I parassiti delle piante: un rapido elenco dei più comuni

Ci sono molti infestanti che possono essere la causa di problemi per i vostri giardini e le vostre piante. Alcuni di questi attaccano un’intera gamma di piante, altri sono più selettivi e si limitano ad attaccare solo determinate specie precise.

Di seguito verranno elencati i più comuni infestanti. E’ molto importante verificare molto di frequente la presenza o l’assenza di infestanti e, se presenti, agire con rapidità, in maniera tale da evitare il radicarsi dell’infestazione.

Esistono insetti che causano un certo numero di danni alla pianta, ma ne esistono altri che sono in grado di distruggere rapidamente un intero raccolto. Non è comunque nell’interesse dei processi naturali il distruggere completamente la pianta ospite; i problemi dati dai parassiti sono più volte molto noiosi da eliminare piuttosto che catastrofici.

In presenza di parassiti vi troverete a dover scegliere di utilizzare soluzioni chimiche o organiche per l’eliminazione.

I parassiti delle piante tipologie e rimedi

Afidi

Afidi

Afide

Gli afidi sono insetti alati verdi, marroni e neri che succhiano la linfa dei rami nuovi. Sono la piaga più comune che infesta i giardini. Si può riscontrare la presenza di afidi quando rami e foglie nuove sono caratterizzati da punte distorte. In più questi parassiti rilascino uno strato appiccicoso, accompagnato spesso da muffa, in grado di attirare le formiche.

Se si decide di trattare in maniera organica il problema si dovrà spruzzare la pianta con del sapone insetticida, oppure si dovrà avere premura di eliminare gli afidi dalla zona interessata dal problema. Se si vuole risolvere chimicamente il problema si potrà trattare la pianta, ad intervalli regolari, con un insetticida sistemico facilmente reperibile come la permetrina.

Bruchi

Bruco

Bruco

Caratterizzati da corpi tubolari e di vari colori, i bruchi sono le larve di farfalle e falene. I bruchi agiscono molto velocemente e sono in grado di spogliare in poco tempo un’intera pianta.

Va quindi controllato spesso il fogliame.

Una volta individuato l’insetto va tolto manualmente, oppure se preferite agire con una soluzione chimica anche in questo caso si consiglia l’uso di un insetticida come la permetrina.

Forbicine

Lasciano fori su foglie e fiori. Le forbicie sono piccoli insetti dal colore marrone lucido e caratterizzati da una coda a forma di forbice. Per eliminare organicamente questo parassita si possono collocare dei vasi pieni di paglia sopra le piante in questione per una nottata. Togliendoli al mattino le forbicine rimarranno intrappolate nella paglia. Per un rimedio chimico si consiglia un insetticida specifico.

Parassiti delle foglie

Queste larve creano un tunnel attraverso le foglie dalle tipiche linee sinuose. Questi parassiti creano più un problema estetico che dannoso per la pianta. Per eliminarle basta togliere le foglie compromesse appena si rileva il problema.

Ragnetti rossi

Ragnetti rossi rimedi

Ragnetto rosso

Questi piccoli insetti si nutrono di linfa, causano foglie arricciate e chiazzate. E’ utile mantenere sempre le piante umide, soprattutto la parte inferiore delle foglie. In parte aiuterà a prevenire la comparsa del parassita. Per un rimedio chimico si consiglia l’utilizzo di un insetticida specifico.

Emitteri

A prima vista sembrano delle protuberanze marroni sulle foglie e sugli steli. Per riconoscerne la presenza si devono cercare foglie dalla crescita stentata e ingiallite. Sulle foglie più basse si troverà uno strato appiccicoso, spesso accompagnato da muffa fuligginosa.

Per risolvere questo problema è necessario utilizzare regolarmente un insetticida, soprattutto in tarda primavera o inizio estate.

Lumache e chiocciole

Si avverte la loro comparsa dopo la pioggia. Questi parassiti si cibano di notte ed è facile notare la loro presenza caratterizzata da fori nelle foglie e steli spogli.

Attorno alla pianta sarà facile trovare una scia argentata. Per eliminarle vanno raccolte di notte, oppure è possibile annegarle con trappole imbevute di birra. Se si vuole optare per una scelta chimica si dovranno cospargere le basi della pianta di pallottoline di repellente.

Tripidi

Sono piccoli insetti bruni che attaccano la superficie superiore delle foglie. Prosperano in condizioni di caldo asciutto. Sono tipici di una vasta gamma di piante ornamentali e commestibili.

Si riconoscono per una decolorazione argentea caratterizzata da puntini neri rilevabile sulla superficie superiore delle foglie.

Spruzzare le piante con regolarmente le piante con acqua o insetticidi chimici elimina il parassita.

Come scegliere l'albero di Natale
Si avvicinano le feste di Natale e ci ritroviamo a dover pensare all’acquisto dell’albero. L’offerta è vastissima, a partire dagli esemplari veri, ...
Il Pero: un albero da frutto comune
La pianta del pero riesce a dare raccolti generosi e di buonissima qualità per decine di anni. Se le condizioni sono adatte questa pianta è in grado d...
Al mare o in montagna: curare il giardino in piena estate
Nei mesi estivi le differenze climatiche tra i territori montani e quelli marini sono sostanziali, così come sono molto diverse le operazioni da svolg...
Un’antica pianta insetticida: Neem
Questa pianta viene utilizzata dagli agricoltori indiani da circa tremila anni. Si tratta di un albero a crescita spontanea presente in tutto il paese...
Settembre: il giardino al mare e il giardino in montagna
Cosa fare al mare i in montagna nei nostri giardini. La stagione sta cambiando e le temperature si abbassano di giorno in giorno. Ogni giardino avrà b...
Seminare il prato
Seminare il prato è un’operazione piuttosto semplice, ma va eseguita seguendo delle regole ben precise se si vuole ottenere un risultato invidiabile. ...
Curare l’orto: quando seminare le cipolle
La cipolla è una bulbosa biennale, normalmente coltivata come pianta annuale. Si presenta con l’aspetto di un bulbo di grandi dimensioni, fatto a stra...
I Sedum, un genere di piante grasse di facile coltivazione
Il genere Sedum appartiene alla famiglia delle crassulacee, ovvero delle piante grasse. Il nome Sedum deriva dal latino sedeo, mi siedo, ed allude al ...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!