E’ tempo di piantare un nuovo albero in giardino

L’estate sta volgendo al termine e l’autunno, con le sue temperature miti e il terreno ancora tiepido dalla stagione appena trascorsa, è il periodo ottimale per piantare nuovi alberi nel proprio giardino.

Sarà opportuno iniziare a visitare vivai già dal mese di settembre, in modo tale da farsi un’idea sul tipo di albero da piantare.

Mettere a dimora il giovane albero

Mettere a dimora il giovane albero

La scelta sarà vasta, potrà anche capitare che sulle etichette apposte sui giovani alberi in vivaio non siano presenti informazioni in merito alle dimensioni che l’esemplare può raggiungere in età adulta.

Vi consigliamo caldamente di informarvi prima di procedere con l’acquisto: è bene essere sicuri che il vostro giardino sia in grado di ospitare al meglio il giovane albero, soprattutto nella sua fase matura. In più è molto importante conoscere queste informazioni per evitare errori di posizionamento durante la messa a dimora dell’esemplare.

Un’altra operazione importante da fare prima di procedere con l’acquisto è di confrontare i prezzi fra i vari vivai per essenza della medesima dimensione e qualità. Di sicuro gli esemplari a prezzo più basso sono quelli più giovani. Scegliere un esemplare già sviluppato costa sicuramente di più, si garantisce un effetto immediato ma esiste qualche problema in più per quanto riguarda l’attecchimento.

Rivolgetevi sempre a vivai specializzati, assicurandovi inoltre che questi garantiscano un’adeguata preparazione e un trasporto con le relative cure necessarie.

Come procedere prima della piantumazione

piantumazione

Proteggere il fusto dell'albero

La buca che alloggerà il nuovo albero deve essere preparata circa due o tre settimane prima della messa a dimora. Utilizzate terriccio fertile di composta o normale terriccio in sacchi “da trapianto” da integrare con quello di risulta.

Una volta realizzata la buca è necessario innaffiare il suolo e lasciare che l’acqua di bagnatura si sia assorbita completamente. Ricordatevi di verificare che il drenaggio del terreno sia buono, in maniera tale da evitare problemi successivi alla messa a dimora, spesso difficilmente risolvibili in maniera semplice.

La buca da realizzare deve essere di dimensioni più grandi rispetto alla zolla di terreno del nuovo albero, in maniera tale che le radici non presentino difficoltà nell’espandersi. Prima di collocare l’albero nel luogo preposto eliminate completamente l’imballo che avvolge le radici, se necessario lavorate in due (soprattutto se l’albero è di grandi dimensioni e le radici hanno intrappolato l’imballo).

A questo punto potete mettere a dimora l’albero, inoltre verificate che questo non abbia necessità di un tutore per sostenere il peso: se fosse così sarà opportuno collocarlo al momento dell’impianto stesso, si eviterà di danneggiare involontariamente l’apparato radicale.

Si consiglia di evitare di collocare i tutori direttamente nel pane radicale, meglio collocarne tre disposti a triangolo vicino alla zolla. Il risultato sarà più stabile.

Il legaccio utilizzato per fissare i tutori all’albero deve essere robusto, ma deve consentire una discreta elasticità nei movimenti. Scegliete quindi delle fascette morbide, della rafia, o degli elastici specifici da vivaista. Man mano che la pianta cresce è importante verificare

piantare albero

Alberi in vivaio

sempre la tenuta delle legature, evitando soprattutto indesiderate strozzature dell’esemplare.

Per proteggere il tronco della pianta si consiglia di collocare una fasciatura di stracci di cotone proprio in corrispondenza del punto di frizione con il tutore: in questa maniera si eviteranno fastidiose abrasioni e ferite.

Quando collocate la pianta nella buca scavata appositamente assicuratevi che il pane radicale risulti leggermente al di sotto del livello del terreno; inoltre il colletto (intersezione fra radici e fusto) deve essere collocato poco sopra il terreno, non del tutto immerso; ci si deve inoltre assicurare di compattare bene il terreno in quell’area.

Per favorire l’afflusso dell’acqua, sia delle bagnature che quella piovana, realizzate una conca intorno alle radici: in questo modo l’acqua non si disperderà, raggiungendo in tempi molto brevi la profondità necessaria per irrigare l’apparato radicale.

Durante il primo anno d’impianto dell’albero sarà necessario bagnare con costanza e in modo generoso.

Lo spazio necessario per far posto alle radici

 albero giardino

Attenzione allo sviluppo incontrollato delle radici

E’ possibile seguire una regola per capire l’ordine di grandezza che assumeranno le radici degli alberi nel terreno: solitamente le radici sono in grado di espandersi in profondità ad una dimensione pari circa all’altezza della parte aerea dell’albero, per quanto riguarda invece la larghezza questa assumerà più o meno lo stesso diametro della chioma.

Naturalmente è sempre importante considerare il tipo di albero e le condizioni di crescita e coltivazione. Se queste sono sfavorevoli, e ci si trova in presenza di terreni pesanti o poco irrigati le radici raggiungeranno uno strato piuttosto superficiale, in maniera tale da espandersi maggiormente nell’area in cui si attesta la presenza di acqua. Irrigare superficialmente è poco è una tecnica decisamente sbagliate quando si tratta di alberature: lo sviluppo di radici superficiali creano spesso problemi e fastidi.

Proteggere la pianta da potenziali pericoli atmosferici e non

I giovani alberi sono sovraesposti a molti pericoli. Tra questi sicuramente ci sono gli animali selvatici pronti a rosicchiarne il colletto, mettendo in grave rischio la salute della pianta. Ma non basta, anche il sole e il vento rischiano di disidratare l’esemplare, così come una gelata inaspettata può provocare danni a volte irreversibili.

Sarà quindi importante cercare di proteggere il fusto della pianta. Si consiglia di optare per un cannicciato avvolto attorno al tronco e fissato mediante cinghie elastiche.

Se volete potete utilizzare la juta: ottima poiché permette la traspirazione della pianta. Questa sorta di protezione non deve soffocare la pianta, è bene quindi non fissarla in maniera troppo stretta. Poiché il giovane albero potrebbe crescere con rapidità è anche importante controllarla regolarmente, e se necessario regolarla in maniera tale da non compromettere la crescita della pianta.

Agricoltura urbana: Come coltivare il proprio orto in città
Nel fare agricoltura in città ci si imbatte immediatamente in alcune prime domande che riguardano la qualità del prodotto finale. Questo perché la cit...
La teoria dei colori per creare il giardino
Oltre ad una pianificazione attenta, per realizzare un giardino ben progettato, è necessaria l’abilità che si acquisisce col tempo. Se siete all’inizi...
Venaria Reale: riapre il Potager Royal
Dopo più di due secoli di degrado e circa 10 anni per il restauro finalmente riapre il 16 Aprile il Potager Royal. Sarà l’orto più grande d’Italia, ma...
La Rosa, il fiore di Maggio
La rosa è il fiore più amato dagli italiani. Ogni anno, grazie alla sua spiccata variabilità genetica, gli ibridatori propongono nuove varietà. I viva...
Il giardino a giugno: bordature e aiuole fiorite
Cosa fare per coltivare al meglio aiuole e bordature nel mese di giugno.
Una pianta rampicante decorativa: la Bignonia grandiflora
E’ una pianta dal grande valore decorativo, soprattutto grazie ai fiori dalla caratteristica forma a tromboncino. Questi fiori hanno solitamente una c...
Lavori di giardinaggio da fare nel mese di ottobre
Il mese di ottobre segna la ripresa di molte attività: le vacanze sono ormai uno sbiadito ricordo, le scuole sono iniziate e il lavoro è entrato in pi...
I kaki: preziosi frutti autunnali
I kaki sono originari della Cina, anche se vedono il loro maggior successo in Giappone, dove la diffusione è ormai radicata nel tempo. Il frutto di q...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!