi tipo di coltivazione suggeriamo di spargere qualche manciata di miscuglio di semi per prato fiorito, specifici per climi miti. Basterà anche solo un po’ d’erba per scongiurarne la sterilità.

Oleandro: ideale per i climi miti

Oleandro

Oleandro

L’oleandro è una pianta ottima per i climi miti ed è in grado di regalare una stupenda fioritura anche in vaso.

Se decidete di coltivare questa pianta in vaso scegliete un contenitore molto grande e profondo, quelli utilizzati abitualmente per gli agrumi andranno bene. Solo con un vaso di questo tipo si otterrà una chioma dalle dimensioni e dalle fattezze adeguate.

Questa pianta necessita e sopporta bene ripetute potature: servono per conservare le dimensioni dei rami entro certi limiti e sono utili per mantenere una forma compatta della pianta.

Lantana: tanti colori a qualsiasi latitudine

La Lantana (lantana camara) è una di quelle piante in grado di crescere bene a qualsiasi latitudine, sia sulle coste della Sicilia che sui balconi delle Alpi.

Lantana

Lantana

Una delle caratteristiche più spettacolari di questa pianta è che i fiori riescono a cambiare colore durante la crescita della pianta stessa.

I colori (bianco, giallo, arancio, rosso, viola) non sono vincolanti per tutto il periodi di vita dell’esemplare.

Potrà quindi capitare che la pianta abbia infiorescenze tutte di colore giallo o colore viola, oppure si può avere un’alternanza dei due colori insieme.

Poi con la maturazione possono mutare e diventare o tutte gialle o tutte viola.

Orto urbano: una risposta agli OGM arriva dal coltivare orti cittadini
Nell'articolo viene suggerito come risposta agli ortaggi geneticamente modificati quelli di autoproduzione coltivabili nel proprio orto. Orto che può ...
Piante ornamentali in giardino e colori d'autunno
Che la natura sia affascinante è indiscutibile. Che in autunno, più che mai, gli effetti cromatici delle foglie rossastre, nelle loro varie sfumature,...
L'ORTO d'appartamento
Se si abita in città spesso diventa difficile riuscire a realizzare il proprio orticello. La mancanza di giardini privati disponibili e le case...
Le primule: coltivazione e moltiplicazione
Le primule sono piante perenni molto rustiche, dalle corolle colorate. Ci regalano la loro fioritura in primavera, sono adatte per una coltivazione al...
Un’antica pianta insetticida: Neem
Questa pianta viene utilizzata dagli agricoltori indiani da circa tremila anni. Si tratta di un albero a crescita spontanea presente in tutto il paese...
Il prato in inverno: la neve
Da sempre consideriamo i ristagni come i nemici maggiori di qualsiasi pianta, quindi anche dei prati. Seguendo questo ragionamento è facile supporre c...
L'orchidea in un viaggio che dura 3000 anni al castello di Pralormo
Abbiamo già parlato in un precedente articolo di MESSER TULIPANO, evento botanico nel quale ogni primavera si possono ammirare oltre 75.000 tulipa...
Coltivare l'orto in città: corsi, spunti e idee al Castello di Pralormo
Come vi abbiamo già segnalato in altri nostri articoli presso il Castello medievale di Pralormo, To, si terrà dal 31 Marzo al 1 Maggio 2012 MESSER TUL...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!