L’ ORCHIDEA: scegli quella che fa’ per te

Esistono più di 35.000 specie di orchidee nel mondo, che vengono altrettanto suddivise in 700 generi differenti.

Solitamente nei maggiori centri commerciali, si è soliti avere a che fare con la classica orchidea PHALENOPSIS, in realtà nei vivai più riforniti è possibile trovare dei generi rari di orchidea, in molti casi di semplice coltivazione.

Quando si decide di avere in casa un’orchidea, è necessario essere a conoscenza di alcune particolarità specifiche della pianta e del suo fiore.

Caratteristiche principali della pianta

Per prima cosa è necessario sapere che l’orchidea è una pianta epifita, il che vuol dire che è solita vivere sugli alberi e non piantata al suolo.

Inoltre preferisce gli ambienti con umidità elevata, ma a temperatura costante.

Esistono comunque alcune specie di tipologia terricola; si riconoscono perché hanno un apparato radicale molto sviluppato.

Questi tipi di orchidea sono soliti vivere in climi temperati e le orchidee più rappresentative sono le PAPHIOPEDILIUM.

In ogni caso le radici delle orchidee sono molto resistenti agli agenti atmosferici, riuscendo a vivere anche fuori terra, all’aria.

orchidea Habenaria radiata

Habenaria radiata

L’importante è che siano sempre protette dai licheni, dai muschi o da piccoli pezzetti di corteccia staccata.

Se ci pensate, quando acquistate l’orchidea già invasata, nella parte superiore, avete sempre trovato questa protezione.

Altra cosa che caratterizza l’orchidea, è il feltro protettivo che le permette di assorbire sempre la giusta quantità di rugiada necessaria per farla vivere.

Quindi, a seguito di ciò, per avere una bella orchidea in casa, bisogna cercare, il più possibile, di mantenere il suo habitat intatto, garantendole la protezione e il grado di umidità che le occorre.

Curiosità

Quando acquisterete la vostra orchidea la troaverate già all’interno di un vaso.

Beh, sappiate che la pianta può resistere in questo vaso per almeno un anno, dopodiché dovrà cambiare sede.

orchidea Impatiens tinctoria

Impatiens tinctoria

Acqua  necessaria

E’ importante valutare la quantità di acqua necessaria per farla continuare a vivere.

Le orchidee sono piante solite vivere in ambienti pluviali.

Il che vuol dire che le sue radici sono abituate a ricevere acqua, e per equilibrare questa continua affluenza, la radice si secca in fretta, e quindi, necessitano di acqua e in appartamento questo le deve essere garantito. Ovviamente senza esagerare, perché l’esagerazione provocherebbe marcescenze.

L’acqua più adatta è quella demineralizzata piovana.

L’ideale è bagnarla una volta a settimana. Basta immergerla nell’acqua a temperatura ambiente per circa 30 minuti e poi la si può rimettere nel vaso.

orchidea Epipactis purpurata

Epipactis purpurata

Potete poi bagnare le foglie, ma attenzione ai ristagni. L’ eccesso di acqua la mette a rischio vitale.

Pulizia

Spolveratela delicatamente una volta a settimana. Inoltre idratate con una spugna umida le foglie, sempre attraverso una metodologia basata sulla delicatezza. In questo modo l’orchidea manterrà sempre un aspetto giovane.

Rinvaso

Solo una piccola accortezza. Quando fate il rinvaso, cercate di non rompere le radici.

Tagliate quelle morte, ma fate attenzione a quelle vive. Sono delicate e devono essere curate.

Quando la mettete in un vaso nuovo, cambiatele la protezione, quindi nuova corteccia e nuovo muschio.

Fertilizzante

La fertilizzazione è un aspetto delicato. Cercate un prodotto specifico per piante epifite che sia a titoli bassi.

Se scegliete il fertilizzante sbagliato, sappiate che state mettendo a rischio la vita dell’orchidea.

Luce

La luce è un elemento importante per la giusta crescita dell’orchidea.

orchidea phalaenopsis

orchidea phalaenopsis

Non deve mai essere diretta, ma deve comunque essere abbondante. La luce deve essere diffusa e costante, quindi l’ideale è posizionarla sul fronte Sud della propria casa.

Queste sono le principali cose da sapere quando si decide di avere in casa un’orchidea.

Come ho detto all’inizio, le varietà di orchidee sono molte, ma le cure base sono sempre le stesse.

Se vi posso dare un consiglio, andate alla ricerca di quella che più vi appartiene, quella che vi trasmette delle sensazione emotive in più.

Io ho cercato di inserire alcune immagini che vi mostrano un po’ di esempi, in modo tale da darvi già un’idea di quello che la natura è in grado offrirvi.

Se poi ne trovate altre in giro per vivai o centri specializzati, dovete solo decidere quella che ritenete essere la più adatta a voi.

Piante d’appartamento: come coltivarle durante tutto l’anno
Nei nostri appartamenti non sempre si creano le condizioni ottimali per la crescita e la sopravvivenza in salute delle piante. Esistono però delle bu...
La teoria dei colori per creare il giardino
Oltre ad una pianificazione attenta, per realizzare un giardino ben progettato, è necessaria l’abilità che si acquisisce col tempo. Se siete all’inizi...
Piante rampicanti perenni e annuali in vaso
Esiste un gran numero di piante rampicanti che possono essere coltivate anche in vaso, anche se ovviamente non è per tutte così. Anche se coltivate i...
Creare una porta nel verde con le rampicanti ispirandosi ai Giardini Hanbury
Passeggiando nei parchi la nostra attenzione può essere facilmente catturata da angoli dalle atmosfere e dal fascino particolare. Sarebbe bello riusci...
Scegliere il Platano per valorizzare parchi e giardini
Il Platanus Orientalis, cioè quello nostrano, grazie alla particolare corteccia dalla colorazione cangiante, ha un grande valore ornamentale. In più s...
Coltivare le piante tropicali: le serre
La coltivazione delle piante tropicali è imprescindibile da caratteristiche climatiche ben precise. Di sicuro la temperatura è l’elemento più importan...
Piante da appartamento: quando le piante diventano arredamento
Le piante in casa sono parte integrante dell’arredamento, sia che si tratti di una miriade di vasetti che si tratti di un unico, ed imponente, esempla...
Come curare i bonsai in inverno
Per prima cosa è necessario spendere alcune parole per spiegare cosa sono i Bonsai. Il termine bonsai ha origine da due ideogrammi giapponesi: il prim...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!