Il peperoncino: coltivazione, proprietà e conservazione

Il peperoncino appartiene alla famiglia delle solanacee. Nei suoi climi d’origine (America centrale e meridionale) è una pianta perenne.

Si presenta con fusto eretto, foglie picciolate, ovali e lanceolate.

La fioritura avviene tra primavera ed estate, è caratterizzata da piccoli fiori di colore bianco.

I frutti hanno colori e forme differenti a seconda delle varietà, dalla tipica bacca carnosa e cava nel suo interno.

La pianta di peperoncino vede la sua diffusione, partendo dai territori dalle Americhe, in tutto il mondo, nel Cinquecento a partire dai viaggi di Colombo. In Europa il peperoncino non si presenta allo stato selvatico, ma si coltiva normalmente in tutte le sue varietà.

Coltivare il peperoncino

Pianta di Peperoncino

Pianta di Peperoncino

Le indicazioni di coltivazione che seguiranno si riferiscono a quelle a bacca rossa e piccola, di tipo lungo o tondo, dal sapore deciso e piccante. Di queste tipologie ne esistono molti tipi differenti.

Il peperoncino è una pianta tipica dei climi caldi, è quindi molto sensibile alle basse temperature.

In Europa, a causa delle temperature invernali, viene coltivato quindi come pianta annuale, perdendo le sue caratteristiche di perenne.

Questa pianta cresce molto bene sia in vaso che in piena terra; è anche possibile utilizzarla per comporre bordature.

Le tipiche bacche colorate rendono la pianta del peperoncino decisamente ornamentale: la “Big Wonder” è tra le varietà maggiormente decorative, i frutti sono di colore viola con tonalità che virano verso il giallo e il rosso.

La semina del peperoncino

La moltiplicazione di questa pianta avviene tramite seme. I semi, ottenuti dagli esemplari più sani della stagione passata, si collocano in semenzaio nel mese di marzo, in postarelle profonde da 1 a 2 centimetri.

In due settimane ci sarà la germinazione, ma prima del trapianto in piena terra è opportuno attendere che spunti almeno la quinta foglia. Tra un

peperoncino coltivazione

Peperoncino decorativo

esemplare e l’altro si deve mantenere una distanza di circa 30 – 40 centimetri. Se si vuole rendere più rapida l’operazione si possono trapiantare piante allevate in vaso facilmente reperibili in commercio in ogni garden center.

I terreni ottimali per la coltivazione del peperoncino sono ricchi di materia organica, caratterizzati da un buon drenaggio. Le innaffiature devono avvenire con regolarità, evitando comunque i ristagni idrici che possono causare fenomeni di marcescenza.

Si consiglia di eseguire frequenti zappettature, utili sia per arieggiare il terreno che per evitare la propagazione di infestanti pericolosi.

Raccolta e conservazione del peperoncino

conservazione del peperoncino

Conservazione del peperoncino per essiccazione

Di questa pianta si raccolgono i frutti in piena maturazione provvisti di picciolo. Possono essere consumati freschi, oppure conservati in svariati modi.

Per la conservazione è possibile far essiccare i peperoncini in pieno sole, raccogliendoli in tipici mazzetti o ghirlande. Il processo di essicazione non deve avvenire in ambienti chiusi, o nella stessa cucina, gli odori tipici di questi ambienti potrebbero alterarne leggermente il sapore.

Un’alternativa comoda e facilmente realizzabile in casa prevede l’essicazione nel forno, sempre non superando i 75° per evitare di alterarne la fragranza.

Una volta essiccati i peperoncini si possono ridurre in polvere semplicemente utilizzando un mortaio, assumendoli in questa maniera i principi attivi potranno essere assimilati in maniera migliore dal corpo umano.

E’ possibile conservare la polvere di peperoncino per molto tempo, se conservati in vasi ben chiuso. Un’altra soluzione per conservare i peperoncini e sott’olio, in questa maniera si manterrà inalterato il tipico sapore piccante.

Il peperoncino in cucina

Il peperoncino è caratterizzato da un sapore intenso, quindi è importante utilizzarlo in piccole quantità. Se usato con cautela può dare un accento particolarmente gradito a primi e secondi, salse, sughi e ogni sorta di intingolo.

Aggiungendolo a piatti particolarmente grassi ne faciliterà la digestione. Un consiglio: se privato dei semi il peperoncino sarà meno piccante.

Le proprietà del peperoncino

Il tipico sapore piccante del peperoncino è dato dalla pepsicina. Contiene inoltre un buon numero di vitamine. I semi contengono invece lecitina:

Peperoncino in polvere

Peperoncino in polvere

questa sostanza si combina con il colesterolo del sangue ed è in grado di mantenere elastiche le arterie, questo contribuirà all’abbassamento della pressione arteriosa.

Ma le virtù benefiche del peperoncino non si esauriscono qui. E’ infatti utile per stimolare la circolazione sanguigna e regolare l’intestino. Non è consigliato il consumo di peperoncini per chi soffre di acidità di stomaco, ulcere e fenomeni di gastroenteriti.

Se quindi lo si vuole utilizzare con finalità terapeutiche è bene seguire consigli medici per poter testare le tolleranze individuali.

I peperoncini vanno manipolati con prudenza, poiché il contatto con pelle, labbra e occhi potrebbe causare irritazioni.

Cosa fare in Maggio per le piante in casa e in balcone
Non tutti disponiamo di un giardino ricco di fiori o di un orto, ma molti di noi hanno un balcone fiorito o semplicemente delle piante in casa. Anche ...
I pomodori, varietà dei protagonisti dell’orto e della tavola
La cucina italiana non sarebbe tale senza i pomodori, sia nelle varietà tradizionali che in quelle meno note. Un esempio di successo è senza dubbio l...
La Salvia: coltivazione e proprietà della regina della tavola
La salvia è una pianta cespugliosa appartenente alla famiglia delle Labiate. Questa pianta viene considerata la pianta aromatica per eccellenza e il s...
Una piccola pianta succulenta: la Delosperma
La Delosperma è una piccola pianta succulenta in grado di crescere su suoli sassosi, poveri e con poco terreno. Si adatta bene ai giardini rocciosi, d...
Perché le piante di fico non fanno fiori?
Pensateci. Avete mai visto i fiori di una pianta di fico? Sicuramente vi ricorderete con facilità i fiori di meli, peri, susine, ciliegi e molti altri...
Il problema della cocciniglia nelle piante d'appartamento in autunno
Si attesta la presenza di più di 5.000 specie differenti di cocciniglie divise per aree geografiche di appartenenza. Solamente un numero limitato di e...
Coltivare in inverno: la brina, un fenomeno molto comune a dicembre
Il freddo è arrivato, ce ne siamo ormai resi conto. Le giornate sono più corte e le ore di luce sono sempre meno. Se si abita nelle ragioni del nord l...
Piante spontanee del Mediterraneo. Due lamiacee: il the siciliano e il camedrio femmina
Piante spontanee del Mediterraneo: Prasium majus, il the siciliano Il the siciliano è una labiata spontanea di molte regioni italiane che si affaccia...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!