Il pero: coltivazione, esigenze e varietà

Il pero, Pyrus communis, appartiene alla famiglia delle rosacee, come il melo, il pesco, l’albicocco, il mandorlo, il susino e molti altri alberi preziosi per la nostra alimentazione. Questa pianta è originaria dell’Europa, sia nella sottospecie “sativa”, quella coltivata, che nella sottospecie “piraster”, ovvero il pero selvatico.

Il pero è un albero vigoroso, e può raggiungere dimensioni di 12 metri, con i rami che si caratterizzano per il loro portamento eretto.

La fioritura del pero si ha in genere in primavera con la comparsa di numerosissimi fiori di colore rosa-bianco, mentre i frutti compaiono in estate o in autunno a seconda delle varietà.

Impianto

Il pero si adatta bene a terreni tendenti all’argilloso, ma è comunque abbastanza esigente in termini di suolo e vegeta male nei terreni poco fertili. Di conseguenza è opportuno somministrare una abbondante concimazione organica proprio al momento dell’impianto. Il pero teme inoltre i ristagni di umidità a livello delle radici, per cui è importante che il terreno abbia un drenaggio adeguato. Importante è la scelta del portainnesto, questo deve adattarsi al tipo di suolo e al clima.

L’innesto del pero

Il portainnesto più usato in Italia è il cotogno, che permette all’albero di mantenere dimensioni contenute, anticipa l’entrata in produzione della pianta e conferisce buone caratteristiche ai frutti. Tuttavia in terreni calcarei il pero innestato su cotogno va incontro a clorosi ferrica, e quindi in questi casi si possono utilizzare piante innestate su franco o su pero selvatico. Il cotogno inoltre non si adatta all’innesto di alcune importanti varietà di pero come “kaiser” e “William”, per cui in questi casi si dovrà operare un’ innesto intermedio: di solito si innesta su cotogno la varietà “Butirra hardy” e su questa si può quindi innestare successivamente la kaiser o la William.

Scelta della varietà di pero

fioritura pero

La fioritura del pero si ha in genere in primavera con la comparsa di numerosissimi fiori di colore rosa-bianco

Il pero racchiude molte varietà che si distinguono in funzione della utilizzazione dei frutti e dell’epoca di maturazione. A seconda dell’uso che se ne fa, le pere infatti si dividono in “da tavola”, “da confetture”, “da cuocere” e “da sidro” (poco utilizzate in italia).

Riguardo la maturazione si dividono in precoci, a media maturazione e tardive. In genere si consigliano le varietà precoci nel sud Italia e le varietà a media maturazione nel centro nord.

Tra le varietà a maturazione estiva, molto diffusa sono le varietà William e “coscia”, quest’ultima dai frutti di medio-piccola pezzatura, particolarmente saporiti.

Tra le varietà a maturazione autunnale più famose vi è la “Abate Fetel”, dal frutto allungato e di grossa pezzatura.

Tecniche colturali

La potatura del pero

pero coltivazione

Pere dalla buccia rossa, di piccola pezzatura, molto dolci. Si trovano maggiormente nel sud italia e nelle isole

La potatura va eseguita ogni anno: nei primi anni va effettuata una potatura di allevamento con tagli limitati, solo per conferire alla pianta la forma e la struttura desiderata. Successivamente si attuerà la potatura di produzione, eliminando il legno vecchio per rinnovare la chioma nel periodo invernale e rimuovendo tutti i polloni e succhioni tra giugno e luglio.

L’ irrigazione assume particolare importanza al centro sud, dove spesso le precipitazioni annuali non sono sufficienti ad assicurare la giusta quantità d’acqua alla pianta.

Avversità

Per avere piante sane è importante che il materiale che compriamo dal vivaio sia esente da malattie e certificato.

Il pero è infatti soggetto a batteriosi (Erwinia amilovora) difficilmente curabili se non con la prevenzione. Molti insetti attaccano il pero, tra cui la psilla del pero, Psylla piri, che con le punture di nutrizione e l’emissione di melata danneggia fortemente la chioma.

Anche il verme delle mele, Cydia pomonella, può attaccare il pero, con le larve di questa farfalla che scavano gallerie all’interno dei frutti.

Piante officinali, piante medicinali e piante aromatiche
L’origine del nome è latina; deriva dalla parola “officina”, che si riferisce ai laboratori farmaceutici dove si lavoravano le erbe per creare compost...
Il glicine: rampicante primaverile per eccellenza
I glicini e la loro fragranza dolce non possono mancare come sfondo scenografico di ogni primavera; il loro impeto vegetativo è un chiaro simbolo di v...
Il bambù per creare rinfrescanti zone d'ombra in giardino
Creare una zona d’ombra utilizzando il bambù è un’operazione molto facile. La frescura sarà garantita, in più non saranno necessarie cure particolari,...
Cosa fare in giugno per le piante in casa e in balcone
Consigli e suggerimenti per ottenere e mantenere un bel balcone fiorito durante il mese di giugno. Piante adatte anche per chi non ha tempo o non ha g...
Il radicchio rosso. Seminalo adesso nell'orto
Il radicchio rosso è una tipologia di insalata tipica del periodo autunnale, se seminata adesso sarà pronta per essere raccolta e consumata nel mese d...
Thunbergia Grandiflora: pianta decorativa o pianta infestante?
La Thunbergia Grandiflora è una pianta originaria del subcontinente indiano, attualmente è presente anche nel continente Australiano come pianta rinse...
Un albero di noci nel frutteto
Il noce appartiene alla famiglia delle juglandacee. Si tratta di esemplari longevi che riescono a raggiungere altezze considerevoli, fino anche a 30 m...
Pieris: sfumature di colore rosato in giardino
Se nel vostro giardino state già coltivando Camelie e Rododendri vi suggeriamo di provare a coltivare anche una Pieris. Si tratta infatti di una piant...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!