La mimosa, una pianta australiana integrata nel giardino mediterraneo

L’ Acacia dealbata, comunemente detta mimosa, è una pianta appartenente alla famiglia delle Leguminose, proveniente dalle zone tropicali e sub-tropicali. In particolare questa pianta è originaria dell’Australia, dove è considerata uno dei simboli della nazione.

In Italia la mimosa si è acclimatata bene nei climi temperati del centro-sud e anche sulle coste dei grandi laghi del nord, dove il clima mite è favorevole al suo sviluppo e ne consente un’abbondante fioritura.

La mimosa viene coltivata sia per la produzione di fronde fiorite, che per la decorazione dei giardini e la formazione di alberate.

Caratteri botanici delle mimose

mimosa  pianta

La mimosa è caratterizzata da un'abbondante fioritura, che la rende molto apprezzata dal punto di vista ornamentale

Le mimose possono raggiungere dimensioni di 30 metri nelle aree di origine, mentre si attestano sui 10 metri alle nostre latitudini. Queste piante sono caratterizzate da un apparato radicale molto forte e sviluppato, tanto da essere indicate per stabilizzare suoli franosi. Le foglie hanno la peculiare caratteristiche di racchiudersi in se stesse se sfiorate. I fiori sono numerosi, piccoli e sferici, del caratteristico colore giallo oro. La fioritura avviene da metà gennaio fino a fine marzo.

Esigenze di clima e terreno

Il genere Acacia si adatta bene al clima mediterraneo, gradisce il pieno sole. La principale avversità sono le gelate invernali. Pertanto nelle zone più fredde si può consigliare di coltivare la mimosa in serra.

Dal punto di vista pedologico la mimosa predilige i terreni acidi (pH 6-6,8) con buona struttura. L’umidità deve essere elevata ma non eccessiva; la presenza di sostanza organica porta notevoli benefici, per cui è consigliabile somministrare una concimazione organica una volta l’anno.

Sui terreni calcarei la mimosa soffre di clorosi, ovvero ingiallimenti delle foglie, ed è pertanto opportuno utilizzare un portainnesto resistente, come l’Acacia retinodes.

Propagazione

giardino mediterraneo

La mimosa viene coltivata per la bellezza delle sue fronde fiorite color giallo oro

Le piantine vanno in genere messe a dimora durante l’inverno. Nelle serre è opportuno mantenere la temperatura ben al di sopra degli zero gradi. Ogni due anni è opportuno rinvasare la piantina in vasi di 15-10cm. Il substrato di coltura in vaso è costituito da 40% torba bianca, 40% pomice e 20% torba bruna. Per la propagazione si possono usare talee di 8-10cm distaccando porzioni di rametti muniti di ramo portante. Per facilitare l’emissione delle radici, le talee vengono poste su un substrato mantenuto a temperatura di 16-18 gradi. Può anche usarsi la propagazione per seme, ponendo prima i semi in acqua calda per 48 ore prima della semina che può essere effettuata in aprile.

Cure per la pianta di mimosa

Importante è l’irrigazione, effettuate in modo localizzato ed associata alla fertilizzazione, in particolare oltre ad azoto, fosforo e potassio è importante non fare mancare il ferro.

Nei primi anni dopo l’impianto le piantine si avvantaggiano della concimazione con letame maturo o altri concimi organici.

La potatura deve essere effettuata dopo la fioritura o all’inizio del periodo vegetativo e conferisce alla pianta un aspetto più ordinato oltre ad una maggiore brillantezza dei fiori.

Gli insetti che possono infestare la mimosa sono la psilla e la cocciniglia cotonosa (Icerya purchasi).

Il giardino mediterraneo
La nascita del giardino ha storicamente la funzione di creare un ambiente esteticamente gradevole alla vista e che possa rinfrescare lo spirito avvici...
La Viola: una pianta ideale per aiuole e bordure
Le viole sono ricomprese tra le piante biennali più comuni. Ne esistono circa 500 specie. Queste piante sono utilizzate per dar vita ad aiuole, giardi...
Contro le zanzare scegliamo le piante giuste
Con l’aumentare dell’umidità, soprattutto nelle ore più fresche delle giornate estive, quando si potrebbe godere di un po’ di meritato riposo, qualche...
Composizioni con le PIANTE ACQUATICHE
Per cambiare un po', soprattutto se si vuole avere un angolo del proprio giardino o del proprio balcone particolare, con un non so' che di esotico, si...
Le particolarità dell’Hibiscus moscheutos o Ibisco d’acqua
L’Hibiscus moscheutos nei vecchi testi si classifica come Hibiscus palustris ed è comunemente noto come Ibisco d’Acqua. Ama i terreni umidi ma non co...
Cosa fare durante il mese di Agosto in giardino
Agosto è il mese principale della stagione calda. Anche in giardino ci sono molte cose da fare per mantenerlo nelle migliori condizioni. Per esempio è...
Coltivare sul balcone e sul terrazzo: la propagazione per talea dei gerani
Durante il mese di agosto è il periodo giusto per propagare molte piante d’appartamento. Sarà opportuno procedere moltiplicando solo le piante che si ...
La potatura dell’edera: come contenerne la crescita per regolare la forma
L’edera è una pianta di tipo sempreverde, rustica, rampicante, dall’aspetto cespuglioso molto comune, tra le poche provenienti anche dal continente Eu...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!