L’orto sul balcone: coltivare le fragole

Anche se la primavera sta davvero tardando quest’anno possiamo sempre attrezzare il nostro balcone o terrazzo in attesa dell’arrivo dei primi caldi. Perché non provare a coltivare le fragole?

Naturalmente ci sono molti vantaggi nel decidere di coltivare queste piante per conto proprio.

Per prima cosa pensate a quante volte vi è capitato di andare al mercato, o più facilmente al supermercato, aver acquistato – con tanto gusto (e spesso sborsando una buona cifra) – un bel cestino di fragole che una volta tornati a casa non sapeva proprio di nulla.

Ancora peggio: vi sarà sicuramente capitato che questo cestino di fragole, anche se conservato con la cura necessaria, si presentasse dopo poche ore già completamente ammuffito.

Ecco coltivare le fragole in autonomia è piuttosto semplice, oltre all’enorme soddisfazione di far crescere qualcosa con le proprie mani di sicuro non va tralasciato il risparmio che tale operazione provoca.

E poi di sicuro gli amici vi invidieranno il vostro personalissimo, e profumatissimo, angolo di bella stagione.

Coltivare le fragole con semplicità

Naturalmente esistono molte tipologie differenti di fragole. Fra le più gustose ci sono senza dubbio le “Mara des Bois” dal gusto simile a quello delle fragoline di bosco ma di dimensione più grande, oppure potete optare per le classiche “Gariguette” dalla tipica forma a punta.

Se non sapete decidere vi consigliamo di rivolgervi ad un garden center specializzato sicuramente sapranno indicarvi la tipologia più adatta alle vostre esigenze (e capacità) di coltivazione.

Fragole in fiore

Fragole in fiore

Acquistando piantine di fragole potrebbe capitare che queste si trovino nei tipici contenitori “a sospensione”, questo perche sono piante in grado di crescere con facilità nei cestini appesi grazie alle loro radici poco profonde. E’ però necessario nutrirle con frequenza utilizzando del fertilizzante specifico, in alternativa andrà bene quello normalmente utilizzato per i pomodori.

Se non avete la possibilità di coltivare le fragole “sospese”, o preferite coltivarle in piena terra, vi suggeriamo di posizionarle sotto alberi da frutto o altre piante larghe.

Per quanto riguarda il periodo giusto per la coltivazione di queste belle piante vi premettiamo che è possibile scegliere diversi periodi nell’arco dell’anno. A fine estate è possibile trovare le varietà a radice nuda che daranno frutti l’estate successiva. E’ possibile procedere anche con l’acquisto di stoloni durante la primavera: la particolarità in questo caso consiste nel fatto che gli stoloni sono conservati a temperature più basse, in modo tale da “illudere” la pianta e stimolare la produzione di frutti. In questo caso si otterrà una maturazione completa nei mesi estivi.

Pianta di fragole da balcone

Pianta di fragole da balcone

Naturalmente a partire dall’inizio della primavera è possibile reperire con semplicità piante di fragole vendute in vasetti sia nei garden center che nei normali supermercati.

Una volta in possesso della vostra piantina di fragole controllate che la calotta, punto dal quale spuntano le foglie nuove, non sia coperta di terriccio ma semplicemente appoggiata alla superficie del terreno. Questa deve rimanere libera, poiché se coperta è facile incorrere in fenomeni di marcescenza.

Anche se le fragole si trovano in un vaso di piccole dimensioni non preoccupatevi, sarà necessario spostarle solo dopo circa due anni. Da una pianta di fragole potete con facilità ottenerne altre utilizzando gli stoloni collocati all’estremità degli steli: piantateli e dopo poco tempo attecchiranno e svilupperanno il proprio apparato radicale.

A fine estate le foglie ingialliranno completamente, vi consigliamo quindi di tagliare la pianta fino a 10 centimetri al di sopra della calotta, in questo modo sarà pronta per l’anno prossimo.

Problemi e soluzioni

Naturalmente la speranza è quella che le nostre piante rimangano belle e vigorose sempre. Sappiamo bene che non è così e possono incorrere con facilità in problemi legati all’attacco di parassiti o ad eventuali variazioni climatiche. Di seguito vi elenchiamo alcuni problemi tipici delle piante di fragole e come correre ai ripari il prima possibile.

  • Le foglie si accartocciano, si ingrigiscono e seccano: è possibile che la pianta sia stata colpita da afidi o da ragnetto rosso. Utilizzate insetticidi specifici prima che la pianta deperisca e perda completamente di vitalità.

    coltivare le fragole

    Piantine di fragole

  • I frutti prima diventano di colorazione grigia e successivamente marciscono: si tratta di botrite, o muffa grigia. Si tratta di un fungo in grado di prolificare in ambienti troppo umidi o troppo congestionati. Si consiglia di eliminare le parti compromesse e di trattare i germogli con prodotti specifici a base di rame.
  • Uccellini o lumache si nutrono delle nostre piante di fragole: coprite le piante con una reticella, oppure utilizzate delle esche lumachicide.
  • Le foglie presentano una tipica muffa di colore bianco: si tratta di oidio, un fungo che si sviluppa in ambienti particolarmente umidi e scarsamente aerati. Usate prodotti specifici a base di zolfo per eliminare il problema, inoltre evitate di bagnare il fogliame e di procedere con innaffiature troppo frequenti.

Balconi Verdi: come creare un balcone verde e profumato
Per i meno fortunati che non possiedono un giardino possono per avere un po’ di verde attorno casa accontentarsi di un terrazzo, di un balcone o ...
La coltivazione degli agrumi: i frutti del sole
Gli agrumi sono le piante per eccellenza da collocare in frutteti familiari o per decorare giardini e terrazzi. E’ inconfondibile la bellezza delle lo...
Cura delle piante in Primavera, consigli per averle sane e forti
E' finito l'inverno, ormai tutti ce ne siamo accorti, e i primi caldi invogliano gli appassionati del verde a portare fuori le proprie piante per perm...
La Cicoria Selvatica: proprietà, coltivazione, utilizzo
La cicoria è apparentemente una pianta insignificante e molto comune. La pianta in natura cresce spontanea, da questa ne sono state ricavate molte var...
Insetti dannosi: la metcalfa pruinosa
La Metcalfa pruinosa è un insetto Omottero; appartiene alla famiglia dei Flatidi. In Europa esistono solo pochissime rare specie appartenenti a questa...
Thunbergia Grandiflora: pianta decorativa o pianta infestante?
La Thunbergia Grandiflora è una pianta originaria del subcontinente indiano, attualmente è presente anche nel continente Australiano come pianta rinse...
Un'erbacea perenne dal fogliame che stupisce: il Coleus
Il genere Coleus è una pianta di origine tropicale, appartiene alla famiglia delle Labiatae, comprende circa 150 specie differenti e provenienti quasi...
L'importanza dei materiali inerti per la vita delle piante
Abbiamo parlato più e più volte dell'importanza di drenare il terreno, in modo tale da evitare ristagni d'acqua e consentire di fornire alla pianta il...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!