L’orto durante le vacanze. Accorgimenti da adottare prima della partenza

Come fare orto

Come fare se l'orto viene lasciato solo?

Se avete un orticello nel vostro giardino o sul balcone, dove magari avete speso tempo ed energie durante l’anno, il momento delle vacanze può essere un problema, perchè il raccolto, e la salute delle piante possono essere messi a rischio a causa della vostra assenza.

Tanto lavoro perso per pochi giorni. Le domande più frequenti sono: “Come fare?” “Chi potrà innaffiare le mie piantine durante l’assenza?” , “Chissà se è possibile fare una cura preventiva prima della mia partenza?”

L’assenza da casa per un periodo, può provocare una serie di problematiche al proprio orto, ovviamente di differente entità a seconda della durata dell’assenza.

Proprio per questo motivo sono differenti anche gli accorgimenti da adottare, diminuendo così la probabilità di rovinare completamente il raccolto.

Ma vediamo le diverse problematiche, correlate ai differenti periodi di vacanza.

I periodi più frequenti di allontanamento da casa hanno solitamente una durata media che si attesta tra i 2 ed i 15 giorni.

Ovviamente lasciare incustodito il giardino per due giorni rispetto a due settimane è nettamente differente.

Per gli amanti del fine settimana, le preoccupazioni da porsi non sono molte ed i danni che si rischiano nei confronti del raccolto non sono gravi, tranne in casi eccezionali come una calamità naturale, che in ogni caso può essere distruttiva.

Come fare se l’orto è lasciato solo per un fine settimana?

coltivare ortaggi

Prima di partire è importante raccogliere frutta e verdura maturi

Ma vediamo nello specifico il problema del week-end. La prima cosa da fare prima di partire, è raccogliere frutta e verdura maturi, conservandoli o in un cesto riposto in un luogo asciutto e all’ombra, oppure in frigorifero.

In caso aveste appena piantato i vostri semi, proteggeteli dalla costante radiazione solare, attraverso l’uso di un telo traspirante oppure una cassettina di frutta, che permette il passaggio della luce e protegge le piante da una quantità di acqua eccessiva, provocata da piogge improvvise ed intense.

Come fare se l’orto è lasciato solo per 1 o 2 settimane?

Se invece la durata della vostra assenza si prolunga per due settimane (durata media delle ferie estive), allora il discorso cambia radicalmente.

La preoccupazione è più che lecita, un’assenza così prolungata nel tempo mette a rischio realmente la vita delle vostre piante.

La prima cosa da fare è trovare qualcuno disposto a curare le piante durante la vostra vacanza.

Ovviamente ciò che dovrà fare sarà bagnare il terreno, senza provocare ristagni e raccogliere gli ortaggi giunti a maturazione.

Il raccolto naturalmente non potrà essere conservato per voi, ma potrebbe essere una piacevole ricompensa per chi si è offerto di aiutarvi.

In caso contrario non è possibile coltivare ortaggi a lungo ciclo come i pomodori, perchè verrebbero lasciati a loro stessi durante il pieno ciclo produttivo.

A questo punto la possibilità verte sugli ortaggi a ciclo breve come i fagiolini e l’insalata.

Organizzandosi con la semina, sarà possibile fare il raccolto, prima di partire.

Esempio Telo forato

Quindi la prima cosa da fare è rigirare e muovere il terreno e ricoprire l’intero orto, con teli forati, che impediscono di far proliferare le malerbe, garantendo comunque il passaggio della pioggia e dei raggi solari.

Al ritorno delle ferie, basterà piantare nuovamente gli ortaggi e il terreno sarà già pronto per l’uso!

Anche una settimana può essere un tempo sufficiente per rovinare il raccolto. Pur seguendo gli stessi accorgimenti dell’assenza per due settimane, sarebbe il caso di acquistare un impianto di irrigazione automatico, in caso contrario affidatevi sempre a qualche amico fidato.

Per assenze inferiori, non dimenticatevi mai di raccogliere ortaggi e frutta maturi e fate qualche bagnatura abbondante e non eccessiva, in modo da idratare le piante durante la vostra assenza.

Non è sicuro al 100% che il vostro orticello non avrà traumi durante la vostra vacanza, ma sarete sicuri di aver fatto tutto il possibile per mantenere in vita i vostri ortaggi.

La begonia: cura e coltivazione
Il genere Begonia appartiene alla famiglia delle Begoniaceae, classe Dicotiledonae, e comprende oltre mille specie distinte che si dividono in tuberos...
MARZO: è ora di piantare l'Aralia Japonica
L'Aralia è una pianta molto affascinante, che può essere collocata sia in appartamento che in giardino, crescendo rigogliosa in tutta la sua maestosit...
Al mare o in montagna: curare il giardino e l'orto ad Aprile
I cambiamenti climatici che avvengono ad inizio primavera sono differenti a seconda dei climi. In più l'aumentare delle temperature provoca anche lo s...
Innestare le piante per renderle resistenti e produttive
L’innesto è un metodo di moltiplicazione delle piante che prevede l’unione di porzioni di piante diverse in modo da costituire un unico individuo....
Creare aiuole fiorite e splendidi vasi con le viole
Le viole sono bellissimi fiori colorati con poche pretese. Sono perfetti per dare una nota di colore allegra alle aiuole, alle bordature e ai nostri t...
Tutto sul porro: dalla semina alla raccolta
Il porro è un ortaggio appartenente alla famiglia delle Liliacee, stretto parente sia del giglio che della cipolla, ha da sempre un posto d’onore all’...
Un fiore invernale: la Camelia Sasanqua
Le camelie invernali sono le piante che meglio rispondono alle richieste dei più esigenti. Si tratta di esemplari particolarissimi, frutto di ricerche...
Albicocco, un albero dai frutti ricchi di vitamine
L’albicocco è una pianta da frutto appartenente alla famiglia delle rosacee. Molti botanici ritenevano che questa pianta avesse origine dall’Armenia, ...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.