Modellare le piante con la potatura

Le piante coltivate per scopi ornamentali possono avere due tipi di conformazione della chioma: naturale o modificata.

La conformazione modificata della parte aerea della pianta viene ottenuta attraverso interventi di potatura.

La potatura è uno strumento fondamentale per regolare la struttura e l’habitus della pianta stessa.

La potatura delle piante ornamentali

potatura pianteNel caso delle piante ornamentali del giardino, la potatura consiste in una serie di operazioni effettuate con il taglio o con l’utilizzo di fitoregolatori, che permette di modificare la pianta per ottenere il massimo effetto decorativo.

Gli obbiettivi della potatura sono:

  1. Stimolare o ritardare il ritmo di sviluppo della pianta.
  2. Esaltare determinati caratteri di interesse ornamentale, con particolare riferimento alla forma della chioma.

Tipi di potatura

La potatura di formazione deve essere eseguita dal vivaio fino ai primi anni in cui la pianta è stata messa a dimora. La potatura delle piante ornamentali prevede in questa prima fase, delle operazioni di taglio che mirano a strutturare la pianta e a determinare la sua forma di allevamento.

E’ importante che con la potatura di formazione si raggiunga l’obbiettivo di dare alle giovani piante la forma ottimale per lo sfruttamento razionale dello spazio e della luce.

potare piante frutto

Piante da frutto come il ciliegio richiedono potature limitate

Nel caso delle piante da frutto la potatura di produzione mira a favorire lo sviluppo dei rami che portano fiori e frutti e ad instaurare un giusto equilibrio tra attività vegetativa e di fruttificazione.

La potatura di ringiovanimento infine mira appunto a rinnovare piante ormai senescenti attraverso drastici interventi di taglio nei riguardi della chioma al fine di ottenere nuovi getti che nel tempo possano sostituire le branche ormai vecchie.

In genere sono da sconsigliare le potature eccessive, o capitozzature, che possono causare oltre a un risultato estetico poco gradevole, una maggiore suscettibilità della pianta alle malattie (dalle ferite possono entrare patogeni) o persino la morte della pianta stessa.

Va inoltre sempre tenuto conto del tipo di pianta e delle sue caratteristiche: alcune piante richiedono interventi di potatura annuali e drastici come la vite. Altre piante da frutto o da fiore come pesco, ciliegio, albicocco, ortensia e azalea richiedono interventi limitati perché producono molti fiori e frutti nei rami vecchi.

Quando potare?

Nel caso delle piante a foglia caduca si distinguono potature invernali e potatura verde.

La potatura invernale viene effettuata quando la pianta è in riposo vegetativo (potatura secca).

La potatura verde viene invece effettuata nel periodo primaverile – estivo, dopo che pianta ha ripreso la sua attività vegetativa, in genere per contenere lo sviluppo della pianta stessa.

potatura rosa

La rosa può essere potata a novembre o in febbraio

Nel caso delle piante sempreverdi si consiglia di potare quando è minimo il rischio di gelate primaverili, che ucciderebbero i nuovi teneri germogli.

Il periodo di potatura va anche scelto in funzione dei nostri obbiettivi, la rosa ad esempio può essere potata a novembre o in febbraio. Nel primo caso si otterrà una buona cicatrizzazione dei tagli, nel secondo si potranno scegliere i rami migliori dopo le gelate invernali.

Conclusioni sulla potatura

Gli interventi di potatura determinano sempre una reazione da parte della pianta con produzione di nuovi getti. Tanto più energici sono questi interventi tanto più la pianta reagirà aumentando il numero dei nuovi germogli. Tuttavia le potature eccessive possono portare la pianta a squilibri innaturali. E’quindi consigliabile, ove possibile effettuare interventi di taglio leggeri.

Infine è importante sottolineare che nella progettazione del giardino si deve tenere conto della futura occupazione di spazio dell’albero, al fine di evitare espianti o estremi e costosi interventi di potatura.

VASI per balconi e ambienti interni ecologici
Progettare un balcone fiorito o un interno con piante e fiori, non deve essere per forza banale. Anche in questi casi un tocco di originalità non g...
La Viola: una pianta ideale per aiuole e bordure
Le viole sono ricomprese tra le piante biennali più comuni. Ne esistono circa 500 specie. Queste piante sono utilizzate per dar vita ad aiuole, giardi...
Le parti del fiore
I fiori, tra tutte le parti che compongono la pianta, hanno la funzione più importante, cioè quella di preservare la specie e di garantirne la moltipl...
Il giardino in primavera riprende vita: le aiuole
Prima dell’arrivo della bella stagione è fondamentale lavorare e arieggiare lo strato superficiale di terreno, andrà inoltre arricchito di concime e f...
Coltivazione, conservazione e proprietà dell’Acetosella
L’Acetosella appartiene alla famiglia delle Ossalidacee. Si tratta di una pianta erbacea perenne. Dal rizoma di modeste dimensioni crescono steli lung...
La Polygala myrtifolia o Poligala a foglie di mirto: una pianta esotica integrata nel giardino medi...
La Polygala myrtifolia o Poligala a foglie di mitro è un arbusto sempreverde originario del Sud Africa, appartenente alla famiglia delle Polygalac...
La luna di ottobre 2011
Mentre l’autunno tinge la natura di colori caldi, le piante si preparano al tanto atteso riposo vegetativo. E’ necessario fin da ora preparare sia fio...
Piante particolari che divertono, piante educative
Normalmente si apprezzano le piante per il loro valore decorativo, ne esistono però alcune che non sono particolarmente belle ma possono essere un imp...


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.